Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


sabato 13 aprile 2019

Il dolce aprile tra concorsi e citazioni


Aprile si sta rivelando come al solito dolce e nutriente, e non a caso è il mese più importante di sempre. Da tempo immemorabile è stato un mese cruciale, nel bene e nel male, e per rendergli debito omaggio mi servo dell'immagine contenuta ne Le Très Riches Heures du Duc de Berry, un codice miniato del 1412-16 circa, capolavoro dei Fratelli Limbourg e della pittura franco-fiamminga del XV secolo.

Il riferimento alla Francia non è casuale. Ho inaugurato il mese inviando finalmente il mio romanzo sulla Rivoluzione francese, intitolato I serpenti e la Fenice, per partecipare al concorso di Neri Pozza, e di recente mi è ritornata indietro la tanto sospirata ricevuta della raccomandata.

Non credo molto nei concorsi, ma ho deciso di dare un'opportunità a questo libro e, mal che vada, è senz'altro pronto per l'autopubblicazione o altre riflessioni. Tra i motivi di speranza, c'è il fatto che la casa editrice Neri Pozza ha una validissima collana di romanzi storici e biografie, e una giuria attenta al genere. La scadenza è il 15 maggio e, se avete intenzione di partecipare anche voi, potete trovare tutti i dettagli al seguente link.

I serpenti e la Fenice  è un romanzo che, guarda caso, iniziai a scrivere nel mese di aprile di tre anni fa, e che avevo mandato in lettura a una editor che mi ha consigliato di partecipare al concorso. Una volta conclusi i miei terrificanti esami universitari di gennaio, e dopo che si è arrestato il mio turbine lavorativo, ho potuto finalmente riprendere in mano il manoscritto. Ho voluto rileggere il romanzo con la modalità della lettura a voce alta, che non avevo mai sperimentato, e così facendo gli ho dato un'altra bella ripulita. Questo mi ha portato via più tempo del previsto, ma, in considerazione del fatto che la scadenza non era troppo ravvicinata, ho voluto fare le cose con calma, cioè correggere alcuni aspetti, provvedere a dare gli ultimi tocchi e poi la lucidata finale. In generale detesto lavorare sotto pressione, e in particolare quando scrivo, perché nel romanzo storico la qualità difficilmente è associata alla fretta. Con questo romanzo penso di aver fatto un buon lavoro, come un artigiano che ha appena finito di costruire un bel mobile. Voi direte: "Va beh, non ci dici niente di nuovo: ogni scarrafone è bello a mamma sua!" ma in questo caso posso dire, senza falsa modestia, che il mobile mi piace ed è venuto bene assai.

Ma non volevo parlarvi oltre del romanzo, bensì della questione delle citazioni.


Le citazioni nel nuovo romanzo

Quando ho cominciato a scrivere la storia, avevo in mente un'unica opera, che si aggirasse attorno alle seicento pagine come A place of greater safety di Hilary Mantel. Invece il periodo storico turbolento e i miei amici rivoluzionari si sono rivelati una vera miniera d'oro da sfruttare, e ho deciso di comporre una serie, anche su suggerimento di un'amica.

Ragion per cui ho dovuto cambiare in primo luogo il titolo per renderlo più aderente al contenuto, e poi la citazione iniziale, tratta dalla poesia "Piccolo testamento" di Eugenio Montale e che destinerò all'ultimo libro.

Ho trovato due citazioni che facevano al caso mio. La prima è tratta dall'Inferno di Dante incentrata sulla fenice, uccello che, come sapete, muore tra le fiamme, e rinasce dalle sue ceneri, come in questa immagine tratta da un Bestiario medievale. La seconda riguarda un passo nel libro dell'Apocalisse con gli angeli ribelli che vengono precipitati sulla terra. Per una serie di motivi che non vi sto a spiegare, mi sono sembrate ambedue molto adatte, mentre una terza, più scherzosa e che riguarda la fenice associata all'amore, tratta da un'aria di Metastasio, l'ho messa in bocca a uno dei personaggi, che tra le altre cose è un autore di teatro, e recita lui stesso.



Le citazioni nei romanzi già pubblicati

Il Pittore degli Angeli

Amo molto inserire delle citazioni negli occhielli dei miei romanzi. Ad esempio per Il Pittore degli Angeli uno dei temi portanti è la superbia in campo artistico, espressa in modo particolare da Tiziano Vecellio, e di conseguenza dalla sua lotta senza esclusione di colpi per mantenere la fama raggiunta. Per questo romanzo ho scelto:

Di tal superbia qui si paga il fio;
e ancor non sarei qui, se non fosse
che, possendo peccar, mi volsi a Dio.
Oh vana gloria dell’umane posse!
com poco verde in su la cima dura.
se non è giunta dall’etati grosse!
Credette Cimabue nella pintura
tener lo campo, e ora ha Giotto il grido
sì che la fama di colui è scura.

(Dante Alighieri, Purgatorio, canto decimoprimo)


La Terra del Tramonto

La Terra del Tramonto è il primo romanzo mistico-avventuroso della mia saga ambientata durante la Prima Crociata del 1095. Per questo romanzo, ambientato prevalentemente nel mondo musulmano, ho scelto:

Dell’inizio e della fine di questo mondo
Non sappiamo nulla:
Perché, di questo vecchio libro,
il primo e l’ultimo foglio mancano.

(Abu Tlib Kalim, poeta indo-persiano del XVII secolo)


Le Strade dei Pellegrini

... ovvero la seconda storia che continua nella narrazione delle travagliate e avventurose vicende dei protagonisti, con fughe, imboscate, incontri, scontri, e un lungo viaggio alla scoperta dei santuari della cristianità e anche di se stessi:

Ho bevuto l’amore, calice dopo calice:
il bere non si esaurì mai, e neppure mi saziai.

(’Ainul Qudat Hamadhani, IX secolo)

Qui non ci sono soltanto estratti di opere musulmane o sufi, ma anche stralci da altre opere celeberrime come I racconti di Canterbury di Geoffroy Chaucer del 1387-88 (“Dio preservi tutta questa splendida compagnia.”). Diciamo che, nell'economia di un romanzo di seicento pagine suddiviso in parti, una citazione per ogni occhiello sta bene, in caso contrario sarebbe come mettere troppe spezie in una pietanza. 



Le Regine di Gerusalemme


Per il terzo romanzo della saga crociata, Le Regine di Gerusalemme, che ho ripreso in mano non appena licenziato il romanzo per il concorso (fuori uno, sotto un altro!), e che penso di ultimare entro uno o due mesi perché mi mancano integrazioni su una parte incentrata sull'alchimia, mi sono sbizzarrita a trovare delle belle citazioni tratte dai poemi d'amore occitani e dei trovatori, ma non solo. Nel romanzo il protagonista è l'eros, ma anche forze oscure che si annidano nel Tempio di Salomone e che vengono finalmente allo scoperto...


Il mio metodo di ricerca

Di solito mi servo di libri che ho a casa e il cui contenuto conservo nella memoria in modo approssimativo. Per le opere della saga crociata ho una raccolta di detti dei saggi sufi, oppure mi annoto qualche idea. Com'è ovvio, uso anche internet per eseguire la ricerca, procedendo però a riscontri incrociati per controllare l'esattezza della citazione e altre questioni come la punteggiatura, che molti siti riportano in maniera disinvolta.

Quando un passaggio non mi convince, proseguo nella ricerca, un po' come quando si va a comprare un abito da indossare a un matrimonio, e si butta per aria il negozio fino a quando non si trova quello che va a pennello. Il problema sorge quando ci si imbatte in tante frasi incisive e meravigliose, e tutte sembrano fare al caso nostro.


Perché si usano

Già, ma per quali motivi si inseriscono le citazioni nei romanzi, al di là della moda o del vezzo? Ci ho ragionato sopra e ho provato a dare le seguenti risposte:

1. Le parole degli scrittori e poeti del passato fungono da ideale raccordo con il presente.
2. Sono come un autorevole endorsement, come essere presentati a un club, e pazienza se gli autori sono spesso defunti e quindi non possono protestare.
3. Queste persone scrivono senz'altro meglio di noi, e se c'è qualcosa di valido nel libro, almeno questo sarà rintracciabile nelle citazioni. Magra consolazione, ma tant'è...
4. Le citazioni costituiscono una sorta di cuore del romanzo e come tale lo anticipano, pur senza svelare troppo.

Non mi vengono in mente altre ragioni!

***

E voi inserite nei vostri romanzi passaggi da altre opere, poesie, canzoni, leggende e detti, e come fate a scegliere?

***

Fonte immagini: Wikipedia

Share:

20 commenti:

  1. Innanzitutto tanta ammirazione! E anche tantissimi in bocca al lupo per il concorso. Ma come fai? Sei inarrestabile. Mi sono data la risposta che per forza si tratti di passione, una passione intensa.
    Per rispondere alla tua domanda le citazioni le trovo come una guida all'interno del libro, una sorta di indicazione preziosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Nadia, tengo le dita incrociate per il concorso. :) E comunque questo romanzo non rimarrà nel cassetto, poco ma sicuro! In tanti mi chiedono come io faccia a fare molte cose, in parte sono molto aiutata in famiglia e in parte serve avere anche doti organizzative. Però senza la passione, che è il vero carburante, non ci sarebbe nulla. Aggiungerei anche che ci sono molti sacrifici da fare, specialmente nel fine settimana di solito dedicati alla scrittura o allo studio per i prossimi esami.
      Bella la tua definizione sull'utilità delle citazioni.

      Elimina
  2. Di solito nei miei racconti non inserisco nulla. Al massimo, all'inizio metto una frase, che trovo per puro caso. Magari leggo una biografia, m'imbatto in una poesia (quella che si trova all'inizio de "La follia del mondo"), mi pare perfetta e la inserisco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche inserire nell'ambito della narrazione alcune frasi o poesie è un bel metodo per arricchire la narrazione. Si crea una sorta di testo multilivello. Nei miei romanzi, più che frasi o estratti, inserisco scene dove i protagonisti leggono altri libri. Ad esempio ne "La terra del tramonto" il principe Ghassan e il suo schiavo Francesco leggono "Il collare della colomba".

      Elimina
  3. Intanto in bocca al lupo: il concorso Neri Pozza è uno dei due che stimo di più (l'altro è il Premio Calvino), dunque mi auguro davvero che tu possa avere un'opportunità concreta con questa apprezzata casa editrice.

    Le citazioni a me piacciono, completano, danno un tocco di eleganza, se vogliamo. Mi piacciono a inizio libro, ti danno uno spunto: ricordo quella di un libro che ho amato, "A oriente del giardino dell'Eden" di Israel J. Singer, tratta dalla Genesi. La prendo e la trascrivo:"Così egli scacciò l'uomo; e pose a oriente del giardino dell'Eden cherubini che roteavano d'ogni parte una spada fiammeggiante, per custodire la via all'albero della vita". Suggestiva, una bella cornice per la storia.
    In mezzo alla trattazione, all'interno del libro, ne ho trovate diverse, durante le mie letture, tutte valide: se sono appropriate, le trovo opportune. Le tue sono molto accurate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto riguarda il concorso, mi accontenterei di arrivare tra i semifinalisti! Neri Pozza è una bella casa editrice con un catalogo di libri molto validi.
      Bella la citazione che riporti dal libro di Salinger, in effetti nei testi biblici se ne trovano di molto potenti ed evocative. Del resto non potrebbe essere altrimenti. :)

      Elimina
  4. Complimenti per il livello culturale delle tue citazioni. Io in genere sto più sul semplice, tipo testi di canzoni. Nella serie dei "sensazionali" alcune sono più elevate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molti autori inseriscono i testi di canzoni. Io preferisco stare sul classico, visto il genere dei miei romanzi, vedo meglio le canzoni in abbinamento a storie ambientate nella contemporaneità. Mi sembrerebbe strano inserire una citazione da una canzone di Riccardo Cocciante prima di una parte su Robespierre, a meno di non voler dichiaratamente fare un'operazione postmoderna. :-D

      Elimina
  5. Le tue citazioni sono una più suggestiva dell'altra, e insieme alle tue storie mi hanno fatto venire voglia approfondire la cultura araba. Io non uso quasi mai citazioni, ma devo dire che da lettrice le apprezzo. A volte mi restano impresse, oppure stimolano nuove letture.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cultura araba è affascinante. Queste citazioni in particolare le ho tratte da "La saggezza dell'Islam" di Feltrinelli, un piccolo libro dove sono proposti proverbi, detti e poesie. Verissimo, le citazioni possono anche stimolare nuove letture, e innescare un circolo virtuoso.

      Elimina
  6. Mi piacciono molto le tue citazioni e la spiagazione che ne dai. Io amo inserire qualche citazione nei miei romanzi, in realtà alcune le ho inserite come frase a inizio libro, per esempio nel mio primo romanzo La libertà ha un prezzo altissimo c'è una citazione tratta dal romanzo di Paulo Coelho Lo Zair che tratta del tema della libertà, è uno dei romanzi che mi ha ispirato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che anche tu, come Marco, metti alle volte le citazioni a inizio libro. Mi piace questa idea che invoglia maggiormente il lettore a entrare nella storia. Come dicevo nel post, ho messo in bocca a uno dei personaggi, un attore di teatro, questo passaggio sull'araba fenice: «È la fede degli amanti come l'araba Fenice: che vi sia ciascun lo dice, dove sia nessun lo sa.» Avevo fatto leggere a un'amica le citazioni scelte, e lei aveva storto il naso su questa, e aveva detto che non era adatta all'inizio perché le sembrava stupidina. Siccome non volevo rinunciarvi, l'ho affibbiata a uno dei personaggi... che di suo è un po' fatuo, quindi ci stava bene.

      Elimina
  7. Scusa mi ero dimenticata! In bocca al lupo per il concorso!

    RispondiElimina
  8. Nel mio romanzo ogni capitolo è aperto da una citazione. In genere le cerco su uno dei molti siti contenenti aforismi. In quel caso, data l'ambientazione, ho cercato citazioni del periodo relativo agli anni '60.

    Quella che hai usato per La terra del Tramonto mi è piaciuta parecchio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come scrivevo ad Ariano, anch'io cerco di avvicinarmi il più possibile nella datazione... altrimenti mi pare che l'accostamento possa stridere troppo. I siti contenti aforismi sono molto utili, io me ne servo più che altro quando devo scrivere i post tematici per il blog.
      Quella per "La Terra del Tramonto" è misteriosa e parecchio suggestiva; del resto nella cultura araba la poesia raggiunse vertici altissimi.

      Elimina
  9. In bocca al lupo per il concorso!

    RispondiElimina
  10. Passo un po' in ritardo, ma ci tengo a farti un grande in bocca al lupo per il concorso e per aver concluso il lavoro sul romanzo. Non ho mai sperimentato la lettura ad alta voce, deve essere interessante sentire come suonano le frasi. Per il resto, scegli sempre citazioni bellissime, senz'altro danno un tocco in più alla storia. Io mi sto abituando a inserirle a inizio romanzo, anche considerato che sempre più spesso traggo i titoli proprio da citazioni ^_^
    Ancora complimenti, Cristina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore del commento, Maria Teresa, e per aver trovato il tempo di passare da queste parti. Spero che ora vada meglio per te. Per quanto riguarda il romanzo, sono stata molto felice sia nel momento della scrittura che di quello della sua conclusione. Mettere nero su bianco alcune scene per dare loro piena forma mi ha fatto stare bene: è stato un processo terapeutico. Insomma, mi considero pienamente appagata e fortunata già così. ^_^ La lettura ad alta voce è consigliabile, anche per me era la prima volta: sono venute fuori ripetizioni di parole o dissonanze, più che veri e propri errori, come "tuttavia" e "via" nella riga sottostante.
      Mi ricordo benissimo che avevi tratto il titolo di "Come un dio immortale" da una citazione. :)

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una trilogia di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese, ed è in corso la revisione del romanzo "Le regine di Gerusalemme". Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
La ciociara di Alberto Moravia