Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


lunedì 11 febbraio 2013

La Fabbrica dell'arte

Le opere di arte contemporanea dovrebbero essere collocate in un giusto contesto per poterle apprezzare al meglio. Personalmente non amo molto la contemporaneità collocata all'interno, magari, di una villa del 1700-1800, dalle pareti affrescate e riccamente ornate: mi sembra che lo sguardo sia distratto tra due linguaggi differenti, ambedue meritevoli di attenzione, ma che non sempre si armonizzano tra loro. Per questo ho molto gradito l'allestimento delle opere di Spirito Italiano atto I, appena conclusosi per lasciar spazio alle opere di atto II, e il luogo che le ha ospitate: la Fabbrica Borroni, nel cuore della città di Bollate. (http://ilmanoscrittodelcavaliere.blogspot.it/2013/02/colombe-sculture-di-cera-e-donne-nel.html)

Gli ampi spazi della fabbrica, spogli e bene illuminati, sono diventati il luogo ideale per l'esposizione di opere d'arte contemporanea.

Nata alla fine dell’800 come opificio tessile e dagli anni ‘60 divenuta la fabbrica della famiglia Borroni, dopo il restauro del 2003, la Fabbrica Borroni  (http://www.fabbricaborroni.it/) è divenuta oggi un luogo che offre al visitatore gli spazi adeguati per l'organizzazione di mostre sulla giovane arte italiana, e non solo; e dove si possono ammirare le sue collezioni artistiche permanenti. Già nel cortile il visitatore si rende conto, osservando i murales che lo accolgono, che sta per entrare in un luogo molto particolare.

BROS "La sorte di un curatore", 2007 Spray su parete, cm. 600 x 600






BLU "Senza Titolo", 2007 Spray su parete, cm. 1.400 x 600

Dato che il patrimonio della Fabbrica è molto vasto, per questo post ho selezionato due artisti: Gianluca Sgherri (Fucecchio, 1962) e Alfredo Cannata (1961, Adrano, CT).


Senza titolo di Gianluca Sgherri, 1994
olio su tavola, cm. 26,3 x 29,8
firma e data al retro
autentica dell'autore su fotografia

Nel mondo di Gianluca Sgherri  non pare esserci posto per le figure umane, se non forse per lo spettatore che osserva, fuori dalla tela. Sono quadri di piccolo formato che presentano mondi silenziosi e notturni, dove oggetti inanimati emanano fluorescenze diffuse tutt'intorno a sé. È un regno onirico che si apre al nostro sguardo quasi fosse visto dal finestrino di una navicella spaziale, o da un portale che permette l'accesso a una realtà parallela. Ed è dominato dalla geometria delle forme e punteggiato dalle presenze misteriose di oggetti ed elementi naturali che ci inviano messaggi in codice.


Due tazzine di Gianluca Sgherri, 1991, olio su tavola, cm. 24 x 32,5
firma, titolo e data al retro - autentica dell’autore su fotografia

Persino i suoi oggetti domestici, come queste due tazzine gemelle che ammiccano verso di noi in atteggiamento affettuoso, si librano dai tavoli, dalle mensole e da qualsiasi altro punto d'appoggio, per sollevarsi in aria e trasformarsi in corpi celesti.



"Soggetti non identificati" di Alfredo Cannata, 2000,  olio su tela., c. 110 x 140

La figura umana ha, viceversa, grande rilevanza nelle tele a olio di Alfredo Cannata che ho avuto modo di ammirare alla Fabbrica. L'artista sceglie pochi colori, stesi con una pennellata morbida e attenta, sopra ampie tele. I corpi campeggiano al centro della tela, in pose frontali e dignitose, per nulla rigide. Lo sguardo dell'artista è colmo di ammirazione per la figura umana, e ognuno dei soggetti ritratti, tramite la corporeità, è in procinto di raccontarci una storia. Sono uomini e donne anonimi, ma parlano senza bisogno di carte d'identità. A volte, alle spalle delle persone da lui raffigurate, come in questa tela, si erge il loro volto, come se fosse una Grande Anima finalmente visibile. Del tutto simile, in fondo, all'aura palpitante delle creature inanimate di Gianluca Sgherri.
Share:

2 commenti:

  1. Grazie Cry dei sagaci commenti. A mia volta aggiungo ciò che a me trasmettono. Il quadro di Sgherri "Senza titolo" mi fa venire in mente "2001 Odissea nello spazio"... il monolito è come una passaporta da un mondo a un altro dove puoi sentirti un osservatore estraneo al contesto in cui ti trovi. In "Soggetti non identificati" di Cannata apprezzo la testa bianca pensante sullo sfondo che crea quest'opera corporea ancora non completamente conscia ma inequivocabilmente legata all'inscindibile e tuttavia aperta a nuovi orizzonti proiettata al di là, oltre alla scoperta di sè... Entrambe le opere hanno in sè un senso momentaneo di sospensione che è quasi attesa, seguito da una quasi subitanea rinascita o se vogliamo consapevolezza. Ti seguo sempre con piacere.
    Wanda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il tuo contributo. Quello che l'arte ha di più bello è che stimola riflessioni anche molto diverse rispetto a chi guarda. Esattamente come le opere di narrativa, in cui chi legge scopre sempre un aspetto nascosto, sorprendente perfino per l'autore. E quello che è più stupefacente è che la stessa opera pittorica o letteraria, se rivista o riletta a distanza di poco tempo, induce a riflessioni nuove, come se ci fosse un'interazione attiva tra artista-spettatore e scrittore-lettore, e insieme contribuissero a rinnovare la loro "creatura".

      Elimina

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Racconti di pioggia e di luna" di Ueda Akinari