Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


venerdì 5 febbraio 2016

Beta-reader… quasi editor di narrativa (parte 3)

Edward Hopper,
Lettrice in treno (1965)

Terza e ultima parte del guest-post sul mio personalissimo e discutibile metodo di beta-reader per agevolare l'autore nella sistemazione e nello sviluppo di un manoscritto.

Come per le due precedenti puntate, lo trovate sul blog di Maria Teresa Steri, Anima di Carta, cliccando su questo link. Riporto le parole di Maria Teresa per introdurre l'ultima parte, insieme con l'augurio per lei di ritornare in piena forma:


Prima di tutto vorrei scusarmi per la mia prolungata assenza da queste parti, dovuta a una noiosa influenza che mi ha tenuta occupata a guardare il soffitto con la mente annebbiata dalla febbre. 

Con l'occasione ringrazio Cristina M. Cavaliere, autrice di questa serie di post, che oltre ad aver scritto queste interessantissime puntate, si è anche prestata a fare gli onori di casa rispondendo ai vostri commenti in mia assenza. Vi presento, quindi, senza altri indugi la terza e ultima parte di questo articolo, dove l'autrice (editor di scolastica di professione) ci racconta tutti i passaggi nella sua attività di lettrice-beta.

E con l'augurio a voi di molte belle pagine,

sia come autori che come lettori!
Share:

0 commenti:

Posta un commento

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono editor e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

IL MIO ULTIMO LAVORO
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"La tigre e l'ermellino" di Laura Malinverni

Gli ultimi award

Il Franken-meme di Nocturnia