Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


mercoledì 13 dicembre 2017

"La mendicante della pusterla": il mio racconto nell'antologia di Historica edizioni


Per finire l'anno col botto, sono molto contenta di annunciare ufficialmente di essere entrata a far parte dell'antologia di racconti storici dal titolo "I racconti segreti della Lombardia"! Prima dell'estate infatti Historica edizioni (www.historicaedizioni.com) in collaborazione con il sito Cultora (www.cultora.it) aveva indetto la prima edizione del suo concorso letterario.

Il tema sarebbero stati i segreti della Lombardia. I testi brevi, sia di saggistica che di narrativa (racconti), avrebbero avuto come tema una storia, un luogo, un paese, una città, un monumento, un personaggio sconosciuti o poco noti da scoprire e valorizzare.

Come è accaduto con l'antologia solidale "L'amore non crolla", sulle prime sono rimasta un po' incerta sul da farsi. Avrei voluto parlare di un luogo poco noto, ma per me è molto più avvincente la narrazione che s'incentra su un essere umano. Anche in questo caso ho ricevuto un incitamento esterno, stavolta nella persona della mia amica Nadia Bertolani. Ho dunque fatto mente locale, sfruttando del materiale già in mio possesso su un'epoca che conosco molto bene, e quest'estate ho scritto il racconto. S'intitola "La mendicante della pusterla" ed è ambientato a Milano sul finire del 1300 quando dominava un certo, ehm... non facciamo nomi, ma solo i cognomi: Visconti. Ha come protagonista una donna che chiede l'elemosina alla pusterla di Sant'Ambrogio: la pusterla (postierla, pusterla, posterula, posterla o pustierla) è un'angusta porta d'accesso ai camminamenti per le guardie di ronda nei castelli e nelle fortificazioni nascosta nelle mura, che poteva essere usata anche come uscita o ingresso di emergenza in caso di attacco o di assedio. La donna si rivolge a un passante e, in cambio di un soldo, promette di raccontare la sua storia, che è dunque tutta in prima persona. Ecco l'incipit:

L’elemosina, signore… L’elemosina. Fatemi la carità di un soldo, vi prego. Un soldo per mangiare. In cambio, vi racconterò la mia storia di povera donna. Siete un forestiero, a quanto vedo… eh, i miei occhi non son più buoni come un tempo, e attorno a me c’è soltanto nebbia. Grazie del vostro buon cuore, signore… che Iddio e la Beata Vergine vi benedicano. Suvvia, sedete davanti a me, sotto quest’albero accanto alla pusterla di Sant’Ambrogio. Qui nessuno ci disturberà.

Ormai sono invecchiata e lacera, ma da giovane ero molto bella. Piccola di statura, m’appellavano con un diminutivo. Lo specchio mostrava capelli biondi dalla sfumatura ramata, la pelle candida come latte di mandorla, le labbra come petali. Attiravo gli uomini, bramosi, sapevo far loro desiderare le morbidezze del mio corpo.


Il regolamento prevedeva elaborati che non superassero le 8 cartelle dattiloscritte (1 cart. = 30 righe di 60 battute). Erano ammesse eccezioni se gli elaborati superavano di poco il limite prefissato e ogni autore poteva inviare al massimo un testo. Prima di inviarlo per il concorso, l'ho fatto leggere a un gruppetto di lettori che mi hanno dato alcuni consigli di adattamento, e ho dovuto anche sforbiciarlo non poco in quanto superava di due cartelle abbondanti il limite massimo richiesto. Che fatica!
Questo racconto però può essere utilizzato anche come monologo teatrale, con una sola attrice, o volendo anche tre di differenti età che si alternano nelle parti; e quindi ho subito passato la versione non sforbiciata anche all'ormai celebre regista teatrale Claudio Settembrini. Sarei felice se si riuscisse a metterlo in scena, magari nell'ambito di qualche manifestazione contro la violenza sulle donne, perché di questo si parla!
La consegna degli attestati e delle antologie avverrà


domenica 17 dicembre alla Libreria Cultora 
di via Lamarmora, 24 - Milano
alle 17.00. 

Che dire d'altro? Naturalmente che, se vi trovate a Milano, magari impegnati nello shopping natalizio e vi va di passare, la Libreria Cultora è vicinissima alla Metropolitana 3, fermata Crocetta, e io vi aspetto!

Questo è il link, se volete curiosare sul sito.

***

Fonti iconografiche:
La Mendicante di Amedeo Modigliani, 1909



Share:

22 commenti:

  1. A questo punto la laurea in storia devono dartela d'ufficio, subito.
    Complimenti davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Tenar, troppo buona... per la laurea intendo! :) Sono molto contenta davvero, è stato davvero un anno ricco di soddisfazioni.

      Elimina
  2. Grandioso, complimenti. Cavoli, soddisfazioni su soddisfazioni. Sei un portento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, Max! Davvero quest'anno piovono riconoscimenti... speriamo solo di non dover restituire tutto con gli interessi. ;)

      Elimina
    2. Non credo, sono riconoscimenti al merito. Tutto guadagnato.

      Elimina
    3. Eheh... io lo intendevo in senso più fatalistico. ;) Comunque grazie della stima.

      Elimina
    4. Ma che fatalismo e fatalismo 😉 Le cose accadono perché ci si impegna. Mai creduto al fato, nelle leggi del contrappasso, alla sfiga o roba simile 😄😄😄

      Elimina
  3. Bravaaaaaa Cristina. ..Un applauso di cuore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il commento, carissima! Azzardo un'ipotesi sulla tua identità: la prima è che sei Antonia e la seconda Nadia. :)

      Elimina
  4. Risposte
    1. Grazie del passaggio e dei complimenti, Nick! :)

      Elimina
  5. Complimenti, stai diventando un habituée di partecipazioni a antologie, si vede che il tuo talento sta emergendo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti era un bel po' di tempo che non partecipavo più ai concorsi, dato che me ne ero un po' disamorata. Però ci tenevo a provare con il racconto per l'antologia in quanto a carattere solidale, e questo perché di carattere storico. Mi è andata bene in entrambi. :)

      Elimina
  6. Bravissima Cristina, una bella soddisfazione :) Il racconto sembra molto interessante, a giudicare dall'incipit, ma è di tutto rispetto anche l'iniziativa di far conoscere luoghi particolari attraverso la narrativa. Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento, Maria Teresa. Si conoscono molti personaggi e luoghi celebri, ma sono le piccole storie della gente comune a risultare le più interessanti. A proposito, non perderti l'articolo di sabato perché sei menzionata! :)

      Elimina
  7. Bravissima Cristina! Concordo con Tenar devono darti la laurea in storia Honoris causa, il racconto sembra molto bello su un tema aimè sempre attuale, sarebbe un fantastico monologo teatrale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio molto del commento, Giulia. Pensa che proprio ieri ho letto un servizio sulla condizione delle donne in Marocco, un paese dove solo apparentemente esiste una società più aperta e libera: invece le molestie sui mezzi pubblici e i tentativi di stupro sono considerati del tutto normali. Il dato agghiacciante è che ci sono 40.000 matrimoni infantili all'anno, ti rendi conto? Là esistono delle associazioni di giovani donne istruite e combattive (blogger, avvocati ecc.), che ne accolgono altre, magari nubili ma con bambini, per proteggerle e dare loro un futuro. E' incredibile come la condizione della donna non sia cambiata di una virgola in certi luoghi del mondo.

      Elimina
  8. Un abbraccio per la consegna degli attestati di oggi.🌹
    Il racconto promette una bella storia, si vede già dalle brevi paorzioni che ne hai condiviso.
    Divertiti. 🤗

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite, Marina.:) Sono reduce da un'influenza e non sono ancora "a posto", ma almeno ho ritrovato la voce per poter ringraziare. Ti auguro un'ottima domenica!

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una trilogia di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese, ed è in corso la revisione del romanzo "Le regine di Gerusalemme". Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Hôtel del Ritorno alla Natura" di Georges Simenon