Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


mercoledì 8 marzo 2017

Il Caffè della Rivoluzione: La Primula Rossa esisteva davvero! / 15






Quando ero bambina mio padre mi raccontava la classica fiaba della buona notte. Mi faceva scegliere tra vari soggetti: le storie di Arsenio Lupin, il ladro gentiluomo, oppure quelle di Lord Lister (o Raffles) un nobile inglese di epoca vittoriana, ormai poco conosciuto, con il vizio di rubare come Lupin. Potevo anche scegliere tra I Promessi Sposi, I tre moschettieri e altri classici per l'infanzia, le fiabe di Esopo, le parabole dei Vangeli e le... storie della Primula Rossa. Bene, otto volte su dieci sceglievo queste ultime. Mio padre non leggeva da nessun libro, ma le narrava a memoria. Non so se è da questa consuetudine che è nato il mio interesse per il periodo storico della Rivoluzione Francese; fatto sta che perdura ancora oggi, epoca in cui ho abbondantemente superato l'età per le fiabe.

Solo dopo molto tempo ho scoperto che La Primula Rossa (The Scarlet Pimpernel) è un ciclo di romanzi scritti dalla baronessa Emma Orczy e pubblicati in fascicoli agli inizi del '900. Il ciclo è molto popolare nel mondo anglosassone, mentre in Italia non viene ristampato integralmente almeno dagli anni '60. L'editore Newton Compton ha ripubblicato il primo romanzo omonimo del ciclo negli anni '90. Nel 2012, l'editore Salani ha dato alle stampe una nuova incarnazione cartacea de "La Primula Rossa", che potete vedere qui accanto.

Le vicende sono appunto ambientate nel periodo della Rivoluzione Francese, all'epoca del Terrore. Le teste cadono come tegole, quand'ecco che comincia ad agire una misteriosa figura a capo di un gruppo, che s'ingegna in tutti i modi per salvare gli aristocratici condannati alla ghigliottina. A firma delle sue imprese lascia  una primula rossa, uno dei primi fiori che sboccia dopo il disgelo. Come a dire, un annuncio di speranza dopo l'inverno della disperazione e della morte.

Dietro il personaggio si muove il nobile inglese sir Percy Blakeney, insospettabile "damerino incipriato" e fedele amico del principe di Galles; un po' ricorda don Diego de la Vega, l'indolente gentiluomo che in realtà cela l'infallibile giustiziere Zorro e che agisce nella California sotto il dominio spagnolo. L'espressione ha avuto una tale fortuna che a oggi si indica come una "primula rossa" un ricercato dalle forze dell'ordine che riesce sempre a far perdere le sue tracce; o, più semplicemente, una persona inafferrabile di cui non si conosce l'identità.

Premetto di non aver visto nessuno dei film che sto per menzionare, ma, per amor di completezza, aggiungo che le imprese della Primula Rossa sono state riproposte fin dai tempi del cinema in bianco e nero. Nel 1917, viene prodotto The Scarlet Pimpernel, con Dustin Farnum come protagonista; nel 1934 è la volta del film con Leslie Howard, ovvero il lagnoso Ashley di Via col Vento. Abbiamo avuto un La primula rossa nel 1982 con Anthony Andrews nel ruolo del nobile inglese, che pare non sia un granché. La versione più recente è una miniserie TV del 1999-2000 in cui l'eroe è interpretato dall'attore Richard E. Grant.


Ma la cosa più straordinaria è che... la Primula Rossa esisteva davvero! Esattamente come il personaggio letterario, anche lui agiva nell'ombra, assumeva varie identità e mai nessuno riuscì a catturarlo.

Il suo nome era "barone" Jean-Pierre de Batz, nato nel 1754 e morto nel 1822, un uomo la cui reale origine è avvolta nel mistero. Nella biografia Saint-Just di Mazzucchelli viene presentato come la bestia nera dei rivoluzionari: misterioso, audace, inafferrabile, finanziatore di agenti, corruttore di uomini, ideatore di complotti  veri o fasulli che siano  con lo scopo di gettare la confusione e l'incertezza tra i deputati della Convenzione. E, cosa più importante, metterli l'uno contro l'altro per provocare una carneficina, cosa che difatti avviene, e determinare la fine della Rivoluzione.

A un mese dalla morte di Danton e dei sui amici sulla ghigliottina, i membri dei Comitati scrivono a Fouquier, a proposito della cospirazione permanente di de Batz: "Ti ordiniamo di scoprire a ogni costo l'infame de Batz... Durante gli interrogatori dei suoi complici non dovrai trascurare il minimo indizio. A tal fine non risparmiare qualsiasi compenso finanziario. Chiedi pure la libertà immediata per ogni detenuto che ti permetterà di farti scoprire questa canaglia, viva o morta, seguendola o spiandola. Ripeti a tutti che ormai è un fuorilegge, che la sua testa è a prezzo." Anche Robespierre, l'Incorruttibile, esorta ad adoperare qualsiasi mezzo per stanare de Batz. La cosa ridicola della faccenda è che lo stesso Robespierre ha conosciuto di persona questo pericoloso cospiratore... perché era stato un suo collega all'Assemblea Costituente.

Il barone lasciò delle memorie sulla sua avventurosa carriera di agente e sobillatore, e sugli espedienti adoperati per camuffarsi. Nei Ricordi narrò come riusciva a trasformarsi in un batter d'occhio, assumendo l'aspetto e la personalità di tre esseri fittizi, da lui creati e muniti dei più sicuri documenti d'identità. Essi erano: un orologiaio svizzero di nome Nathey, il rubicondo marsigliese Vallier e il placido alsaziano Muller. Nel gennaio 1794 fu sorpreso dagli sbirri in uno dei suoi rifugi a Parigi e fu a un passo dalla cattura. All'ordine di aprire la porta, si presentò alle guardie come l'alsaziano Muller, dall'aria non molto sveglia. Li mise dunque sulle tracce del barone de Batz, guidandoli a un altro appartamento dove, come ovvio, non c'era il minimo segno... di se stesso. Gli agenti ringraziarono "Muller" per il suo disinteressato aiuto alla patria; e un quarto d'ora dopo de Batz poté dileguarsi sotto le spoglie del marsigliese Vallier. Incredibile, vero?

***

Vi è piaciuta la storia della vera Primula Rossa? In fondo si prova un po' di simpatia per questi personaggi ingegnosi, molto spesso ladri, che riescono a farla franca... perlomeno a livello letterario!

***

Fonti: 
Saint-Just di Mario Mazzucchelli - ed. dall'Oglio
Ritratto del barone de Batz da Wikipedia





Share:

20 commenti:

  1. Non ho mai letto romanzi o visto film sulla "primula rossa" però ne ho sentito parlare ovviamente. A questo punto mi incuriosisce la figura ispiratrice, devo trovare più informazioni su de Batz.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Ariano. Buon caffè e buon mercoledì. :-) Se vai su Wikipedia c'è una scheda biografica su de Batz ben fatta e piuttosto dettagliata.

      Elimina
  2. Sì, hai ragione, si prova una naturale simpatia per l'astuzia di certi personaggi. Questa "primula rossa" reale è una gradevole sorpresa per me. Approfondirò anch'io. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che altro mi dispiace quando mettono in atto, magari, piani geniali di fuga da carceri inespugnabili, e che poi falliscono miseramente. Nonostante tutto, faccio il tifo per il malvivente ricco d'ingegno! Pensa che de Batz aveva cercato di far fuggire il re sulla strada verso il patibolo, ma non c'era riuscito. :-(

      Elimina
  3. A me hanno sempre fatto tanta simpatia personaggi come la Primula rossa, Zorro, Arsenio Lupin. I primi due più simili tra loro, ma tutti e tre inafferrabili e fuori dagli schemi. Inoltre, Primula rossa e Zorro sono anche i precursori di tanti super eroi usciti dalle abili matite dei grandi del fumetto, soprattutto americani già a partire dal periodo della seconda guerra mondiale... e prima ancora, volendo, anche personaggi criminali eppure affascinanti, come Fantomas, o come Diabolik... insomma, c'è un mondo intrigantissimo dietro :-) ;-). Ciao, Cristina e grazie per questo bel post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te del bel commento, Clem. Sì, è vero quello che dici, la Primula Rossa e Zorro sono i progenitori di personaggi inafferrabili come Fantomas e Diabolik. Ad esempio ho dovuto fare una piccola ricerca su Lord Lister per capire se la memoria non mi tradiva. Ho avuto conferma invece che "is a fictional character who first appeared in a German pulp magazine entitled Lord Lister, genannt Raffles, der Meisterdieb published in 1908". Probabilmente mio padre aveva letto le storie da ragazzo o addirittura quand'era in Inghilterra come prigioniero di guerra.
      A proposito... che paura la maschera di Fantomas!

      Elimina
    2. Ah, vedi un po', ma certe storie rimangono dentro, è così!
      Paurissima Fantomas :-D
      Quanto mi piace, invece la versione di Magritte: sempre inquietante, ma più... ipnotico.

      Elimina
    3. Fantomas è un po' come Belfagor: dopo la visione di quei vecchi film o sceneggiati, ci è venuta la paura del buio!

      Elimina
  4. Piaciuto tantissimo, adesso ho anche il romanzo in lista lettura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Tenar. Per combinazione tra ieri e oggi sono fiorite le primule nel prato del mio condominio milanese. Sta proprio avvicinandosi la primavera!

      Elimina
  5. Jean-Pierre de Batz probabilmente ha ispirato il personaggio leggerario della Primula rossa (bello scoprire che esisteva davvero!) io adoravo Arsenio Lupin e Diego de la Vega e tutti i personaggi un po' malandrini ma ingegnosi, perché a modo loro fanno giustizia. A me piaceva anche Diabolik e Paperinik, pensa un po';-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Giulia! Beh, Paperinik era un classico della nostra infanzia poiché riscattava il povero Paperino, sempre sfortunato. In pratica faceva giustizia anche per se stesso. :-) Arsenio Lupin nella vecchia serie tv era un modello di charme ed eleganza. Ora ammetto che fa un po' ridere.

      Elimina
  6. Quel volume della Salani è in mio possesso *_* Per il momento escludo di iniziarne la lettura, sob!
    La vera storia della primula rossa è assolutamente accattivante :D

    Esiste una serie anime che "sembra" essere ispirata al personaggio, dal momento che la protagonista si schiera dalla parte dei "deboli", non più i rivoluzionari! Mi riferisco a La stella della Senna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo punto, visto che sia Tenar che tu avete il volume Salani nella lista delle letture, mi sa che mi tocca aggiungerlo pure io. Tanto un libro in più o un libro in meno, tra centinaia, che vuoi che sia? E' come una goccia nel mare! XD

      Interessante quella serie anime cui fai riferimento, sto scoprendo alcuni cartoni giapponesi ispirati proprio alla Révolution. Non è escluso che ci scriva un post dedicato.

      Elimina
  7. Quindi la serie di storie scritta da Emma Orczy si ispirerebbe alle Memorie di de Batz... Ho ben compris?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parrebbe proprio così, anche se la biografia di Saint-Just non lo indica esplicitamente. L'ho trovato invece nella scheda biografica di Wikipedia: https://fr.wikipedia.org/wiki/Jean-Pierre_de_Batz

      Elimina
  8. Quanto si è fortunati nell'aver avuto un padre che leggeva queste mirabolanti storie alla propria figlia? Immagino che si prenda sonno nel migliore dei modi, abbandonandosi agli stimoli di quegli intrecci, alimentando il gusto del leggere, assieme alle possibilità di sviluppare la propria immaginazione.
    Insomma, sei stata fortunatissima in questo, Cristina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento, Luz. Infatti sono bellissimi ricordi! Hai ragione, sono stata davvero molto fortunata ad avere un padre del genere. Ti dirò che nelle storie della Primula Rossa ero molto più interessata ai rivoluzionari che non ai nobili. Ma evidentemente qualcosa dev'essere germinato in me se dura persino ora, a distanza di così tanti anni.

      Elimina
  9. Di sicuro questo tipo di personaggio ispira più simpatia di tanti gaglioffi della moderna politica. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perlomeno la classe del personaggio letterario e di fantasia è innegabile! ;-)

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Belgravia" di Julian Fellowes