Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


sabato 6 settembre 2014

"Cloud Atlas": il viaggio delle anime dei fratelli Wachowski


Tratto dal romanzo L'atlante delle nuvole di David Mitchell, Cloud Atlas è un film di fantascienza del 2012 che intreccia sei storie ambientate in luoghi e tempi diversi. Al suo attivo ha un cast di attori molto noti, tra cui Tom Hanks, Halle Berry, Susan Sarandon, Hugh Grant e Hugo Weaving.

Dopo aver recensito il romanzo nel post che trovate qui, mi accingo ora a commentare il film e ad inaugurare il nuovo percorso nel blog dal titolo Alla Lanterna Magica, espressamente dedicato al cinema e che tratterà di film particolari! :-) Avendo già letto il romanzo, non ho avuto alcun problema a seguire la trama del film, ma credo che molti aspetti risultino oscuri a una non-lettura come ho intuito dalle molte recensioni in rete. Non era facile, peraltro, trarre dal romanzo di David Mitchell un film che, utilizzando il linguaggio particolare del cinema, fosse ugualmente efficace in termini di messaggio e comprensione.

Il romanzo narra sei diverse storie, la prima parte dal 1849. Dopo essere sfociate nel futuro, ognuna ritorna indietro in un moto circolare per chiudersi (perciò, il romanzo termina con la storia ambientata nel 1849). I personaggi che affollano il romanzo compiono azioni che hanno ripercussioni non solo nel futuro comunemente inteso, ma anche nel passato, e in questo senso viene ripudiata l'idea di un tempo lineare. Ogni vita avviene contemporaneamente e, dunque, non è detto che un personaggio compia un'evoluzione al positivo, o rimanga in una condizione di stasi; potrebbe addirittura peggiorare. I destini dei protagonisti sono, com'è ovvio, non solamente interconnessi, ma collegati all'umanità intesa nella sua accezione più ampia. Spetta a loro  e alle loro scelte regredire ad uno stadio primordiale e tribale, dove il più forte mangia - letteralmente - il più debole, oppure evolversi in piena armonia con l'universo. 

Il significato del romanzo, e anche del film, sta nella consapevolezza delle azioni umane. Soprattutto il film deve molto alle teorie di Gurdjieff secondo cui la condizione attuale dell’uomo non corrisponde al suo vero destino. L'uomo medio vive addormentato, nell'ignoranza delle sue possibilità e, così facendo, perde il contatto con la Realtà. Pochi esseri "risvegliati" possono dare il loro contributo all'evoluzione umana, e questa teoria viene applicata anche dai registi di Cloud Atlas, gli stessi della trilogia di Matrix.

Persistenza della memoria di Salvador Dalì, 1931
Museum of Modern Art, New York - http://www.moma.org/

Grazie al montaggio che alterna abilmente le sei storie tra loro, contrariamente al romanzo che ha una struttura circolare, i registi hanno evitato il rischio di produrre un film troppo lento e lineare. Il risultato visivo è grandemente spettacolare e l'impronta della regia è inconfondibile, specie nella presentazione della città futuristica abitata dai cloni schiavi, e in cui è in atto una rivolta da parte dell'Unione, un gruppo di partigiani molto simili nell'aspetto ai ribelli di Matrix.

Quello che nel romanzo non è sempre chiaro, non essendo esplicitato nel testo e mancando il dato visivo, è il collegamento nelle rinascite dei personaggi, che nel film viene risolto utilizzando gli stessi attori per vari ruoli (e può darsi che alcuni collegamenti siano stati decisi dai registi e dagli sceneggiatori stessi, essendo così labili nel romanzo). Però, se da una parte l'intento di far chiarezza è raggiunto, dall'altra si arriva al limite del trash con Hugo Weaving (il feroce agente Smith di Matrix, ricordate? o anche l'ineffabile re elfo ne Il Signore degli Anelli) che veste panni sia maschili sia femminili. O con l'attrice Doona Bae dai lineamenti orientali che impersona anche una donna inglese del 1800 con tanto di efelidi e riccioli ramati. Pur apprezzando l'abilità nel trucco applicato agli attori, molti potrebbero non essere d'accordo di fronte a una scelta come questa; e io, a dirla tutta, sono una di queste persone.

Altra differenza, stavolta veniale, è aver mantenuto l'età dei personaggi, di conseguenza Zachry, l'io narrante dell'età barbarica dopo la Caduta dell'umanità, nel romanzo è un vecchio che narra delle sue vicende di ragazzino; nel film, invece, è sempre impersonato da Tom Hanks che ragazzino non è. Viene invece utilizzata con particolare enfasi la voglia a stella di cometa che alcuni personaggi hanno sul corpo, in modo che lo spettatore non abbia dubbi residui sulla loro identità.

Lo spettatore segue molto bene, dunque, l'evoluzione o l'involuzione dei personaggi grazie alle loro fisionomie, e quindi si capisce come Halle Berry sia a uno stadio evolutivo alto fin da subito (in generale tutti i personaggi femminili lo sono), mentre Hugo Weaving o Hugh Grant impersonano sempre anime di bassa lega che, vita dopo vita, continuano a compiere sempre le stesse scelte al negativo di sfruttamento e sopraffazione.

Il personaggio più interessante nel film è senza dubbio Tom Hanks, perché è il più altalenante, e se inizia come dottore in un'isola della Polinesia che raccoglie denti sulla spiaggia residui di pasti di cannibali, per venderli a Londra ai fabbricanti dentiere, e vuole avvelenare un notaio, passeggero a bordo della nave - altro personaggio al positivo - nell'ultima esistenza lo si ritrova al fianco di Halle Berry dopo aver percorso una bella evoluzione. In questo senso, rappresenta davvero l'uomo comune che, vita dopo vita, cambia a prezzo di sbagli terribili, e con grande fatica.

Cloud Atlas è un film ambizioso e che comunque regge bene nella sua portata spettacolare. Ha anche il pregio di portare alla nostra attenzione un romanzo affascinante e complesso che segna un punto di svolta a livello narrativo.

E voi, avete visto il film e magari anche letto il libro? Che cosa ne pensate?
Share:

4 commenti:

  1. Ammetto di essermi tenuta alla larga da questo film. Matrix mi era piaciuto moltissimo, ma i seguiti hanno rappresentato un delusione enorme (eravamo partiti da Platone e dal mito della caverna e finiamo a fare a botte con l'agente Smith...). Inoltre non ho letto il libro e, come dici anche tu, tutte le recensioni hanno segnalato il rischio di perdersi nella trama. Non so, ogni tanto questa pellicola passa su Sky, magari le do una possibilità...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Tenar, grazie del tuo commento!

      In effetti conosco persone che hanno visto il film senza aver letto il libro e hanno ammesso di averlo visto un paio di volte per capire bene tutti i collegamenti. Ad esempio la figura del "vecchio Georgie", che dovrebbe rappresentare una specie di spirito o demone tentatore per Zachry nell'età barbarica, ma con tanto di cilindro in testa, sono convinta risulti del tutto oscura. Secondo me il film è riuscito per la maggior parte, ma non del tutto; proprio come il libro è carente sotto certi aspetti.

      Per quanto riguarda Matrix anche a me era piaciuto molto il primo, ma ho finito col non capire più niente nei seguiti. Magari sono i miei neuroni che, con l'età, si sono calcificati...

      Elimina
  2. Innanzitutto complimenti e auguroni per la nuova sezione "Alla lanterna magica"! Come sai, sono una di quelle persone che, non avendo letto il libro, ha guardato più volte il film per capire meglio i collegamenti. Comunque me lo sono gustata ogni volta con piacere. Confesso di aver visto volentieri anche tutti e tre i "Matrix"...un po' come la fisica quantistica, mentre leggi o guardi ti pare di aver afferrato, poi ti accorgi che il linguaggio a tua disposizione non è sufficiente per riformulare certi concetti, anche solo nel pensiero...

    RispondiElimina
  3. Ciao Stella, bentornata e grazie per il tuo commento!

    Probabilmente questo film, come altri del genere, riesce a dividere abbastanza il pubblico. Sono d'accordo con te, ci sono film che vanno rivisti più volte per poterli apprezzare sempre di più e cogliere nuovi aspetti. Uno di questi è "Blade Runner": non so quante volte l'ho visto, ma, ogni volta, trovo sempre nuove chicche.

    RispondiElimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Autunno del Medioevo" di Johan Huizinga