Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


sabato 21 luglio 2018

Storia, battaglie e l'epic metal dei Sabaton



Potevo stupirvi con effetti speciali, e invece... no, non temete, il caldo non mi ha dato alla testa e sì, siete sempre su Il Manoscritto del Cavaliere. Il fatto è che ho scoperto questo gruppo musicale heavy/power metal svedese, i Sabaton, grazie a un mio giovane amico che mi ha segnalato alcune loro canzoni legate alle battaglie e quindi a fatti storici ben precisi, e la cosa ha suscitato il mio interesse. Dunque vorrei parlarvene.

Non sono per nulla un'amante del metal, e tanto meno delle battaglie - faccio sempre molta fatica a scrivere nei miei romanzi le scene legate alla guerra - ma devo dire che le tre canzoni che vi presenterò hanno un giusto grado di vigore e orecchiabilità, ragioni per cui mi sono piaciute.

Prima, però, è bene darvi qualche notizia di questo gruppo il cui album Carolus Rex è stato premiato nel 2013 con il disco di platino in Svezia, rendendo i Sabaton primo gruppo heavy metal svedese a raggiungere tale risultato. E non c'è dubbio che questi ragazzoni siano diretti discendenti degli antichi Vichinghi! Li potete vedere nella foto qui al Rockbjörn 2013, mentre ricevono il premio e ci fanno le corna, probabilmente a memoria degli elmi indossati dai loro avi: da sinistra compaiono Thorbjörn Englund, Pär Sundström e Joakim Brodén. Potete trovare qui il loro sito ufficiale.

Le tematiche da loro trattate vertono principalmente sulla guerra, antica e, soprattutto, moderna. Molti testi riguardano battaglie famose, viste da un punto di vista generale o dall'occhio di una delle fazioni. Ho trovato un'interessante e completa intervista in italiano che potete leggere qui  a cura di Fabio Polo sul sito Metalitalia.com in occasione dell'uscita dell'album The Last Stand, dove vi sono due delle tre canzoni che presenterò. Questa band è stata accusata di insistere troppo sul tema della guerra, come a dire di farle pubblicità; al contrario il loro scopo, specialmente in The Last Stand, è presentare episodi anche poco noti dove una delle due parti si è trovata in uno stato di enorme inferiorità numerica e ha compiuto atti di estremo coraggio con sacrificio della vita.

La Storia è la protagonista indiscussa dei loro lavori, e ben venga quello che toglie la patina della polvere da questa materia che molti hanno odiato con tutte le loro forze durante lunghe e noiose ore di lezione a scuola... perché, come recita lo slogan di questo blog, "la Storia siamo noi" e le sue vicende sono spesso più intense e drammatiche delle pagine dei romanzi.

Ecco dunque le tre canzoni, che vi propongo in ordine cronologico in relazione al fatto storico:


The Last Stand


Il sacco di Roma del 1527 di Francisco Javier Amérigo (1887),
Museo delle Belle Arti di Valencia.
Questa canzone dà il titolo all'album omonimo, e narra il sacrificio della guardia papale, ovvero 189 mercenari svizzeri, che durante il sacco di Roma del 6 maggio 1527 sacrificò la sua vita nella difesa di papa Clemente VII e della Basilica di San Pietro. Altri 42 soldati scortarono il papa, permettendogli di fuggire a Castel Sant'Angelo attraverso il Passetto di Borgo. Da qui dovette arrendersi dopo un mese di assedio, ma, nel frattempo, nessuna delle altre guardie svizzere era sopravvissuta.

L'orrendo scempio di Roma e della sua popolazione fu perpetrato dalle truppe dei lanzichenecchi, i soldati mercenari arruolati nell'esercito dell'imperatore Carlo V d'Asburgo. Pur non essendo il primo sacco subito da Roma - ricordo quello dei Visigoti di Alarico del 410 - questo destò un'enorme impressione in tutto il mondo per la ferocia della soldataglia, che si accanì su persone e luoghi per oltre un anno. Probabilmente uno dei motivi del loro accanimento fu il fatto che i lanzi erano di fede protestante. Vi furono danni incalcolabili anche al patrimonio artistico, come testimonia Francesco Guicciardini nella sua Storia d'Italia:
« Tutte le cose sacre, i sacramenti e le reliquie de' santi, delle quali erano piene tutte le chiese, spogliate de' loro ornamenti, erano gittate per terra; aggiugnendovi la barbarie tedesca infiniti vilipendi. E quello che avanzò alla preda de' soldati (che furno le cose più vili) tolseno poi i villani de' Colonnesi, che venneno dentro. Pure il cardinale Colonna, che arrivò (credo) il dí seguente, salvò molte donne fuggite in casa sua. Ed era fama che, tra denari, oro, argento e gioie, fusse asceso il sacco a più di uno milione di ducati, ma che di taglie avessino cavata ancora quantità molto maggiore. »

La canzone inizia con un suono di campane per introdurre l'atmosfera, seguita dalla musica di tastiere e chitarre. Se volete potete ascoltarla qui seguendo anche il testo in inglese.


Winged Hussars

Questa canzone mi ha svelato l'esistenza di un corpo di ussari molto particolare, detti gli "ussari alati", che non conoscevo. Essi furono il corpo militare che costituì il nerbo delle forze di cavalleria dell'esercito del Regno di Polonia prima e della Confederazione Polacco-Lituana.

Reclutati tra i ranghi della nobiltà polacco-lituana (la szlachta), i Towarzysz Husarski ("Compagni Ussari") mantenevano alle loro dipendenze piccole squadre di cavalieri (secondo il modello medievale della lancia), da loro armati e stipendiati, e rispondevano direttamente al rotmistrz, comandante supremo dello squadrone (chorągiew) di cavalleria.

Caratteristica distintiva degli Husaria erano le "ali", supporti di legno ornati di penne, assicurate alle loro selle o alle lamine posteriori della loro corazza. Il loro aspetto doveva essere incredibile a dir poco, come potete vedere dall'immagine qui accanto che ne mostra uno di profilo, in un dipinto intitolato  "La guardia del Hetman" di Wacław Pawliszak.



Nello specifico la canzone narra della loro impresa durante la battaglia di Vienna del 1683, che pose fine a due mesi di assedio da parte dell'esercito turco. L'assedio alla città fu posto a partire dal 14 luglio 1683 dall'esercito dell'Impero Ottomano. In tutto le forze europee contavano su 75/80 000 uomini, contro 140.000 ottomani che avevano invaso l'Austria. Durante l'assedio, inoltre gli ottomani avevano iniziato a minare le mura della città per poi prenderla. Solamente l'arrivo delle forze cristiane della Lega Santa (alleanza di Confederazione Polacco-Lituana, Sacro Romano Impero, ducato di Mantova, Granducato di Toscana, Repubblica di Venezia, Etmanato cosacco di Ucraina) permise di sferrare una vigorosa controffensiva.

La battaglia cominciò l'11 settembre, e si concluse il raggruppamento dei rinforzi dalla Polonia, comandati dallo stesso re polacco Giovanni III Sobieski, dalla Germania e dal resto dell'Austria, oltre alle forze presenti nella città. La canzone narra del momento decisivo della battaglia, dove l'attacco viene condotto da Sobieski in persona e dai suoi 3000 Ussari. La carica sbaragliò definitivamente l'esercito turco, mentre gli assediati uscirono dalle mura per raggiungere i rinforzi che già inseguivano gli ottomani in rotta. Il cronista turco Mehmed, der Silihdar così commentò l'arrivo dell'armata del Sobieski:

« Gli infedeli spuntarono sui pendii con le loro divisioni come nuvole di un temporale, ricoperti di un metallo blu. Arrivavano con un'ala di fronte ai valacchi e moldavi addossati ad una riva del Danubio e con l'altra ala fino all'estremità delle divisioni tartare, coprivano il monte ed il piano formando un fronte di combattimento simile ad una falce. Era come se si riversasse un torrente di nera pece che soffoca e brucia tutto ciò che gli si para innanzi. »
Se desiderate ascoltare la canzone, non avete che da cliccare sul seguente link!


40:1


La battaglia di Wizna, protagonista della terza canzone tratta dall'album The Art of War del 2008, fu combattuta tra il 7 e il 10 settembre del 1939, tra le forze contrapposte del Terzo Reich e della Polonia, durante le fasi iniziali della seconda guerra mondiale.

Secondo lo storico polacco Leszek Moczulski, tra i 350 e i 720 soldati polacchi mantennero le loro posizioni fortificate contro oltre 40.000 tedeschi. Benché la sconfitta fosse inevitabile, i polacchi bloccarono l'avanzata della Wehrmacht per tre giorni, posponendo l'accerchiamento del Gruppo operativo indipendente "Narew", impegnato in combattimento nei dintorni. Il terzo giorno i carri armati tedeschi sfondarono la linea polacca e eliminarono i bunker uno per uno. L'ultimo bunker si arrese intorno a mezzogiorno del 10 settembre. Nell'immagine sopra, potete vedere uno dei bunker polacchi distrutti, oggi conservato come memoriale.

Soldati tedeschi abbattono la sbarra di confine
alla frontiera con la Polonia
Dal momento che questa battaglia avvenne in circostanze simili (un numero esiguo di soldati che si contrappone ad un soverchiante numero di nemici, difendendo posizioni fortificate con grande spirito di sacrificio e protraendo lo scontro fino al proprio annientamento), Wizna viene sovente paragonata alla battaglia delle Termopili. Uno dei simboli della battaglia fu il capitano Władysław Raginis, ufficiale in comando delle forze polacche, il quale giurò di mantenere la sua posizione fino a che avrebbe avuto fiato in corpo. Quando gli ultimi due bunker sotto il suo comando terminarono tutte le munizioni, egli ordinò ai suoi uomini di arrendersi e si suicidò.

Da ultimo ecco dunque il link per ascoltare la canzone, che commemora questo evento tanto drammatico, quanto poco conosciuto, dell'ultimo conflitto mondiale.

***

Mi auguro che abbiate gradito la mia innovativa carrellata, e vi do appuntamento al prossimo sabato, giorno in cui pubblicherò l'ultimo post prima della chiusura estiva!

***

Fonti testi: 

  • Sito ufficiale dei Sabaton per la copertina dell'album
  • Wikipedia per le altre foto

Fonte testo per le notizie sul gruppo e i fatti storici: 

  • Wikipedia



Share:

29 commenti:

  1. Corpo di mille bombarde! E chi se lo aspettava! :)
    Però non sono niente male!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sapevo che avrei suscitato scalpore! Ahahaha! Alle ortiche le camicie con gli jabot e le parrucche incipriate del 1700, ritorniamo a calcare le orme dei nostri antenati vichinghi!
      Vero che le canzoni non sono niente male?

      Elimina
  2. Non mi aspettavo che ti piacessero... però effettivamente per un'appassionata di storia come te i loro testi devono essere molto interessanti! Grazie di aver dato un po' di spazio al metal, che non è solo rumore e per fortuna sempre più gente inizia a capirlo.

    La mia canzone preferita? Ovviamente Carolus Rex dato che da Carolus deriva (o si suppone che derivi) il mio cognome :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Elisa! ;) Ho stupito anche te, a quanto pare. Come prima cosa mi sono ascoltata "Carolus Rex" e l'ho riconosciuta immediatamente, ha delle sonorità molto riconoscibili. Ero convinta che questo Carolus Rex forse Carlo Magno, e invece è Carlo XII di Svezia. Bellissimo il passaggio:
      "I was chosen by heaven
      Say my name when you pray
      To the skies
      See carolus rise
      With the lord my protector
      Make them bow to my will
      To the skies
      See carolus rise"

      Elimina
    2. Sì, aveva una grande autostima questo Carlo! Ma per questo la canzone mi gasa un sacco!

      Elimina
    3. E allora ascoltiamola a oltranza! :)

      Elimina
    4. [video]https://www.youtube.com/watch?v=WnAvNdVyJB0[/video]

      Elimina
  3. Non vorrei fare la figura di quello che sale in cattedra perché sa più di tutti - anche se su questo argomento forse è così :D . Quindi mi limiterò a dire che i Sabaton non sono certo un caso unico: è poco noto, ma nel mondo metal si contano a centinaia le band che nei loro testi parlano di storia (antica o moderna), di mitologia e di cultura del passato.

    In particolare, tra i gruppi del metal melodico, molti altri gruppi si occupano di battaglie, specie all'interno del sottogenere epic metal. In questa branca dell'heavy metal, accanto a temi fantasy (però più diffusi in passato, ora meno) si ritrova tantissima storia, in special modo dell'antichità greco-romana e del medioevo. E forse ti stupirà sapere dei tanti gruppi italiani che si sono messi in mostra, da questo punto di vista: giusto per fare un esempio, citerei i tuoi conterranei Doomsword e il loro capolavoro Let Battle Commence (un concept album sulla conquista danese dell'Inghilterra nell'800 d.c.) o i sardi Holy Martyr e il loro Hellenic Warrior Spirit (altro concept, stavolta sugli spartani e sulle Termopili).

    Ci sarebbe tanto altro di cui parlare (dal pagan e viking metal ai tanti che nei generi più diversi scrivono testi legati alla storia o alla mitologia), ma come ho detto non voglio fare la figura di quello che arriva e dà lezioni dall'alto del suo scranno. Anche perché non è questo che voglio: visto che il metal è la mia vita da quasi tre lustri, ne so un po' di più, tutto qui :) . E comunque, se vuoi saperne di più o approfondire, sono disponibile a darti consigli e ad aiutarti a scoprire nuove cose - anche in privato se preferisci ^_^ .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Innanzitutto grazie mille per questo excursus così dettagliato, Mattia, e ben venga! Io sono ignorantissima sulla questione, però per nulla prevenuta nei confronti del genere come hai visto da questo post. Mi considero una persona dalla mentalità piuttosto aperta. C'è da dire che se alcune canzoni parlano di storia è un valore aggiunto, ma è ovvio che se la musica non mi piacesse... non c'è storia che tenga! ;)

      Questo post andrà sicuramente nella pagina di "Storia e dintorni" e chissà che non sia il primo di una serie.
      Ti contatterò certamente in privato per avere ulteriori approfondimenti in merito! :)

      Elimina
    2. Contattami pure! Mi hai su Facebook, e se invece preferisci la mail la trovi sul mio blog. Aspetto il tuo contatto, allora ^_^ .

      Elimina
  4. Da fan del metal di lunghissimo corso non posso che apprezzare questo post, cara Cristina. :-) Comunque arrivo tardi, ha già detto tutto Mattia qua sopra, quindi non mi dilungo ulteriormente. ^_^ Nessun altro genere come il metal presenta una tale varietà di sonorità e di tematiche - è praticamente impossibile non trovare qualcosa che possa piacere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu pensa, Simona, non si finisce mai di stupirsi nella vita, così come sono riuscita a sorprendere tutti, con questo post di oggi. Concordo con la tua opinione, ha detto tutto Mattia. Grazie mille di essere passata e a presto. ^_^

      Elimina
  5. Hai capito, e poi dicono che i metallari nelle loro canzoni parlano solo di sesso, droga e satanismo. Invece fanno anche cultura storica :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti oggi è la giornata mondiale dello stupore, Ariano, ahahahaha! :-D

      Elimina
    2. Quello è uno stereotipo di decenni e decenni fa, quando ancora il metal era una novità. Ironicamente sarebbe molto più appropriato per il rap/hip pop, dato che devo ancora riuscire a trovare una canzone commerciale di questi due generi che non parli di droga o sesso... ormai quanto sento una rima in una canzone italiana mi aspetto sempre qualcosa del tipo "mi fumo una canna e mi scopo tua mamma" e difficilmente le aspettative vengono disattese

      Da un furtivo Marchese

      Elimina
    3. Buongiorno, signor furtivo Marchese e ispiratore del post. In generale posso rispondere che non bisognerebbe mai farsi un'opinione senza essere andati a fondo delle cose. Lo stereotipo è un modo per aderire alle classificazioni senza mettere troppo in moto i neuroni: come a dire un incentivo alla pigrizia. Il problema è che queste classificazioni ci vengono sempre dall'esterno, nel migliore dei casi dalla pubblica opinione.

      Elimina
  6. Complimenti a voi o nobile Cavaliere per l'Augusto articolo

    Da un affezionato marchese in incognito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono oltremodo lieta che il post sia stato di gradimento al signor marchese. ;) Sono anche contenta di aver aperto un nuovo, inaspettato filone.
      Il Cavaliere

      Elimina
  7. Non sono un'estimatrice del metal, quindi mi limiterò a sospendere il giudizio sui brani. Il progetto però è molto interessante, anche perché presuppone un certo approfondimento dei contenuti.
    Bravi i metallari! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi Sabaton sono stati una vera scoperta, anche perché mio figlio metteva brani di heavy metal a palla mentre studiava e, oltre a non capire come diavolo facesse a concentrarsi, io giravo con le cuffie sulle orecchie.
      Comunque i Sabaton sono davvero bravi, "Carolus Rex" è fantastico. L'ho ascoltato ieri nella versione inglese e svedese.

      Elimina
  8. Non mi aspettavo questo post! Che sorpresa!
    Anche io mi rifaccio al commento di Mattia qui sopra! Il pagan/folk metal è davvero pieno di racconti, epopee e gesta di guerrieri :) C'è stato un periodo della mia vita in cui non ascoltavo altro, dai gruppi più delicati a quelli più "inascoltabili", dagli Ensiferum ai Finntroll. Solitamente sono tutti gruppi originari delle alte lande, Norvegia, Svezia e Finlandia..o almeno da lì arrivano i prodotti migliori :)
    Lo sai, un po' mi è dispiaciuto quando è finita l'epoca del metal. Ora sono davvero pochi i buoni prodotti, ma dopotutto, così va storia! :)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Diana, grazie mille del passaggio. Con la tua esperienza mi confermi che questi gruppi nordici sembrano proseguire sul filone delle loro epopee e saghe. Come ho detto a Mattia, ribadisco di non essere un'esperta, però non penso che questo sia un caso. Ricambio l'abbraccio. :)

      Elimina
  9. Tu sei alternativa, nulla da dire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah, grazie! A presto e buona serata.

      Elimina
  10. Non conoscevo questo gruppo, sono via con internet a singhiozzo, appena possibile ascolterò la canzone. Intanto ti mando un caro saluto cara Cristina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un caro saluto anche a te, Giulia! Ti consiglio anche "Carolus Rex" che è particolarmente vigorosa e trascinante. Mi raccomando, goditi le vacanze. :)

      Elimina
  11. Non dico nulla sulla musica perché il mio pc ultimamente si è votato al mutismo ( e non ho il tempo di recarmi al centro assistenza ) ma ho trovato oltremodo interessante l'occasione che ti sei data per indagare su momenti particolari della storia.
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti queste canzoni sono anche un ottimo spunto culturale, non c'è niente da dire. Le prime due canzoni mi interessano in modo particolare perché parlano di fatti appartenenti alla Storia moderna, e quindi mi possono aiutare a memorizzare le famigerate date. ;)

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una trilogia di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese, ed è in corso la revisione del romanzo "Le regine di Gerusalemme". Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"La rivoluzione russa. Un impero in crisi (1890-1929) di Stephen Smith