Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


sabato 13 luglio 2019

Viaggio multimodale attorno a me stessa - Da un post di Marco Lazzara


Tra un esame universitario e l'altro, anche quest'anno partecipo molto volentieri all'iniziativa di Marco Lazzara dei Viaggi multimodali. Stavolta si tratta di identificare il tema del viaggio fuori da se stessi, anziché dentro. Si tratta di momenti che si sono rivelati cruciali per la propria formazione, come si evince dal suo post che potete trovare qui. I temi sono comunque sempre quelli dell'Arte, della Letteratura, del Cinema e della Musica.


Arte: Il Battistero di San Giovanni a Firenze

Il viaggio mi è stato sempre congeniale, e spesso l'ho associato con l'arte. Cioè con la Bellezza. Ho sempre desiderato viaggiare per visitare i luoghi d'arte e ho sempre dovuto mordere il freno, perché i miei genitori non avevano grandi possibilità economiche. I primi viaggi sono state le gite scolastiche alla scuola media, ma non li considero perché di quel segmento scolastico ho pessimi ricordi (frequentavo una scuola gestita dalle suore angeliche, che di angelico avevano ben poco...).

Preferisco invece parlarvi del mio primo, vero incontro con l'arte. Ero riuscita a convincere i miei genitori a partecipare a un viaggio organizzato che avrebbe toccato i principali punti della Toscana. Quando vidi la cattedrale di Santa Maria del Fiore a Firenze, rimasi a bocca aperta: era come una visione angelica. Stentavo a credere che potesse esistere qualcosa di così bello al mondo, e anche l'interno mi abbagliò.

Ma non era finita, perché passammo a visitare il Battistero di San Giovanni con le meravigliose porte bronzee, e la porta del paradiso del Ghiberti. Infine, la folgorazione finale, cioè l'interno con gli splendidi mosaici... di cui potete vedere, qui, il Cristo Giudice dell'abside. Fui colta dalla sindrome di Stendhal, che ancora adesso non mi è passata!


Letteratura: Il Corsaro Nero di Emilio Salgari

Per me i viaggi in letteratura hanno assunto la forma dei romanzi d'avventura di Emilio Salgari, e che viaggi! Più che altro si potrebbe parlare di avventure, inseguimenti, duelli, imboscate... Gli spostamenti sono padroni assoluti nella produzione di Emilio Salgari, che in realtà si mosse molto poco dalla sua Torino.

Con questi romanzi ho avuto la possibilità di "viaggiare", almeno con la fantasia. Ho partecipato agli arrembaggi insieme ai pirati della Malesia, ho combattuto durante l'assedio di Famagosta, sono fuggita in mezzo alle stragi delle Filippine e, non da ultimo, ho veleggiato sulla Folgore del Corsaro Nero.

A mio campione, eleggo quindi Il Corsaro Nero come uno dei romanzi più rappresentativi. Nel romanzo, al capitolo XXII "La savana tremante", c'è una scena di inseguimento mozzafiato in mezzo alla foresta, di cui riporto un passo:

Lasciarono il cadavere del coguaro e si rimisero in cammino attraverso la sconfinata foresta, riprendendo la faticosa manovra del taglio delle liane e delle radici che impedivano loro il passo.
Si erano allora impegnati in mezzo ad un terreno imbevuto di acqua, dove gli alberi più piccoli avevano acquistate dimensioni enormi. Pareva che camminassero su di una spugna immensa, perché colla sola pressione dei piedi schizzavano fuori, da centomila pori invisibili, dei getti d’acqua.
Forse in mezzo alla foresta si nascondeva qualche savana e chissà, forse qualcuno di quei bacini traditori, chiamati savane tremanti, col fondo costituito di sabbie mobili, che inghiottono qualunque essere osi affrontarle.


Oggi la prosa di Salgari può far sorridere, ma all'epoca era come una miccia che dava fuoco alle polveri, per riprendere un altro elemento tipico delle sue ambientazioni. Inoltre, non si tratta soltanto di un viaggio geografico, quello che il protagonista compie e fa compiere al lettore, perché questo personaggio romantico deve evolvere dall'idea della vendetta contro il duca Van Gould, al perdono e alla pace interiore. Il tutto passa attraverso "il dono del diavolo", come lo chiama lui stesso, ovvero l'amore inaspettato per la figlia di Van Gould...


Cinema: Blade Runner di Ridley Scott (1982)

Avevo diciotto anni quando vidi questo film al cinema, e posso dire che ha rivoluzionato il mio sguardo... perlomeno quello cinematografico. E mi ha fatto compiere un vero e proprio viaggio, aprendo un passaggio spazio-temporale. Mi ero recata a un cinema nel centro di Milano, in compagnia di un'amica. Ricordo ancora la posizione della sala che oggi non esiste più, mi sembra che si chiamasse Anteo e si trovava a metà di corso Vittorio Emanuele. In sala non c'erano moltissime persone: come sapranno i cultori di Blade Runner, il film non decollò subito e fu accolto dalla critica con grande perplessità.

Per me e la mia amica fu una visione sconvolgente, e non solo per gli effetti speciali perché eravamo già abituate con Guerre Stellari, ma perché era qualcosa di assolutamente innovativo da tutti i punti di vista. Ricordo che uscimmo dalla sala senza dire una parola, in quanto eravamo frastornate e occorreva del tempo per raccogliere i pensieri su un'opera gigantesca. Concordammo comunque che il personaggio del replicante Roy Batty faceva mordere la polvere al povero Rick Deckard.

Da quel momento in poi, Blade Runner ha mantenuto saldamente la prima posizione nella classifica dei miei film preferiti, ed è stato da me rivisto innumerevoli volte. La considero un'opera perfetta e completa: contiene la fantascienza, la filosofia, la storia d'amore, la detective story, il tema dell'ambiente, la ricerca delle origini e del proprio creatore, l'essere umano e quello artificiale... Di recente, come regalo ho ricevuto il cofanetto con le versioni cinematografiche, interviste agli attori, ai produttori, agli sceneggiatori e al regista, servizi sulla lavorazione del film, backstage, scene tagliate, curiosità di ogni tipo. Inutile dirvi che ho visto tutto avidamente.


Musica: Bomba o non bomba di Antonello Venditti (1978)

Correva l'anno 1978 quando Antonello Venditti cantava Bomba o non bomba, noi arriveremo a Roma. All'epoca avevo quindici anni e si era in pieno periodo delle Brigate Rosse con attentati, rapimenti e gambizzazioni. Nel testo di il cantautore romano cita il collega e amico Francesco De Gregori, con il quale aveva debuttato con il disco Theorius Campus. Il brano infatti ripercorre metaforicamente il cammino e gli incontri fatti dai due cantautori per raggiungere il successo, rappresentato da Roma come meta finale. Quindi le bombe dei terroristi c'entrano poco, ma io facevo questo tipo di associazioni.

Per quanto mi riguarda questa canzone è particolarmente legata al tema del viaggio per alcuni buoni motivi: per andare a scuola prendevo un paio di mezzi pubblici - la metropolitana linea rossa e poi, in via Ludovico Ariosto, il tram che mi portava in corso Sempione a poca distanza dal mio liceo - e quindi era un piccolo viaggio quotidiano. Si usciva di casa e non si aveva la sicurezza di rientrare illesi, però: una volta ero passata in una strada e poco tempo dopo c'era stata una sparatoria. A dirvi la verità non ero molto preoccupata, perché vivevo il periodo con l'incoscienza dell'età.

In secondo luogo la canzone parla di un viaggio per arrivare a Roma, che sono riuscita a vedere molto più tardi.



... e con questo omaggio a Roma mi raccordo con il tema dell'Arte e chiudo questo post che mi ha fatto ricordare alcuni momenti salienti della mia giovinezza.

Approfitto per comunicare che il mio primo esame universitario, Storia delle Istituzioni Politiche, mi ha fruttato un bel 30. Inutile dirvi che sono molto contenta. ^_^ Ora devo affrontare Storia Economica, di cui ho capito poco e che spero semplicemente di superare.

***

Fonti immagini: Wikipedia

Share:

16 commenti:

  1. Un bel viaggio questo proposto da Marco, oltre che senza dubbio impegnativo. Mi verrebbe in ogni caso spontaneo dividerlo in due sezioni: infanzia/adolescenza e età adulta.
    Sai che credo che "Bomba non bomba" sia la prima volta in assoluto che la ascolto? Nel 1978 ero in pieno periodo prog rock e jazz.
    E il Battistero di Firenze, che ho accanto casa, non lo visito da quando ero poco più che bambino, alle scuole medie. :O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti suddividere il meme in due post sarebbe stata una bella idea, dato che le impressioni sono differenti da bambini/ragazzi o quando si è più grandicelli.
      All'epoca seguivo molto Venditti, e le sue canzoni mi sono rimaste nella memoria.
      Per quanto riguarda il Battistero di Firenze, di solito si tralasciano le bellezze vicine perché si dice: "tanto lo posso rivedere quando voglio." ;)

      Elimina
  2. Complimenti per la brillante carriera universitaria :-)
    Io una folgorazione simile l'ho avuta a Venezia: non sapevo più dove guardare, avrei voluto restare a vivere lì per quanto ero incantato.
    Blade Runner l'ho visto, mi è piaciuto tanto ma mai quanto Matrix.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti, forse è stato uno degli esami più soddisfacenti che ho fatto fino ad ora, al di là del voto eccellente. :)
      Venezia è la città magica per eccellenza, è un sogno ad occhi aperti. Non è un caso che il mio romanzo "Il Pittore degli Angeli" sia ambientato proprio a Venezia.

      Elimina
  3. Intanto complimenti per il trenta e poi in bocca al lupo per il prossimo esame. Bello questo viaggio multimodale, anche per me Bomba o non bomba è una canzone emblematica della mia adolescenza (a dire il vero un po' tutto l'album Sotto il segno dei pesci di Venditti), per quanto riguarda il film Blade Runner trovo il replicante struggente e anticipatore di molti emarginati di oggi, bellissimo davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Sotto il segno dei pesci" era uno dei miei album preferiti, in testa la canzone che dà il titolo. Andando un po' più indietro, mi piacevano molto anche le canzoni di Drupi, sempre per rimanere in ambito italiano. "Blade Runner" è un film profetico sotto molti aspetti... !

      Elimina
  4. Bella, la tua versione del Viaggio Multimodale.
    Firenze, Torino, Milano, Roma... è stato anche un viaggio per l'Italia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, ho toccato molto città italiane in modi differenti. E comunque non mi stancherei mai di girare l'Italia per visitare anche luoghi nascosti e cosiddetti "minori".

      Elimina
  5. Anch'io non conoscevo "Bomba o non bomba", mentre anche per me, come sai, Salgari è stato uno dei primi viaggi di scoperta.
    Un altro bellissimo post.
    E complimenti per gli esami. Non credo che Storia Economica possa davvero spaventarti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto è tempo passato da quando ascoltavo "Bomba o non bomba"... sembra ieri e invece sono passati moltissimi anni.
      Grazie per il commento sugli esami, il gran giorno si avvicina. "Speriamo che io me la cavo." ;)

      Elimina
  6. Speri di superare Storia Economica? Allora il 30 è assicurato! ;)
    Salgari mi piaceva, ma non mi faceva "partire" più di tanto. Il fascino di Blade Runner è innegabile, invece, e Nata sotto il segno dei pesci l'ho ascoltato fino alla nausea. Pensa che adesso la voce di Venditti mi dà quasi fastidio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può accadere che un cantante idolatrato nell'età dell'adolescenza non sia così "appealing" qualche anno dopo. Forse la voce di Venditti ti dà fastidio perché hai visto le imitazioni di Corrado Guzzanti... ;)

      Elimina
    2. In effetti le ho viste, ma mi capita spesso di non apprezzare per niente qualcosa che in passato ho amato. Cambio gusti in modo molto netto nel tempo. Mi capita con le letture, i film, le canzoni. Qualcosa però sopravvive, per fortuna. :)

      Elimina
    3. Se non altro è importante mantenere il ricordo a livello affettivo, come parte della propria formazione. :)

      Elimina
  7. Io ti associo all'arte sia per la tua passione per la storia che per la sintonia con cui ti ci relazioni e ormai mi ripeto a dirti che sei bravissima a ogni esame che stra superi. Complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille delle tue gentili parole, Nadia. Vedremo come va quello di domani, al limite mi riposizionerò su un altro... ! ;)

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una trilogia di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese, ed è in corso la revisione del romanzo "Le regine di Gerusalemme". Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

IL MIO ULTIMO LAVORO
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

RAI STORIA

Post più popolari

Visualizzazioni totali

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
Storia delle Donne di Duby e Perrot