Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


mercoledì 17 luglio 2013

La classe non è acqua / 28

Ho letto varie definizioni sullo stile in uno scrittore, ma nessuna mi è mai sembrata del tutto soddisfacente. Se prendiamo un qualsiasi dizionario, come ad esempio il Sabatini Colletti on-line, leggiamo:


stile

[stì-le] s.m.
  • 1 Insieme delle caratteristiche formali proprie di un'opera artistica, di un autore, di una scuola, di un'epoca: s. dimesso, colloquiale, aulicochiesa in s. gotico, romanico || mobile di, in s., mobile moderno che imita uno stile antico | arredamento in s., che si compone di mobili antichi autentici o moderni rifatti a imitazione degli originali | s. Luigi XV, XVI ecc., quello dei mobili in voga nel periodo del regno di Luigi XV, XVI ecc.
  • 2 estens. Modo abituale di agire, di comportarsi, di esprimersi, di vivere:cambiare s. di vita
  • 3 Distinzione, eleganza, classe: vestire con s. || in grande s., riferito a ciò che avviene con larghezza di mezzi o gran dispiego di forze: festa in grande s.
  • 4 Riferito ad attività sportive, tecnica o modalità di esecuzione: s. ventrale del salto in alto || s. libero, nel nuoto, il crawl
  • 5 estens. Modo di attuare un pezzo musicale, un'opera teatrale, una canzone e sim.: s. di recitazione
  • 6 Foggia di un abito: impermeabile in s. inglese
"Tre Gentiluomini che si salutano"
di Richard Dighton 
Come abbiamo letto, questa parola non a caso viene utilizzata in vari ambiti, come la moda, la musica, la pittura, l’architettura, e anche il modo di comportarsi di una certa persona. Per quanto riguarda un'opera narrativa, lo stile di un romanzo dovrebbe essere determinato dalla scelta ben precisa di alcuni elementi linguistici, e dalla loro disposizione nell'ambito della frase. Non sarà quindi solo le pedante applicazione delle regole grammaticali, ma anche l'originalità espressiva e, nei casi dove la prosa sfiora la poesia, anche dal "suono" delle parole e dalla cadenza della frase. Per questo motivo si dice che la traduzione va inevitabilmente a far perdere la qualità intrinseca di una lingua, fra cui il suono.

Pur con tutte queste considerazioni, a me sembra che lo stile non possa limitarsi solamente ad un modo particolare di raccontare una storia, cioè l’uso del linguaggio per dar vita ai temi che lo scrittore predilige sopra ogni altro, alla trama o ai personaggi.

Dopo una lunga riflessione, sono giunta alla personalissima conclusione che lo stile non sia altro che il carattere della narrazione, inteso proprio come se il romanzo fosse una persona in carne ed ossa e quindi dotato di un suo temperamento. Esattamente come in ognuno di noi vi sono diverse maniere di reagire alla medesima situazione, così ogni narrazione ha il suo tratto distintivo, che permette di riconoscerla al volo. Così non potremo mai confondere lo stile di Franz Kafka con quello di Leon Tolstoj, ad esempio, proprio perché i loro romanzi hanno caratteri estremamente differenti.

Il carattere  di una pagina scritta è quindi formato non tanto dalle reazioni emotive di una persona, quanto da quello che si sprigiona dalla pagina, cioè dagli elementi linguistici scelti e di come essi si compongano all'interno della frase. Naturalmente la pagina non si è generata da sé, ma è stata scritta da qualcuno, l’autore, che ha operato delle scelte in modo da formare il carattere del libro-figlio, usando dei vocaboli anziché altri, tagliando dei passaggi e scegliendo di narrare una scena in un certo modo.
Chagall: “The Green Violinist
(Guggenheim Museum, NYC)
http://www.guggenheim.org/

Per ottenere questo risultato si usano tecniche che si possono apprendere dai corsi e dai manuali di scrittura creativa, come armamentario indispensabile per confezionare una buona pagina scritta. Questo, tuttavia, è insufficiente e arido se non viene accompagnato dall'uso creativo del linguaggio, il che attiene al singolo scrittore, cioè alla sua sensibilità e fantasia. Di solito una buona commistione tra le due cose produce i migliori risultati. È come un virtuoso del violino, che possiede una tecnica perfetta ma non è in grado di trasmettere emozioni.

Se riusciremo a trovare uno stile che ci distingua – una voce nostra – in modo che chi ci legge possa dire: “Questo è proprio lui e nessun altro! Non c’è alcun dubbio!” oppure "Questa è proprio lei ecc.", potremo dire di aver raggiunto il più alto livello di maturità in uno scrittore.

A chiusura del post vi propongo un Quiz: tre stralci di tre grandi autori dallo stile inconfondibile, di epoche, sessi e nazionalità diverse. Il primo è un celeberrimo incipit, in secondo è tratto dall'interno del romanzo, e il terzo è un finale. Chi sono? La soluzione verrà fornita nel prossimo post sulle Tecniche di Scrittura o Conversazioni!
1. Era un vecchio che pescava da solo su una barca a vela nella Corrente del Golfo ed erano ottantaquattro giorni ormai che non prendeva un pesce. Nei primi quaranta giorni passati senza che prendesse neanche un pesce, i genitori del ragazzo gli avevano detto che il vecchio ormai era decisamente e definitivamente salao, che è la peggior forma di sfortuna, e il ragazzo li aveva ubbiditi andando in un'altra barca che prese tre bei pesci nella prima settimana. 
2. "Ho orrore di essermi concessa al primo venuto," disse Mathilde piangendo di rabbia contro se stessa. "Al primo venuto!" esclamò Julien: e si slanciò su una vecchia spada del medioevo che era conservata in biblioteca come una curiosità. Il suo dolore, che gli pareva al culmine nel momento in cui aveva rivolto la parola alla signorina de La Mole, si era centuplicato alla vista delle sue lacrime di vergogna. Sarebbe stato il più felice degli uomini se avesse potuto ucciderla.
3. Finalmente, finalmente era solo col suo bambino; nessuno più poteva toglierglielo, nessuno più poteva mettersi fra loro. E sul suo infinito accoramento sentiva calare un tenue velo di pace, e quasi di gioia - simile alla vaporosità di quella misteriosa notte autunnale - perché l'anima sua si trovava finalmente sola, purificata dal dolore, sola e libera da ogni umana passione, davanti al Signore grande e misericordioso.
Share:

6 commenti:

  1. Il primo l'ho riconosciuto subito. è inconfondibile!:) Per il secondo ho dovuto pensare un attimo a chi è la signorina de Mole, ma poi mi è venuto in mente. Il terzo no, non ci riesco ...per adesso. E' uno scrittore russo?
    Bellissimo il concetto di stile come carattere della pagina scritta!
    Per quanto riguarda i corsi o i manuali di scrittura creativa non li ho mai presi in considerazione, sono abbastanza diffidente e insofferente. Ho sempre pensato che la lettura intensiva di scritture di qualità possa compensarli...ma forse sta proprio lì il mio errore.
    Stella Stollo

    RispondiElimina
  2. Ciao Stella,

    il primo è facilissimo, sì. Malgrado non sia il mio autore favorito, il romanzo è splendido per simbologia. Per il secondo mi hai detto che ci sei arrivata con l'indizio del nome, bene; quindi non dico niente. Il terzo no, non è russo, ma per stile sì, potrebbe avvicinarsi ai russi (questo è molto molto difficile da indovinare!).

    Per quanto riguarda i corsi o i manuali, io non ho mai seguito un corso vero e proprio, ma anni fa avevo preso una serie di pubblicazioni di scrittura creativa. Devo dire che mi sono stati utili! Molte cose si sanno a intuito, ma su altre non ci si arriva da soli.

    Cristina

    RispondiElimina
  3. Primo e secondo: facili! Il terzo mi è sconosciuto.
    Quanto all'articolo, è veramente molto bello, non ne dubitavo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nadia, do un piccolo indizio a tutti per il quiz: è una donna.

      Grazie per l'apprezzamento sull'articolo. Un giorno mi piacerebbe riunire i post sulla scrittura e magari farne un manuale. Che ne pensi, potrebbe interessare?

      Elimina
  4. articolo che ho apprezzato moltissimo, come sempre, del resto! Ho individuato subito il primo autore e titolo del romanzo (facile); per il secondo ci ho pensato un attimo, ma poi credo di averli intercettati (lego l'autore ad una particolare sindrome e il romanzo a due colori); per il terzo non riesco e mi arrendo ^-^.
    riguardo ai corsi, credo siano utilissimi, pur non avendone mai beneficiato semplicemente perché scarsamente accessibili dal punto di vista economico e quindi la tua proposta di fruirne attraverso pubblicazioni mi interessa e stimola moltissimo. Grazie, Cristina per le tue bellissime e utilissime proposte! ciao!
    Clementina Daniela

    RispondiElimina
  5. Ciao Clem, grazie per il tuo commento! Mi auguro che tu non abbia avuto difficoltà come 'Anonimo' ;)

    Per quanto riguarda il terzo autore, vedo che brancolate nel buio e che però siete incuriositi... il che mi fa pensare che un'altra delle cose che amiamo fare, a parte leggere le storie a puntate, sono i quiz e i test in generale, anche se difficili.

    Sui corsi, hai ragione: sono costosissimi. Ne conosco uno a Torino - non faccio nomi - per il quale bisognerebbe accendere un prestito in banca. Leggere un manuale può rappresentare una buona sostituzione, ed essere meno dispendioso, ma forse bisognerebbe essere almeno in due per svolgere le lezioni e confrontarsi sui risultati. Questo sì che sarebbe davvero stimolante!

    RispondiElimina

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Racconti di pioggia e di luna" di Ueda Akinari