Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


sabato 4 giugno 2016

Bernabò Visconti e il monumento funebre del Diavolo 1.

Sono notoriamente appassionata di Storia, in modo particolare del periodo medievale ma non solo. Grazie a un entusiasmante romanzo storico, La vipera e il diavolo, recensito su questo blog (qui il link, se volete), di recente mi sono interessata a un personaggio storico lombardo, che ha tutte le caratteristiche per attizzare la nostra fantasia: 

Ritratto di Bernabò Visconti
di Agostino Caironi (1880-1882).
Raccolte d'arte Ospedale Maggiore di Milano.
Bernabò Visconti 

La mia conoscenza ha avuto risvolti inaspettati, che si sono tradotti in una vera e propria passione. Ormai quel furbastro mi ha presa al laccio, e quindi mi tocca parlare di lui ad ogni momento, andare a visitare i suoi luoghi preferiti e sbrigargli varie incombenze.

Tra gli ultimi incarichi svolti per "messere", mi è capitato di eseguire alcune ricerche sul suo monumento funebre, un vero e proprio capolavoro di arte scultorea funeraria, ad opera di Bonino da Campione, oggi collocato nel Museo di arte antica del Castello Sforzesco di Milano. Dovevo illustrarlo nel corso di una visita guidata a un gruppo di appassionati come me, appartenenti all'associazione Italia Medievale.

A causa di alcuni inconvenienti e della scarsità di tempo, non ho potuto arringare la folla in lungo e in largo come volevo. Per non rischiare di irritare il soggetto, notoriamente suscettibile, ho quindi ho pensato di omaggiarlo con tre post dedicati a lui: il primo ha come oggetto la sua vita e il suo monumento funebre, il secondo i luoghi che lo videro protagonista e il terzo... sarà una vera e propria sorpresa (alcuni di voi già sanno di che cosa si tratta, e quindi acqua in bocca!). 

Ecco qui il primo post dedicato a Bernabò Visconti, affettuosamente soprannominato il Diavolo per motivi che comprenderete. Si compone di quattro parti:

- Biografia (parte 1)
- Il monumento funebre (L’effige del signore, Il cavallo, Il basamento e il sarcofago)
- Biografia (parte 2)
- Conclusioni

Biografia (parte 1)

Bernabò Visconti nasce a Milano nel 1323 , figlio di Stefano Visconti e di Valentina Doria. I dati relativi alla sua infanzia sono scarsi, ma è certo che, ironia della sorte, come secondogenito studiò diritto canonico per essere avviato alla carriera ecclesiastica.

Nel 1346 viene mandato in esilio con i fratelli Matteo e Galeazzo in seguito a una congiura contro lo zio Luchino, all'epoca signore di Milano e che amava i nipoti come il fumo negli occhi. I fratelli ripiegano in Savoia, fanno una puntata ad Avignone presso il Papa, arrivano nelle Fiandre, per finire ospiti alla corte del re di Francia.


Da sinistra, i tre fratelli Visconti. Nell'ordine: Matteo, Galeazzo e Bernabò.
Ultimo a sinistra, lo zio, l'arcivescovo Giovanni.
Bernabò Visconti e Beatrice Regina della Scala
di Andrea di Bonaiuto, S. Maria Novella, Firenze.

Bernabò rientra a Milano alla morte di Luchino (1349), richiamato dallo zio arcivescovo Giovanni insieme agli altri fratelli. L'astuto arcivescovo ha già stabilito la ripartizione dei territori del dominio milanese tra i tre nipoti: Matteo occupa la parte subpadana del dominio milanese, Galeazzo si fa carico dei domini occidentali, limitrofi al dominio sabaudo, e a Bernabò spettano i domini più orientali, limitrofi alle terre degli Scaligeri: Bergamo, Brescia, Cremona e Crema. La città di Milano è gestita congiuntamente dai tre fratelli.

L’arcivescovo è anche un ottimo sensale di matrimoni, in quanto ha già scelto le tre spose per i nipoti. La scelta non è solo mirata a rinforzare i confini in rapporto ai domini, ma ha anche motivi caratteriali. Per il focoso Bernabò viene infatti combinato il matrimonio con Beatrice Regina della Scala, una giovane allevata non per essere un puro ornamento, ma con le capacità di un’imprenditrice ante litteram. Bernabò troverà in lei un’ottima consigliera, una madre feconda e una moglie in grado di calmare il suo carattere bizzoso e collerico.

Bernabò prende residenza nel palazzo che era appartenuto allo zio Luchino, vicino alla basilica di San Giovanni in Conca, una chiesa che sarà molto importante in rapporto al monumento funebre. Riadatta la residenza secondo le sue esigenze, innalzando le mura merlate già presenti sulla struttura e collegandola con un camminatoio sopraelevato al palazzo-fortezza Visconti fatto costruire da Azzone Visconti (attuale Palazzo Reale di Milano).

Con il tempo questa residenza prende il nome di Ca’ di Can, cioè Casa dei Cani. Bernabò ha una passione smodata per la caccia e quindi arriverà a possedere qualcosa come cinquemila cani (sì, avete letto bene... non è un errore), liberi di circolare nel palazzo e in tutta Milano. Dato l'elevato numero di questi quadrupedi, i cagnacci saranno affidati ai sudditi dietro corresponsione di un piccolo stipendio e sottoposti a terrorizzanti visite periodiche da parte dei "canattieri" del signore. I cani, infatti, non devono essere né troppo magri né troppo grassi per correre velocemente dietro alla selvaggina.

Nel 1355 Matteo muore, si presume avvelenato dai due fratelli che si spartiscono poi il dominio.

Il biscione visconteo
di incerta origine
Dal 1356 in avanti inizia una serie di guerre, dapprima in seguito alla discesa dell’esercito imperiale, e sorgono leghe antiviscontee per ridurre la potenza espansionistica di Milano. Queste guerre sono condotte principalmente contro i Gonzaga di Mantova e contro gli Estensi di Ferrara, e si attirano gli strali dei vari Papi che si succedono. L’oggetto principale del contendere è soprattutto la città papale di Bologna, che Bernabò vuole annettere al suo dominio. Le guerre e i trattati di pace si alternano alle scomuniche contro i Visconti. Particolarmente inviso al Papa, Bernabò ne colleziona una lunga serie.

Bernabò deve fronteggiare anche un nemico interno pericolosissimo, ovvero lo scoppio di un’epidemia di peste che decima la popolazione di Milano.

Durante il suo lungo dominio, Bernabò e la moglie Regina hanno una quindicina di figli, che il signore di Milano accasa opportunamente con i rampolli delle più importanti corti europee, come i Wittelsbach di Baviera o gli Asburgo d’Austria. Mantiene inoltre svariate amanti da cui ha un’altra quindicina di figli naturali, cui provvede garantendo doti per i matrimoni delle ragazze e avviando per lo più i maschi alla vita militare, come capitani di ventura o soldati. La Ca’ di Can viene sempre più ad assomigliare a un harem, in cui le amanti o ex ricevono doni in gioielli, vestiti e territori e sono tollerate dalla pragmatica moglie Beatrice. Quest'ultima conclude addirittura affari con Donnina de' Porri, la favorita del marito.

Bernabò non si occupa solo delle sue donne e della sua discendenza, ma pensa a rafforzare il territorio visconteo, innanzitutto demolendo i castelli germinati sulle terre dei vari signorotti ribelli. Il castello di Pagazzano è uno dei pochi risparmiati. Cittadelle strategiche sorgono nelle città occupate, e vengono ampliate come la Rocca di Bergamo. Molto importante è il castello-sentinella di Trezzo sull’Adda, riedificato su un preesistente castello dell’epoca del Barbarossa. Il castello diviene anche dimora per lo svago e la caccia. Accanto al castello fa costruire un nuovo ponte sul fiume Adda: un'opera architettonica imponente per allora; stando ad alcune fonti era forse il più grande ponte ad arco singolo del territorio europeo dove dirotta il grosso delle merci.


Il monumento funebre

All’età di quarant’anni, e quindi nel pieno vigore (e al culmine della sua "carriera"), Bernabò commissiona il monumento funebre a uno dei maggiori scultori dell’epoca: Bonino da Campione. Lo scultore era a quel tempo già ben noto alla committenza milanese. Nel 1359 aveva realizzato il Mausoleo di Stefano Visconti e Valentina Doria nella Basilica di Sant'Eustorgio, genitori di Bernabò e Galeazzo.

Si compone di due blocchi: il monumento equestre vero e proprio composto da un unico blocco marmoreo, terminato nel 1363, e l'arca (tomba), sorretta da sei colonne affiancate a sei pilastri, terminata nel 1385, e fortemente voluto dal nipote Gian Galeazzo.
Il monumento funebre di Bernabò Visconti.
Attribuzione fotografica: I, Sailko.

L’effige del signore

Dalle dimensioni del monumento equestre si possono già comprendere alcune cose di quest’uomo. Tra l'altro l'effige era completamente ricoperta da una preziosa foglia d’oro, e dipinta in più parti. Il monumento era collocato nella chiesa di San Giovanni in Conca, per la precisione accanto all'altar maggiore.

Il monumento è autocelebrativo e mostra con chiarezza l’affermazione di potere del dominus nella raffigurazione di se stesso come armato per la guerra. Nonostante questo, però, si tratta di un’armatura alla leggera. C’è un’importante novità connessa a questo, cioè la rappresentazione del signore a volto scoperto e senza elmo. Questa scelta rompe con la tradizione gotica di raffigurare il cavaliere bardato con il volto celato dell'elmo, ridotto ad una "macchina di guerra" e tutt'uno con il cavallo.

Il signore viene quindi ritratto privo di elmo, i capelli corti stretti sulla fronte da un cerchio di metallo che pare la versione militare di una corona, la barba forcuta che scende dal mento, il che non era una stranezza sua per farlo sembrare ancora più temibile e luciferino, ma una moda dell’epoca. L'espressione sul volto di Bernabò è grave, ancora strettamente legata allo stile ufficiale del "ritratto sovrano" .

La sua figura è chiusa nell'armatura composita tipica della seconda metà del XIV secolo, con un’alternanza di elementi di acciaio e cuoio. Nella parte superiore Bernabò indossa:

· un usbergo in maglia di ferro a maniche corte
· una soprasberga istoriata con la biscia viscontea, ovvero lo stemma araldico del casato, di grandi dimensioni in modo che sia ben visibile anche se il monumento è posto a grandi altezze
· una collarina corazzata per le spalle fissata da un cuoietto con guardaspalla uscenti
· guanti d'arme
· bracciali metallici per le braccia.

Alla vita Bernabò ha una cintura con placche circolari sbalzata a cinque foglie e affibbiata alla sinistra; fibbia e puntale sono di forma lobata e appuntata. Semplici lacci trattengono i foderi di pugnale e spada.

Acquaforte del 1825.


Nella parte inferiore si possono notare le gambiere metalliche con cosciali interi, tutti in acciaio sul davanti mentre la parte posteriore è in cuoio.

Il pugno destro di Bernabò stringe il bastone del comando, mentre dal suo fianco sinistro pende il fodero della spada a due mani. L’abbigliamento del guerriero e la riproduzione delle armi dimostrano la maestria degli armaioli milanesi, i migliori in Europa.

Altro elemento interessante è la tipologia di sella, che non è da battaglia ma da torneo, quindi alta, con arcioni stretti e poco avanzati. Questo conferisce alla figura una postura dritta e tesa, e dunque maggiore fierezza.

Il cavallo

Il destriero visconteo è privo di barda e testiera, "nudo" e possente. Il muso richiama molto quello del cavallo che verrà montato dal simulacro di Cansignorio della Scala. La potenza dei volumi accompagna quella dell’uomo che lo monta. Ai piedi della statua e affiancate al cavallo ci sono due piccole figure femminili, cioè la Fortezza e la Temperanza.

Il basamento e il sarcofago

Il sarcofago del Signore viene aggiunto un ventennio dopo, nel 1385, e fortemente voluto dal nipote Gian Galeazzo. Il basamento è composto da sei colonne che circondano sei pilastri ottagonali. Su di essi poggia la cassa contenente il sarcofago in pietra di Bernabò composta da quattro pannelli:

- sul fronte i quattro Evangelisti, affiancati da due Dottori della Chiesa.
- altri due Dottori della Chiesa si trovano sul lato opposto. Tra i due Santi una raffinata Incoronazione della Vergine.
- i pannelli sui lati lunghi presentano, sul fianco sinistro i santi Cristoforo, Caterina, Giorgio, Eugenio, Antonio e Giona accanto ad una Crocifissione.
- sul lato opposto un Cristo in Pietà con la Vergine, san Giovanni Evangelista e due angeli reggicortina, affiancati da Barnaba, Bernardo, Giovanni Battista, Damiano Gottardo e Cosma.

Sui lati del sarcofago sono gli stemmi dei Visconti.


Biografia (parte 2)
Cattura di Bernabò Visconti
di Ludovico Pogliaghi (metà '800)-
Museo Civico Carlo Verri di Biassono.

Bernabò Visconti propone al nipote Gian Galeazzo, che nel frattempo ha ereditato i territori alla morte del padre Galeazzo, di sposare la figlia Caterina. L’intento è quello senz’altro di recidere il “ramo secco” della famiglia e di riassorbirlo nella sua linea di discendenza. Gian Galeazzo è vedovo della prima moglie francese da cui ha avuto due figli (Azzone e Valentina), e acconsente al matrimonio. Nei giorni delle nozze, il figlio Azzone muore, e Bernabò non gli fa neanche le condoglianze - il che costituirà uno dei molti motivi di rancore contro lo zio.

Nel 1385, preoccupato per l’aggressiva politica dello zio e del suo clan familiare, e la sua ingerenza in tutti i campi, compresa la vita privata, Gian Galeazzo decide di agire e, d’accordo con i suoi consiglieri, prepara una serie di capi d’accusa per giustificare arresto e incarcerazione e prevenire la reazione della parentela europea.

Con la scusa di un pio pellegrinaggio, attira Bernabò fuori dalla Pusterla di Sant'Ambrogio, a Milano. Bernabò si reca all'appuntamento accompagnato solo dai figli Rodolfo e Ludovico. Viene catturato dagli uomini di Gian Galeazzo che poi si impadroniscono dei punti chiave di Milano, mentre alla plebaglia viene lasciata licenza di saccheggiare il palazzo di Bernabò.

Il vecchio tiranno viene rinchiuso nelle segrete del suo stesso castello di Trezzo sull'Adda, insieme alla favorita Donnina de' Porri che ha chiesto di condividere la sua sorte. Rimane segregato per alcuni mesi, poi muore avvelenato da un piatto di fagioli, molto probabilmente su amorevole mandato del nipote e genero.

Conclusioni

Dopo la sua morte nasce la leggenda nera di Bernabò, in vita soprannominato il Diavolo come dicevo. La sua figura di signore crudele e tirannico viene sottoposta alla damnatio memoriae, anche ad opera del nipote che l’ha spodestato. Una serie di novelle toscane del Trecento e del Cinquecento, quindi originarie in una zona dove l’avversione per i Visconti è particolarmente forte, completa l’opera.

Il personaggio tuttavia non è non così lineare come la Storia ce lo presenta, ma è composito e, per certi versi, contraddittorio. Ecco qualche spunto di riflessione:

· possiede un senso dell’onore smisurato fin da giovane, persino maggiore di quello dei suoi contemporanei. Per l'uomo medievale l'onore è tutto, ma Bernabò lo vive all'ennesima potenza;

· conferisce importanza alla famiglia intesa come clan allargato, sia per motivi di interesse sia per autentico affetto nei confronti dei figli naturali e delle sue donne; alla morte della moglie Beatrice Regina, obbliga i sudditi a condividere il suo lutto per un anno. Nonostante questo, condanna spietatamente Bernarda, una delle sue figlie naturali, a morire di fame perché accusata di adulterio;

· ha un senso di giustizia inflessibile, riconosciuto persino dai nemici; per contro, un carattere capriccioso e collerico, uno humour macabro, che si traducono in punizioni e torture prolungate all'insegna del sadismo;

Episodio della vita di Bernabò Visconti (post 1831).
Palazzo Cernezzi, Como.
· è un guerriero valoroso e un ottimo stratega militare, che s’interessa ai nuovi macchinari bellici per conquiste ed assedi; si circonda di consiglieri fidati;

· è un mangiapreti, specialmente nei confronti di coloro che predicano bene e razzolano male. Famoso è l’episodio dei legati papali cui fa inghiottire la bolla di scomunica, con cordoncino incorporato, pena il finire scaraventati nel fiume Lambro (rappresentato qui in un quadro dell'800).

· è un uomo colto che legge i poemi cavallereschi, poiché conosce il francese essendo vissuto in Francia da giovane, e non il rozzo feudatario che era lo standard; ma organizza anche banchetti, feste con la presenza di giullari sboccati e gare di forza, bevute e trivialità.

Un autentico personaggio da romanzo. 

Un'ultima curiosità sul monumento equestre e su come approda al Museo d'arte antica al Castello Sforzesco. Anni dopo San Carlo Borromeo, inorridito dalla deificazione di un uomo in carne ed ossa accanto al luogo dove si adora nostro Signore, lo fa portar via. Dopo vari trasferimenti e un passaggio nella chiesa di S. Alessandro, il monumento approda al Castello dove si trova accanto al sarcofago di Beatrice Regina della Scala.

Non si sa dove riposino le ossa dei due coniugi. Però qualcosa è rimasto dei vari spostamenti del monumento funerario di Bernabò e del sarcofago di Regina. Se entrate nella  chiesa di Sant'Alessandro e girate subito a destra, troverete una rientranza con due targhe commemorative. Bernabò Visconti e la moglie sono finiti in una nicchia che assomiglia assai a un ripostiglio per secchi e scope.

Sic transit gloria mundi.


***

Fonti: 

Share:

24 commenti:

  1. Complimenti per l'articolo Cristina, sei una Bernabologa d'eccellenza..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Claudio! E questo è solo l'inizio... :-)

      Elimina
  2. Ma che bello, complimenti.
    Pensa che ho da due settimane un abbozzo per un post legato a Gian Giacomo Medici detto il Medeghino, 150 anni dopo ma pur sempre uno spaccato dei nostri condottieri. Se riesco a renderlo pubblicabile ti faccio sapere, magari ti piace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille. Ma tu pensa che coincidenza! Ho "incontrato" per la prima volta il Medeghino solo un mesetto fa. Infatti sono andata al castello di Melegnando (castello Mediceo, come ha puntualizzato la guida) perché sapevo che era il castello di caccia di Bernabò Visconti. Era infatti l'ultimo luogo che mi serviva fotografare per i luoghi a lui collegati. Invece molto più importante è la figura di Medeghino, tra l'altro su Fb un mesetto fa ho pubblicato delle fotografie su esterni e interni del castello, se vuoi dare un'occhiata.

      Per quanto riguarda l'articolo sul Medeghino, potrebbe essere un ottimo guest-post, che potrei pubblicare e poi condividere con il gruppo Italia Medievale di cui faccio parte. :-)

      Elimina
    2. Cavoli Cristina, tento, non sono sicuro di essere in grado di soddisfare il palato di storici e ferrati cultori del genere.

      Elimina
    3. Non ti preoccupare! Siamo molto meno ferrati di quanto sembriamo... ;-)

      Elimina
  3. È sempre molto bello leggerti, adoro i tuoi post storici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Tenar. Sei molto gentile! Mi dispiaceva che tutto il lavoro che avevo fatto per la visita guidata andasse perso, così ho pensato di recuperarlo nel blog.

      Elimina
  4. Come sempre affascinante, ma ho la vaga sensazione che il meglio abbia ancora da venire, almeno a legger dall'introduzione.
    La storia dei cinquemila cani la conoscevo già ma non riesco a ricordare dove l'avevo trovata e letta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ivano, come al solito la tua intuizione ha colpito nel segno. Sì, il meglio deve ancora venire. ;-)

      La questione dei cinquemila cani viene citata anche nel terzo racconto di Maria Bellonci nella raccolta: "Tu vipera gentile" (recensito sul blog), dove compie una veloce carrellata dell'ascesa della famiglia viscontea.

      Elimina
  5. Bellissimo!!! Comunque... figura veramente curiosa e complessa :O Uomo dalle mille virtù e, se ho capito, dagli altrettanti vizi!
    Attendo anche io gli sviluppi :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille dell'apprezzamento. :-) Nonostante la fama negativa del personaggio, abbiamo tutti concluso che lo standard del signore dell'epoca era il suo, ma con risvolti sorprendenti, come la questione dei figli naturali. Non era consuetudine che un feudatario riconoscesse i figli adulterini e provvedesse a loro in quel modo, ad esempio. E a me ha colpito anche la questione della sua favorita che ha voluto seguirlo fino alla fine. Come si sa, la Storia viene scritta dal punto di vista dei vincitori e non dei vinti e noi abbiamo solo il punto di vista di Gian Galeazzo e della propaganda negativa.

      Anche il nipote Gian Galeazzo non era quello stinco di santo che voleva far credere. Tra l'altro avviò lui la costruzione del Duomo di Milano e, come si sa, le chiese venivano donate dai committenti in espiazione dei loro peccati. Se pensiamo alla grandezza del Duomo, possiamo fargli i conti in tasca! ;-)

      Ebbene sì, alla fine vi stupirò con effetti speciali! :-D

      Elimina
  6. Accidenti, tipo ripostiglio? Dimmi tu se valeva la pena di condurre una vita così estrema... ma forse quelli erano tempi di vite estreme per tutti, anche se per motivi diversi. Mi fa piacere sapere qualcosa di più di questo personaggio. :)

    RispondiElimina
  7. In effetti la sua vita è stata un filino esagerata anche per lo standard dell'epoca. ;-) Comunque noi sappiamo della vita dei signori perché sono ben documentate, ma la vita della povera gente era davvero durissima... ed erano la maggioranza. A presto!

    RispondiElimina
  8. Cinquemila cani, trenta figli, due mogli e un mare di nemici. Un personaggio davvero incredibile. Non un personaggio, una persona in carne e ossa di cui, mi si perdoni l'ignoranza, non avevo conoscenza.
    Però come "personaggio", in veste di protagonista principale di un bel romanzo lo vedo bene: rigoroso con i figli, spietato con gli avversari, prodigo con le amanti... Secondo me, ci hai già fatto un pensierino! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto riguarda le avventure amorose di Bernabò, ti cito solo un episodio famosissimo, che riguarda la sua amante Giovannola, madre di quella Bernarda che egli fece morire di fame. Bernabò le aveva donato un bellissimo anello, ma siccome questa Giovannola parecchio civetta era - e aggiungerei anche parecchio oca - aveva avuto una storia con un capitano di Bernabò, tale Pandolfo Malatesta, e gli aveva regalato proprio questo anello.

      Ecco quel che accadde in seguito, che per certi versi sembra la scena di una commedia, tratto da sito: http://www.storiadimilano.it/Personaggi/Ritratti%20femminili/bernarda.htm

      "Pandolfo, ignaro del retroscena, si presentò a corte da Bernabò sfoggiando al dito l'anello di Giovannola (nelle regole cavalleresche sarebbe stato un affronto alla dama il non farlo). Peccato che Bernabò avesse buona vista e buona memoria: colpito dal bagliore dell'anello mentre Pandolfo gli faceva l'inchino di rito, sfoderò fulmineamente la spada e si avventò contro l'ignaro capitano che, perso l'equilibrio, inciampò provvidenzialmente nel fodero della sua spada e finì lungo e disteso per terra. Il colpo di Bernabò fese l'aria e non poté ripetersi, perché i suoi ufficiali si affrettarono a bloccare l'impetuoso signore: Pandolfo guidava un esercito e non era il caso di farsi scoppiare una guerra in casa! L'ira di Bernabò era terribile, gli toglieva il ben dell'intelletto, e solo la moglie Regina riusciva ad arginarla e a smorzarla."

      Per quanto riguarda un eventuale romanzo, non ci provo nemmeno: troppo bello "La vipera e il diavolo" di Luigi Barnaba Frigoli! Ma comunque... ho fatto dell'altro, che sarà oggetto del mio terzo post. ;-)

      Elimina
    2. Anzi, gli è finita bene a quel Pandolfo lì, considerato la fama di uomo sadico chissà a quali torture lo avrebbe destinato Bernabò! :)
      Aspetto con curiosità i prossimi post.
      Sta storia m'ha preso! :)

      Elimina
    3. Infatti, Marina, gli è andata di lusso... te lo posso assicurare.

      Comunque è una scena che mi ha sempre fatto molto ridere: l'amante (Bernabò) che si scaglia sull'amante (Pandolfo) della sua amante (Giovannola), e la moglie del primo (Beatrice) che cerca di difendere l'amante dell'amante del marito (Pandolfo). Più assurda di così la situazione non poteva essere! :-D

      Elimina
    4. Grazie dell'interesse e dei bei commenti. Alla prossima puntata, allora. :-)

      Elimina
  9. Ma quindi suo zio era Luchino Visconti? :)
    Personaggio incredibile, con un carattere decisamente rivoluzionario e fuori dai tempi... il Diavolo poi non è così brutto come lo si dipinge.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luchino, sì! Un nome che si ripete spesso nella famiglia Visconti. :-)

      Hai ragione, il Diavolo non è così brutto come lo si dipinge. Il suo problema essenzialmente era il carattere, quando aveva questi black out mentali non capiva più niente. Però se qualcuno sapeva argomentare la propria difesa con battute argute e intelligenti spesso aveva salva la vita.

      Elimina
  10. Che personaggio interessante! Mi vergogno a dire che non ne avevo mai sentito parlare... Non so molto della storia di Milano, sono un po' più informata sulle vicende dei dogi di Venezia e degli Scaligeri (che sono più della mia zona) ma comunque la storia dell'Italia quand'era divisa in tanti staterelli è sempre stata complicata da ricordare per me. Ti ringrazio per aver ampliato la mia cultura :)

    RispondiElimina
  11. Ciao, Elisa, grazie di essere passata e aver lasciato un commento. In effetti quando ho letto la biografia di Daniela Pizzagalli, ho trovato particolarmente complicata la parte delle leghe antiviscontee, dove l'alleato di oggi diventava il nemico di domani. I trattati si scioglievano dopo pochi mesi come la neve al sole! Sono contenta che l'articolo ti sia piaciuto.

    RispondiElimina

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Maigret e le donne fatali" di Georges Simenon