Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


martedì 20 maggio 2014

Murakami Haruki danza sulle griglie del tempo

La copertina del romanzo,
edito da Einaudi
Con la descrizione onirica di un edificio, che ricorda certe costruzioni escheriane o i vertiginosi interni di Piranesi, si apre il romanzo Dance Dance Dance dello scrittore giapponese Murakami Haruki. La voce narrante racconta infatti d’aver sognato, per l’ennesima volta, l’Albergo del Delfino a Sapporo. Anche stavolta non ha visto in sogno l’edificio di cui era stato ospite tempo addietro, ma un luogo completamente diverso: La forma dell’albergo appare distorta. È molto lungo e stretto. Tanto lungo e stretto da sembrare, più che un albergo, un lungo ponte coperto da un tetto. Un ponte che si estende, in tutta la sua lunghezza, dall'antichità alla fine del mondo. Io ne faccio parte. Lì dentro c’è anche qualcuno che piange. E io so che piange per me. Chi piange? Il sognatore ne è sicuro: è Kiki, una squillo di lusso con cui egli ha trascorso un brevissimo periodo nell'albergo, e scomparsa nel nulla da qualche mese. Decide così di mettersi alla ricerca della ragazza, che ricorda come enigmatica, sulle tracce di quel pianto udito solamente in sogno, prendendosi un periodo di riposo dal suo lavoro di giornalista freelance e una vita dove le persone entrano ed escono come folate di vento dalle porte di una stanza.

Il protagonista arriva all'albergo di Sapporo e, invece di ritrovare l'edificio vecchiotto e odorante di muffa, insieme al suo personale stinto e fuori moda, scorge una costruzione modernissima e asettica, tutta vetro e metallo. Dell’edificio che fu, l’albergo ha conservato solamente il nome. Pur deluso e stupito, prende possesso della stanza prenotata e continua il suo soggiorno in città, peregrinando senza scopo apparente tra una tavola calda, un bar e un ristorante. E anche il lettore non comprende bene e subito dove voglia l’autore voglia veramente condurlo a livello letterario, se attraverso un romanzo noir o giallo, o una storia al limite della fantascienza o che sfiora il paranormale, tanto che all'inizio sembra quasi che la trama si assottigli e si disperda proprio come la volontà del protagonista maschile, di cui non si conoscerà mai il nome.

Ma Murakami ha il dono di portare, lentamente, dove vuole, e ad un certo punto ci si trova invischiati e irretiti nella trama… e si va avanti come attirati da una forza magnetica. È una sorta di ipnosi data dalla storia e, senza dubbio, da una scrittura precisa ed asciutta, fatta a piccoli tocchi e tipica della cultura nipponica, ma anche originata dai brani della musica occidentale che bene o male contrassegna ogni romanzo di Murakami. Si tratta proprio del misto tra oriente e occidente, antichità e modernità, concretezza e sogno, simboli sottilmente ossessivi che sempre ritornano (la forma bellissima delle orecchie della ragazza), assurde creature mezze umane e mezze animali – perché la letteratura è fatta anche d'immaginazione e irrazionalità, o sarebbe solo contabilità di parole – che costituisce l’originalità di questo autore e delle storie spiazzanti che ci racconta.

Yayoi Kusama, Peep Show, Castellane Gallery, New York, 1966
Una storia, come questa di Dance dance dance, dove anche l'esistenza "reale" è, comunque, costellata di incontri con personaggi imprevedibili: centraliniste nervose che sanno più di quanto non vogliano dire, attori affascinanti prigionieri del proprio ruolo, scrittori falliti e messi in ombra da mogli di successo, poeti con un braccio solo, ragazzine sensibili e sensitive, una coppia di poliziotti minacciosi e kafkiani, che meritano il soprannome di "letterato" e "pescatore"...

L'albergo scintillante e high-tech costituisce dunque solo un pretesto per narrarci una realtà che si fa sempre più incomprensibile e nello stesso tempo intrigante. I numeri dei piani e delle stanze sono indizi e livelli come in un videogioco. I corridoi, diventati improvvisamente bui come la pece, cambiano il proprio odore e la consistenza dell'aria e conducono ad altri luoghi. Si scoprono ambienti claustrofobici in cui vivono esseri forse generati dalla mente del protagonista e dei suoi comprimari, o forse appartenenti davvero ad altre dimensioni; e che ti aspettano. Come dice uno di queste creature al protagonista, la realtà non è una, ve ne sono molte, e molte potenziali. Tutto è in eterna sospensione e tutto s'interseca, come i cavi delle linee telefoniche, come gli stessi corridoi e le scale dell'albergo, o di altre abitazioni del romanzo, come le strade eternamente sfuggenti che si stendono davanti allo sguardo, come le connessioni neuronali della mente. Tutto sembra all'apparenza sconnesso e casuale, tutto, invece, è collegato come se vi fossero griglie che si mettono in movimento e che vanno ad incastrarsi le une nelle altre o, viceversa, ad aprire pozzi temporali sotto i piedi dell'io narrante. E ogni mossa successiva dipenderà dalle decisioni del protagonista. Un romanzo che consiglio vivamente, dal finale imprevedibile come tutti quelli cui ci ha abituato Murakami. 

***

Una doverosa avvertenza: Nel segno della pecora costituisce l’antefatto al romanzo recensito in questo post, che comunque risulta comprensibilissimo. Provare per credere.
Share:

4 commenti:

  1. Apprezzo la scrittura di Murakami. Non ho letto questo libro, ma l'dea della multirealtà, ovvero di tante realtà parallele in diversi piani spaziali e temporali, a seconda delle diverse scelte tra le possibili alternative mi affascina molto. L'ottima presentazione che fai del libro, come sempre, mi invoglia a leggerlo. Grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire che sono di parte, perché a me Murakami piace moltissimo ed è uno scrittore che merita pienamente il successo che sta avendo. Vorrei leggere anche la sua lista della spesa, se potessi, perché sono sicura che riuscirebbe a stupirmi. Però è un autore molto particolare e non etichettabile secondo me.

      Elimina
  2. P.S. In effetti, gli autori molto bravi possono scrivere il seguito di un romanzo e renderlo coinvolgente e comprensibile anche a chi non abbia letto l'antefatto! ;)

    RispondiElimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Autunno del Medioevo" di Johan Huizinga