Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


sabato 9 luglio 2016

Bernabò Visconti e il dramma teatrale "Il Diavolo nella Torre" 3.


Bernabò Visconti da Bortolo Belotti.
Finalmente siamo arrivati all'ultimo post che conclude la serie dedicata a

Bernabò Visconti 

Nelle puntate precedenti mi sono occupata di:

1. La sua biografia e il suo monumento funebre, dove abbiamo appreso che ne combinò di tutti i colori.

2.Alcuni dei luoghi prediletti che lo videro protagonista, in particolar modo il suo palazzo detto la Ca' di Can, la chiesa gentilizia San Giovanni in Conca, il castello di Melegnano e il castello di Trezzo sull'Adda.

In questo terzo e ultimo post vi ho promesso fuoco e fiamme, faville e scintille. La presenza del fuoco è più che mai azzeccata, visto che si parla di un personaggio che fu soprannominato il Diavolo e che ha stimolato la fantasia di autori di romanzi... e di copioni teatrali. Tra questi ultimi mi infilo di soppiatto, non volendo paragonarmi a penne ben più eccelse.

Con grande piacere e soddisfazione vi presento quindi il mio ultimo lavoro teatrale, dedicato a messere e commissionatomi da un regista attivo in quel di Trezzo sull'Adda, cioè Claudio Settembrini con la sua compagnia TeatrOK. Si tratta di un dramma storico in tre quadri o atti intitolato

Il Diavolo nella Torre


in cui l'azione si svolge nella notte del 18 dicembre 1385 in una prigione del castello di Trezzo sull’Adda. Là trovò la morte messer Bernabò, avvelenato su mandato del nipote Gian Galeazzo, che là lo aveva fatto imprigionare, come sa chi ha seguito i post precedenti.



THEATRE TRAILER

Ecco a voi il link al theatre trailer del dramma, che ho preparato e caricato su Youtube dopo una lunga lavorazione, dato che messere non era contento di alcuni attacchi e della resa fotografica di alcune immagini, e che quindi ho dovuto rifare più volte:



PERSONAGGI E INTERPRETI

I personaggi principali sono:
  • Bernabò Visconti, signore di Milano
  • Gian Galeazzo Visconti, nipote di Bernabò
  • Maffiolo da Pandino
  • Ambrogiola da Marignano
  • Caterinuzza, figlia di Ambrogiola
  • Giovannola da Montebretto, amante di Bernabò.

I personaggi secondari sono:

  • Due legati papali
  • Bernarda, figlia illegittima di Bernabò e Giovannola
  • L'astrologo e medico di corte, soprannominato il Medicina
  • Il condottiero Jacopo dal Verme.
Potrebbero esservi comparse in veste di armigeri, servi, cortigiani. Ci saranno soprattutto altri tre personaggi di cui non posso svelarvi l'identità, per non vanificare l'effetto finale!


LA COPERTINA

La copertina del copione teatrale è stata preparata dalla mia amica Elodia Saetti, autrice di romanzi storici, e l'immagine è quella di un capitello di pilastro con figure animali di officina lombarda dell'XI-XII secolo, che ho fotografato proprio nella cripta di San Giovanni in Conca, cappella annessa alla Ca’ di Can, o palazzo di Bernabò Visconti.


FONTI 

Le fonti che ho studiato o a cui mi sono ispirata per la stesura sono:
  • Bernabò Visconti nella novellistica toscana, saggio di Luigi Barnaba Frigoli presso l’Archivio Storico Lombardo
  • Bernabò Visconti, biografia di Daniela Pizzagalli, saggio edito da Rusconi
  • La Ca’ di Can, romanzo di Carlo Tenca
  •  La Vipera e il Diavolo, romanzo di Luigi Barnaba Frigoli

RINGRAZIAMENTI

Desidero ringraziare qui le persone che hanno letto il dramma in anteprima e che mi hanno dato i loro commenti e segnalazioni su imprecisioni e refusi, o che lo hanno apprezzato moltissimo e non vedono l'ora che sia messo in scena. In ordine cronologico:
  • Antonella Scorta
  • Elodia Saetti
  • Wanda Milani
  • Fernanda Langianese
  • Nadia Bertolani
e, naturalmente, il regista Claudio Settembrini.

Non è la prima volta che scrivo per il teatro, ma è la prima volta che un mio lavoro ha la possibilità di essere messo in scena. Io penso che se un lavoro teatrale non viene mai recitato rimane qualcosa di morto, per quanto valido sia; come Il Canarino che vinse un primo premio e fu inserito in un'antologia di racconto, ma non è mai stato rappresentato.

Sarà un grande privilegio per me aiutare all'occorrenza con il testo, oppure sbirciare dietro le quinte e vedere che cosa accade... naturalmente su invito del regista. Di una cosa sono sicura: sarà un'esperienza emozionante constatare come dei personaggi, nati dalla mia mente e riversati sulla carta, possano prendere vita con la magia del teatro.

E ora...
 che si dia inizio ai festeggiamenti 
in compagnia di messere!
Prima le ragazze, com'è ovvio!


Musica da ascoltarsi durante il banchetto:
Tempus est Iocundum "Codex Buranus, 179"
Share:

34 commenti:

  1. Ma sei bravissima, Cristina! Intanto per il trailer che fa proprio venire la voglia di andare a vedere la rappresentazione e per il lavoro che hai fatto qui, nel blog, che ci ha permesso di conoscere un personaggio sconosciuto e nonostante tutto affascinante.
    Peccato non potere venire al teatro, davvero mi sarebbe piaciuto moltissimo. Poi ci farai il resoconto della serata.
    In bocca al lupo e complimenti!
    Un'altra cosa: la musica medievale mi piace un sacco, è perfetta! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Marina, del commento e dei complimenti. Se ti piacciono i miei trailer, puoi andare alla pagina dedicata a ogni romanzo, ne ho fatto uno per ciascuno. Non sembra, ma realizzare un trailer richiede un sacco di tempo, è come un piccolo film. :-)

      Per quanto riguarda il debutto dello spettacolo, sarà quasi sicuramente il prossimo anno. A Claudio sarebbe piaciuto già da quest'anno, ma tra alcuni intoppi burocratici - che non mancano mai - e gli spettacoli già in programma, non si è riusciti. Però meglio così, secondo me "presto e bene non stanno insieme". Comunque quando ci sarà lo spettacolo farò dell'altro per quelli che, per ovvi motivi di distanza, non riescono a venire.

      Sono contenta che ti sia piaciuta la musica che ho scelto per il "banchetto", in linea con il personaggio.

      Elimina
    2. Avevo realizzato il booktrailer del mio libro e secondo me mi era venuto carino. La qualità, tuttavia, non era un granché e non era un bellissimo vedere, cioè l'idea e le musiche erano suggestive, ma la resa video pessima. L'ho eliminato: non era un buon biglietto da visita, alla fine. Vedrò i tuoi molto volentieri.
      Allora con Bernabò e l'allegra compagnia ci si vede un altr'anno! :)

      Elimina
    3. Non ci si rende conto che realizzare un booktrailer è difficilissimo. Poi, come si sa, a criticare sono bravi tutti.

      I problemi con i booktrailer sono innumerevoli, almeno per quanto mi riguarda: intanto sono un'autodidatta tecnologica e quindi procedo sempre per tentativi. Poi c'è la questione dei diritti di utilizzo di musiche e video, che non è secondaria. Io scelgo le musiche da Creative Commons, ma mi è capitato con la musica de Il Canarino di ricevere una notifica da Youtube che l'autore della musica mi autorizzava a usarla comunque, visto l'uso corretto che ne facevo. Insomma, non era del tutto libera.

      Proprio ne Il Canarino avrei voluto finalmente inserire un piccolo video con una candela accesa e una che si spegne. Avevo trovato un video utilizzabile, ma c'era un marchio grosso come una casa che non riuscivo a toglierle. In conclusione uso sempre immagini mie o quadri esenti da diritti.

      Insomma, mi sa che in autunno potrei scriverci un post chiedendo consigli. :-)

      Sì, con Bernabò ci si riaggiorna tra qualche mese. Magari potrei anticipare il debutto con un paio di altri post. Avrei in mente: "Le donne di Bernabò" e "I nemici di Bernabò".

      Elimina
    4. Posto in prima fila: mio! :-D

      Elimina
  2. Cristina, sei davvero straordinaria e meriti tantissimi complimenti! I tuoi post dedicati a Bernabò sono dei piccoli capolavori e il trailer ingolosisce assai. Non vedo l'ora di assistere alla rappresentazione teatrale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela, grazie davvero. :-) Anche messere si unisce ai ringraziamenti. Non vede l'ora di conoscerti... stavo dicendo "dal vivo", ma sarebbe stata una battutaccia, almeno per quello che lo riguarda! ;-)

      Elimina
  3. Complimenti, Cristina!!!
    Ma... a quando il debutto sulle scene? Non vedo date, però mi piacerebbe assistere allo spettacolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Elisa. I tuoi consigli sul copione sono stati molto utili!

      Questo del mio blog è l'annuncio "ufficiale" che il copione è pronto, con relativo theatre trailer. Diciamo che da adesso in avanti Claudio comincerà a lavorarci. I due attori per le parti di Bernabò e Gian Galeazzo, che sono fondamentali, sono stati già scelti. Probabilmente lo spettacolo sarà l'anno prossimo. Comunque avviserò tutti su Fb e preparerò un nuovo trailer appositamente per il debutto.

      Elimina
    2. Capito... Allora attenderò con pazienza, ma tu avvisaci quando la prima si avvicinerà. Già scrivere il copione dev'essere stata una bella avventura!

      Elimina
    3. Sicuramente, Elisa! Anzi, sarai una delle prime persone ad essere avvertita, vista la tua passione per il teatro. Il luogo poi è particolare e suggestivo, si tratterà solo di valutare se in esterno - assai più affascinante ma rischioso in caso di pioggia - o in interno (qui ci sono varie possibilità). Poi ci saranno i costumi per gli attori.

      Scrivere un copione su commissione è stata una bella sfida per molti motivi: intanto era incentrato su un personaggio che conoscevo poco, e quindi mi sono dovuta documentare. Come seconda cosa scrivere un dramma storico è quasi peggio che scrivere un romanzo storico, in quanto devi risolvere tutto attraverso i dialoghi e in poco tempo, in modo che sia comprensibile e che non annoi il pubblico.

      Anzi, potrebbe essere un bel tema per un post o un guest post, che dici? :-)

      Elimina
    4. Se vuoi scrivere un guest post per il mio blog, sei sempre la benvenuta! Non ho mai parlato di come si scrive un copione (anche perché io non ne ho mai scritti) e credo che anche per i miei lettori abituali sarebbe un tema molto interessante. Se ti va l'idea, contattami pure via mail o Facebook, il mio piccolo blog ti accoglierà a braccia aperte :)

      Elimina
    5. Perché no, Elisa? Accetto con piacere. Magari posso cominciare a pensarci sopra in questi mesi, specie quando inizieranno le mie vacanze - in agosto. Nel frattempo ti ringrazio. :-)

      Elimina
  4. Brava, una grande soddisfazione che, più di ogni altra cosa, sarà davvero gratificante. Quanto può essere emozionante vedere il tuo lavoro che prende letteralmente vita? Anni fa, nel mio piccolo, vedere un mio racconto per bambini recitato da tre classi delle elementari, su un palco, fu semplicemente magnifico! Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lauretta, mi fa un enorme piacere che tu sia passata sul blog a lasciarmi un commento. Benvenuta! :-) Ricordati della formula del guest-post che puoi scrivere su questo spazio, se vuoi. Il primo di Marco Lazzara ha avuto un ottimo riscontro.

      Per quanto riguarda il dramma storico, penso che comincerò a fare scorta di fazzoletti sin d'ora. Già conoscere i due attori che interpreteranno le parti principali mi ha emozionato, figurati vederli recitare. ^_^

      Elimina
  5. Fantastico Cristina! E' una grande emozione vedere un progetto così importante e bello che si realizza. Sono davvero felice per te: il tuo impegno, la tua tenacia e la tua indiscutibile bravura si meritano tutto il meglio, adesso e nei tempi a venire! Complimenti anche per il suggestivo trailer, stuzzica ancor di più la mia voglia di vedere lo spettacolo...e chissà che non ci riesca, quando sarà il momento. Un grandissimo abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S. Mi incuriosiscono molto anche i tre personaggi misteriosi. E complimenti per la copertina!

      Elimina
    2. Ciao Stella! :-) Sì, in effetti penso che sarà comunque una grande esperienza. E' bello sentirsi "desiderati", innanzitutto da questo personaggio che, come ti avevo detto in privato, continuava a capitarmi tra i piedi, e poi anche da qualcuno, in questo caso il regista, che ti chiede espressamente di scrivere qualcosa per lui. Da un'altra parte è stata una sfida, in quanto non mi è mai capitato di scrivere su commissione. Se, comunque, il personaggio non mi avesse affascinato fin da subito, penso che non sarei stata in grado di fare nulla. Messere ci ha messo molto del suo.

      Elimina
    3. Sì, i personaggi extra sono top secret, naturalmente. La copertina è frutto della bravura di Elodia che ha rielaborato l'immagine con Photoshop. Io non riesco a fare nulla con Photoshop, nemmeno a inserire una scritta.

      Elimina
  6. Quindi la pubblicazione dei post seguiva un percorso ben preciso, che doveva condurci al colpo di scena finale. Complimenti per tutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Ivano. Sì, vi ho condotti per mano su una serie di tre post a conoscere meglio questo personaggio davvero incredibile. Quando sarà il momento del debutto, con una data precisa, magari ne preparerò un altro paio, come dicevo sopra.

      Elimina
  7. Wowww!!!!! Ma che bello! Immagino che emozione sarà per te vederlo rappresentato!
    PS: ho iniziato a leggere uno dei romanzi che mi ha consigliato, "La pedina scambiata" ed è proprio molto "da vacanza", quello che mi ci voleva!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono superfelice già così, figurati quando sarà rappresentato!!!

      Per quanto riguarda Georgette Heyer, i suoi romanzi sono godibilissimi e si leggono in un baleno. Tra l'altro ritengo che "La pedina scambiata" non sia nemmeno uno dei suoi migliori, ma è utile leggerlo per "Il figlio del diavolo" a proposito di diavoli... ;-).

      Mi è venuto in mente che qualche tempo fa avevamo parlato del film "Master and Commander" su cui avevi fatto la tesina del corso di cinema. Se hai voglia/tempo di farne un estratto, potrebbe essere un ottimo guest-post per te. Pensaci per l'autunno, ovviamente senza impegno.

      Elimina
  8. Bravissima Cristina, sono ultra contenta per te e per questa meravigliosa opportunità che si sta concretizzando!
    Complimenti anche per la copertina e il trailer, entrambi molto affascinanti. "Messere" non era soddisfatto di alcuni attacchi? ahi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento, Maria Teresa. Chissà perché, alcune cose sembrano andare subito per il verso giusto, altre stentano a ingranare per quanto uno si dia da fare per oliare gli ingranaggi.

      Eh, sì, "messere" è molto esigente e ci mette sempre lo zampino... altrimenti non sarebbe il diavolo! ;-)

      Elimina
  9. Ma che bello! Dev'essere una grandissima soddisfazione!
    La musica del trailer è davvero coinvolgente; ma ci saranno anche musiche nella rappresentazione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento, Marco. Hai visto che nel trailer c'è anche la Ruota della Fortuna? :-)

      Per quanto riguarda le musiche, io le ho previste tra uno stacco di atto e l'altro, in quanto essenziali per immergersi nell'atmosfera del periodo, e ho anche indicato dove prenderle in modo da non violare diritti. L'alternativa è quella di avvalersi di una bravissima arpista che ho sentito suonare alle Visite Guidate Animate al castello di Trezzo. La musica dell'arpa è molto dolce, però, non sempre andrebbe bene: ci sono anche scene molto drammatiche.

      Elimina
  10. Sarà una festa e io non mancherò alla rappresentazione: bando alle commozioni e che giubilo e tripudio siano trionfanti, Brava, brava Cristina!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ancora, Nadia, per essere stata nel novero delle mie attente lettrici e per il tuo prezioso contributo. Sarà incredibile vedere attori mentre recitano dei passaggi scritti da me!

      A presto con altre sorprese...

      Elimina
  11. Questa serie di post possono essere considerati dei capolavori di divulgazione. Molto ben fatti, complimenti davvero. Complimenti anche per il lavoro teatrale, cavoli, stracavoli, che cosa bella. Brava Cristina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Massimiliano, di avere avuto il tempo di passare! E grazie anche del commento. Il fatto è che la Storia non è noiosa... anzi, molto spesso offre dei personaggi davvero incredibili. Così, a parte l'annuncio del copione teatrale, volevo trasmettere questa mia passione. :-)

      Elimina
  12. Stupendo! Deve essere una soddisfazione enorme vedere e sentire la storia diventare viva nelle persone degli attori. Non vedo l'ora di sentirti raccontare, e possibilmente di assistere. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, lo credo anch'io. Mi viene in mente anche quando un lettore prende in mano un tuo libro e ti fa scoprire lati insospettabili nei personaggi. Secondo me è una delle parti più entusiasmanti del rapporto autore-lettore. Così penso avvenga anche nella recitazione, ma in maniera ancora più forte in quanto ci sono di mezzo corpo e voce: gli attori vedono dei lati nei tuoi personaggi del tutto nuovi e li esprimono in un rapporto corale.

      Sarebbe bello se tu riuscissi ad assistere! :-)

      Elimina

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono editor e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

IL MIO ULTIMO LAVORO
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"La tigre e l'ermellino" di Laura Malinverni

Gli ultimi award

Il Franken-meme di Nocturnia