Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


sabato 31 marzo 2018

Auguri di Buona Pasqua con INSIEME RACCONTIAMO 31 - Cloni fatti in casa





La Pasqua è alle porte e, insieme con i miei più affettuosi auguri a tutti voi, pubblico il mio racconto nell'ambito dell' edizione Insieme Raccontiamo 31, di cui potete ammirare il lussuoso banner di color rosso fuoco.

Stavolta c'è persino il mio zampino in quest'edizione curata come sempre da Patricia Moll del blog Myrtilla's House. La cosa è nata nell'ambito di alcuni commenti al mio post sui sei desideri impossibili, Alice in Wonderland - le mie sei cose impossibili, e nello specifico sull'argomento dei cloni. Patrizia è stata talmente ispirata dal nostro botta-e-risposta che ha scritto il seguente incipit sul suo blog!

CLONI 
Le serviva qualcosa di molto particolare per richiamare la loro attenzione su di sé. Qualcosa che li facesse stare a bocca aperta. Finalmente! Così avrebbero finito di dirle che come scienziata valeva zero.
Ci pensò su a lungo poi… poi ecco la soluzione comoda comoda.

Le regole per partecipare restano le stesse, ma per chi le ignorasse le ricordo brevemente:

- occorre scrivere il completamento dell'incipit mantenendosi nell'ambito delle 200/300 battute oppure nella versione lunga di 200/300 parole.
- si può scrivere il proprio finale nei commenti o sul nostro blog indicando il link al nostro post.
- la scadenza è il 31 marzo, cioè fine mese, ma sono ammesse deroghe nel caso di partecipanti ritardatari particolarmente simpatici. :)

Ed ecco il racconto completo, stavolta ho preferito la versione lunga:
Le serviva qualcosa di molto particolare per richiamare la loro attenzione su di sé. Qualcosa che li facesse stare a bocca aperta. Finalmente! Così avrebbero finito di dirle che come scienziata valeva zero.
Ci pensò su a lungo poi… poi ecco la soluzione comoda comoda.
Lavorò a lungo, completamente concentrata sul suo lavoro, e quando ebbe finito sorrise. Sì, era venuta proprio bene quella prima serie. Depose le matite colorate e alzò entrambe le mani, svolgendo con cura le bamboline di carta. Non erano normali bamboline, di quelle che i bambini ritagliano da un foglio ripiegato e con un paio di forbici e divertendosi un mondo. Perché lei non era una normale bambina.
Difatti, la serie mostrava il suo compagno di classe che più odiava, quello che non perdeva occasione per deriderla. Dopo aver ottenuto la sua serie ritagliata, lo aveva raffigurato, disegnando con abilità non comune e in maniera perfetta. Ora era tra le sue mani e un'espressione di terrore gli stravolgeva i lineamenti moltiplicati a dismisura.
Avrebbe pensato con calma a che cosa fare di lui. Non c'era alcuna fretta: del resto il lavoro d'una scienziata richiedeva una pazienza infinita, e lei aveva appena iniziato. 


Fanciullo con disegno
di Giovanni Francesco Caroto (1523)




Share:

26 commenti:

  1. Mooooooolto originale!
    Un simpatico e stuzzicante appuntamento da Pat.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta nel blog, Cristiana. Grazie per il commento, e di nuovo un augurio di Pasqua!

      Elimina
  2. Da Patricia ci si diverte e ci fa scrivere. Buona Pasqua a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... e scrivere divertendosi è il modo migliore per farlo! Anche a te di nuovo auguroni affettuosi.

      Elimina
  3. Però quasi un thriller stile Frankestein...brava Cristina buona Pasqua 🐣

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una piccola dottoressa Frankenstein, in effetti! Tanti auguri di Buona Pasqua, Giulia.

      Elimina
  4. Ahia!!!!!!! Chissà che vendetta studierà la scienziata! ahahhhahhaha
    originale davvero! Complimenti!
    Tantissimi auguri di Buona Pasqua!

    ps se mancavi venivo lì e.... tu e il tuo spadone medievale e io... io col mattarello ahahahahahhaha Bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah... certo che un duello del genere sarebbe stato proprio da riprendere! :-D Tantissimi auguri anche a te e un abbraccio forte!

      Elimina
  5. Una vera peste! Molto simpatico questo racconto! Tantissimi auguri di Buona Pasqua, cara Cristina e un abbraccio forte :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Partecipare all'iniziativa di Patricia è sempre divertente, in questo caso il divertimento è stato doppio. Un abbraccio forte anche a te e molti auguri! :)

      Elimina
  6. Risposte
    1. Anche a te, Marina, un abbraccio caloroso... ovunque tu sia. :)

      Elimina
  7. :-D
    Questa bambina mi sta molto simpatica.
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a te, caro Ariano. :) Un po' inquietante il personaggio che è nato da questo racconto brevissimo, vero? A presto sul tuo blog, ho visto che hai messo una foto.

      Elimina
  8. Carino il finale che hai immaginato. Terribile, invece, il quadro del fanciullo con disegno! Se lo avessi in casa, non riuscirei a dormire... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in effetti il quadro starebbe bene in un contesto da "Profondo rosso". Pensa se il marito lo volesse assolutamente appeso sulla parete davanti al letto... ;)

      Non c'entra niente, ma ho iniziato da poco "Searching for Goran".

      Elimina
    2. Quello c'entra sempre. Grazie! :)

      Elimina
  9. Secondo me dovresti leggerti il racconto Gli omini di Robert Bloch, che è in linea col tuo racconto.
    Comunque quel quadro... Ugh! Ritratto di serial killer!
    A proposito, la parodia di Ortolani de L'attacco dei Cloni si intitola Star Rats, Episodio II - Una rottura di cloni. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che il quadro suscita parecchio entusiasmo... ;) Una volta avevo letto un post su una serie di bambole collegate a fatti inquietanti, me lo ha un po' ricordato.

      Cercherò di recuperare il racconto di Robert Bloch che citi, grazie dell'indicazione. Ma che tu sappia è parente dello storico Marc Bloch?

      Elimina
    2. Non credo siano parenti.
      Comunque sì, le bambole sono parecchio perturbanti.

      Elimina
    3. ... Ne è prova il successo di film come "La bambola assassina".

      Elimina
  10. Uh, ho pensato subito alle bamboline woodoo! Che fantasia invidiabile che hai, Cristina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, grazie mille, Nadia! Devo dire che la fantasia (contorta) non mi è mai mancata. ;)

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una trilogia di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese, ed è in corso la revisione del romanzo "Le regine di Gerusalemme". Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
Il Novecento. Dalla grande guerra ai giorni nostri di Franco della Peruta