Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


sabato 17 maggio 2014

I Crudeli. - Preghiera esaudita. Fuga sotto la luna 31.

Fortress (Fairy Tale) di Mikalojus Konstantinas Ciurlionis (1909)
Nella Cappella, la principessa era inginocchiata davanti al simbolo della Voce - il disco con la croce centrale - e pregava. Il simbolo luceva quietamente nella luce dell’alba, insieme alle pietre colorate di pareti e soffitto, ed i santi e i cavalieri degli affreschi parevano assopiti, i primi appoggiati a lunghi steli di giglio, o a ruvidi bastoni, i secondi a scudi ornati e a spade affilate.

Nessuna voce dava conforto alle pene della madre che pregava e rammentava. Rammentava come, nonostante le sardoniche assicurazioni di Aldebaran, in quei giorni non v’era stato verso che Antares accettasse alcuna cosa da lei, né un goccio d’acqua né una carezza. Il bambino era irriconoscibile, e i suoi lineamenti alle volte erano distorti in un'espressione malvagia. Incapace di resistere a lungo senza toccare il figlio, un giorno Lyra lo aveva sollevato fra le braccia, ed il bambino vi si era dibattuto con tale furia che le sue unghiette avevano graffiato il bel volto di porcellana della madre, e lei era stata costretta a deporlo a terra e a vederlo fuggir via, e rimanere là, col cuore gonfio e gli occhi colmi di lacrime. Soffriva a taceva, e nascondeva i suoi pensieri al Mago del Nord, nel profondo della mente, come fuggiaschi all'interno d’un labirinto inaccessibile, e pregava la Voce che le concedesse al più presto ciò che aveva domandato.

Sollevando la testa, Lyra vide all'improvviso un’ombra lunga stagliarsi sul pavimento di pietra della Cappella, davanti all'inginocchiatoio, ed ebbe un sussulto di spavento. “Sono desolato di interrompere le tue preghiere, mia signora,” disse Aldebaran, ritto sulla porta, e, stavolta, la voce del Mago del Nord era priva di qualsiasi traccia d’ironia. Avanzò e si pose accanto alla sposa, senza inginocchiarsi, ma col viso rivolto al disco di pietra. “Occorre che io m’allontani dal castello,” annunciò. Il respiro di Lyra fu un soffio trattenuto, e le mani intrecciate nell'orazione si unirono più strettamente. “Starò via solo per alcuni giorni. Ti prego d’occuparti tu del bambino, o dare istruzioni alla servitù in proposito.” Lo guardò e vide che egli era pallido in volto, quasi che il potente mago soffrisse d’un dolore lancinante, impossibile da lenire con le sue arti; e, pronunciate quelle poche parole, lo vide uscire dalla Cappella. La principessa lo seguì con lo sguardo, volse la testa verso il disco di pietra e comprese che il momento era finalmente giunto.

***

Era ormai notte fonda. Dopo il gran vento del giorno, che aveva smosso le chiome degli alberi ed allontanato le nuvole, e spento il suo soffio solo all'imbrunire, una luna rotonda campeggiava ora, unica padrona, sopra le torri del castello. Il pianeta latteo rendeva chiaro il cielo, tanto che, dalla finestra, la principessa poteva distinguere con nettezza i ciottoli dei sentieri, inargentati e luccicanti, il guizzo omicida della faina, accanto al pollaio, le radici degli abeti, ritorte ed avvinghiate al terreno. 

The Night di Mikalojus Konstantinas Ciurlionis (1904-5)
Lyra si staccò dalla finestra ed aperse un baule ai piedi del letto, dove aveva nascosto una veste da contadina sottratta ad una delle serve del castello. Si spogliò dei suoi bei vestiti e indossò la povera veste, si legò sul capo un fazzoletto ed imprigionò gli splendidi capelli sotto la grigia stoffa, calzò un paio di scarpe fatte di legno e cuoio. Prese un ampio scialle, ne annodò le due estremità fino a formare una sorta di sacco e vi depose Antares, addormentato grazie ad un preparato d’erbe di cui ricordava la ricetta, infilò le braccia nelle parti annodate e se lo issò sulla schiena. Prese anche una sacca contenente dei viveri, e se la mise a tracolla. Prima di uscire dalla stanza ella esitò, decise di levare le scarpe di legno, cui non era avvezza, e camminare a piedi nudi per non fare il minimo rumore. 

Cautamente uscì dalla stanza e chiuse la porta. I corridoi erano deserti, e solo le torce riverberavano e crepitavano in lunga successione. I piedi nudi di Lyra si mossero, veloci e silenziosi, dapprima sull'impiantito di legno, poi sul pavimento di pietra delle scale e dell’ingresso, e camminarono infine sul soffice strato di erba verde che aveva fatto stendere per attutire i rumori della fuga. Davanti alle scuderie, Lyra s'arrestò e si infilò di nuovo le calzature, poi entrò, calpestando paglia ed escrementi di cavallo. I purosangue si mossero lievemente, ed alcuni sbuffarono, ma nessuno nitrì così forte da destare allarme. 

La giovane donna s’accostò al suo cavallino, lo stesso che, più di sei anni fa, l’aveva portata fin là sulla groppa, sposa ignara e felice, lo accarezzò, gli disse qualche parola all'orecchio, lo sellò, gli mise morso e briglia e lo trasse fuori dalla scuderia. Vi montò sopra, a fatica per il peso che le gravava sulla schiena. Solo per un attimo si voltò indietro, verso il castello e la Torre della Magia: nessuno s’era affacciato dagli spalti del castello, nessuna torcia riverberava dalle finestrelle della Torre. 

Poi, la notte inghiottì il cavallo e i due fuggiaschi.
Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Autunno del Medioevo" di Johan Huizinga