Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


sabato 3 ottobre 2015

I magnifici 100 libri della mia vita

The Reader di Pierre-Auguste Renoir
Questo post nasce dall'iniziativa di Ivano Landi di stendere una lista milleriana dei 100 libri che hanno segnato la propria vita, poi ripresa da Maria Teresa Steri e da Luz nei loro blog. Mi accodo molto volentieri, in quanto gli elenchi gettano uno sguardo d'insieme assai rivelatore sulla persona, e ho preparato quindi la mia lista ragionata dei magnifici 100.

Ho cercato di seguire un criterio cronologico, raggruppandoli anche per autore (ma non sempre). Come sanno alcuni di voi, dato che avevo già scritto un post sull'argomento, quando mi innamoro di un autore cerco di "cannibalizzarlo", cioè tendo a leggere proprio tutto, compresa la classica lista della spesa. Anche la lista lo conferma.

Ma bando alle chiacchiere ed ecco dunque i miei magnifici 100:
  1. I ragazzi della via Paal di F. Molnar
  2. Pinocchio di C. Collodi
  3. Canto di Natale di C. Dickens
  4. David Copperfield di C. Dickens
  5. Il nostro comune amico di C. Dickens
  6. Ciclo dei pirati della Malesia di E. Salgari
  7. Ciclo del corsaro nero di E. Salgari
  8. Ciclo dei corsari delle Bermude di E. Salgari
  9. Capitan Tempesta di E. Salgari
  10. La piccola Fadette di G. Sand
  11. Dorilena di O. Visentini
  12. Il tamburino della rivoluzione di D. Pini
  13. Mirella di F. Mistral
  14. Una ragazza fuori moda di L. M. Alcott
  15. La piccola lady Jane di Cecilia V. Jamison
  16. Il conte di Montecristo di A. Dumas
  17. I tre moschettieri di A. Dumas
  18. Anita di Delly
  19. Don Camillo. Mondo piccolo di G. Guareschi
  20. L'isola del tesoro di R.L. Stevenson
  21. Il master di Ballantrae di R.L. Stevenson
  22. Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di R.L. Stevenson
  23. Il diario di Anna Frank
  24. Jane Eyre di C. Brontë
  25. Cime tempestose di E. Brontë
  26. Orgoglio e pregiudizio di J. Austen
  27. I fratelli Karamazov di F. Dostoevskij
  28. L'idiota di F. Dostoevskij
  29. Memorie dal sottosuolo di F. Dostoevskij
  30. I grandi contestatori: Robespierre
  31. Robespierre di M. Mazzucchelli
  32. Le confessioni di Sant'Agostino
  33. Fiabe e leggende del Trentino
  34. Racconti di E.A. Poe
  35. Il signore degli anelli di J.R.R. Tolkien
  36. Ciclo della spada di Shannara di T. Brooks
  37. Guerra e pace di L. Tolstoj
  38. Anna Karenina di L. Tolstoj
  39. Il ritratto di Dorian Gray di O. Wilde
  40. Una vita di G. de Maupassant
  41. Eugenie Grandet di H. de Balzac
  42. La cugina Bette di H. de Balzac
  43. Il rosso e il nero di Stendhal
  44. I miserabili di V. Hugo
  45. L'uomo che ride di V. Hugo
  46. Via dalla pazza folla di Thomas Hardy
  47. Memorie di Adriano di M. Yourcenar
  48. L'opera al nero di M. Yourcenar
  49. Il colpo di grazia  di M. Yourcenar
  50. Come l'acqua che scorre  di M. Yourcenar
  51. I fiori del mare di C. Baudelaire 
  52. Tutte le poesie di A. Rimbaud
  53. Le metamorfosi di F.J. Kafka
  54. Alla ricerca del tempo perduto di M.Proust
  55. Il mirto e la rosa di A. Messina
  56. La signora Dalloway di V. Woolf
  57. Gita al faro di V. Woolf
  58. Le onde di V. Woolf
  59. Diario di una scrittrice di V. Woolf
  60. Una stanza tutta per sè di V. Woolf
  61. Il cardillo addolorato di A. Ortese
  62. La mia Africa di K. Blixen
  63. Racconti d'inverno di K. Blixen
  64. Rinascimento privato di M. Bellonci
  65. La chimera di S. Vassalli
  66. Il Vangelo di Giovanni
  67. Tempo fuori luogo di P.K. Dick
  68. Ubik di P.K. Dick
  69. Le tre stimmate di Palmer Eldricht di P.K. Dick
  70. Noi marziani di P.K. Dick
  71. Cittadini! di S. Schama
  72. Racconti di A. Cechov
  73. Cuore di tenebra di J. Conrad
  74. Tifone di J. Conrad
  75. Storie di fantasmi di AA.VV.
  76. Il sergente nella neve di M.Rigoni Stern
  77. Se questo è un uomo di P. Levi
  78. La tregua di P. Levi
  79. I sommersi e i salvati di P. Levi
  80. L'assassino cieco di M. Atwood
  81. Occhio di gatto di M. Atwood
  82. No logo di Naomi Klein
  83. Il nome della rosa di U. Eco
  84. I pilastri della terra di K. Follett
  85. Cent'anni di solitudine di G. Garcìa Marquez
  86. L'amore ai tempi del colera di G. Garcìa Marquez
  87. Cronaca di una morte annunciata di G. Garcìa Marquez
  88. Dell'amore e altri demoni di G. Garcìa Marquez
  89. Cielo e inferno di E. Swedenborg
  90. Ossi di seppia di E. Montale
  91. Il gattopardo di di G. Tomasi di Lampedusa
  92. Possessione di A. Byatt
  93. I Viceré di F. de Roberto 
  94. Dialoghi con l'angelo a cura di G. Mallasz 
  95. La storia di Edgar Cayce di T. Sugrue
  96. Poesie di Dio di AA.VV.
  97. Notte oscura di Giovanni della Croce
  98. Saga di Jack Aubrey e Maturin di P. O'Brian 
  99. Trilogia di 1Q84 di H. Murakami
  100. Norwegian Wood di H. Murakami

Molti di voi avranno sorriso nel leggere certi titoli, ma si tratta libri che, pur non avendo nessuna pretesa letteraria, o addirittura sono considerati di serie B, mi hanno davvero fatto compagnia in determinate fasi. Nella mia infanzia, ad esempio, avevo scovato con mia cugina dei libri nella soffitta di un'anziana parente trentina, caldi e fragranti come pane appena sfornato. Alcuni altri sono stati letti sull'onda di sceneggiati televisivi o film, e quindi sia benedetta la televisione, che non è sempre cattiva maestra. Ho letto e riletto più volte Il rosso e il nero di Stendhal, o Via dalla pazza folla di T. Hardy, altri solo una volta (ma li rileggerei comunque volentieri, e questo secondo me la dice lunga sul trasporto che nutro per loro).

Direi che, come colpo d'occhio, il mio elenco rivela molte cose interessanti, tra cui una decisa propensione per i romanzi d'avventura, che ho mantenuto, e per la Storia, e una decisa virata verso il trascendente, o comunque lo si voglia chiamare, nell'ultima parte della mia attività di lettrice.

Penso che questi aspetti si ritrovino anche nel tipo di romanzi che scrivo di recente. Che ne pensate?
Share:

25 commenti:

  1. Non preoccuparti della qualità dei romanzi: non ci era chiesto di inserire quelli che ci sono piaciuti di più, ma quelli che ci hanno segnato. Anche io ne ho inseriti alcuni che non hanno grandi pretese, fra cui "scontro di civiltà per un ascensore in Piazza Vittorio", libercolo di cento pagine, divertentissimo, che mi ha insegnato molto sulla gestione del punto di vista: in un condominio nel quartiere multietnico di Roma trovano un cadavere in ascensore. Ciascun inquilino ha il proprio colpevole! :-D
    Mi sembra che in comune ne abbiamo solo 4. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento, Chiara. Il tuo romanzo con il cadavere nell'ascensore dev'essere divertentissimo.

      Alcuni dei titoli più strani nell'elenco sono legati a momenti della mia infanzia, come "Fiabe e leggende del Trentino". Mi ricordo che me lo prestò la famosa cugina, mia coetanea, e ce n'erano alcune di veramente terrificanti, altro che nanetti e fatine. "Anita" di Delly l'ho riletto un sacco di volte, ed è il tipico romanzo rosa su cui molti avrebbero da dire. Beh, io l'ho adorato, e non amo particolarmente il genere.

      La serie degli autori francesi (Maupassant, Baudelaire ecc.) mi deriva di peso dai tempi del liceo linguistico, quando studiavamo francese e inglese. Era stata una specie di reazione a catena.

      Elimina
  2. Innanzi tutto complimenti per l'impresa titanica! Riconosco molti titolo che starebbero anche nella mia lista o che, pur entrando nei "più importanti" ho comunque apprezzato. Ne approfitto per chiederti com'è "Il colpo di grazia", che mi manca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Tenar, a dire la verità avevo in programma il post sul Leviatano 2. cioè il personaggio storico, ma ho fatto passare avanti questo. Essendo un meme, o adesso o mai più! L'ho fatto in settimana tra una bozza (altrui) e il successivo pisolino.

      "Il colpo di grazia" è il primo romanzo in assoluto che avevo letto di Yourcenar, ed è piuttosto snello rispetto a "Memorie di Adriano" o "L'opera al nero". Si tratta di un episodio di guerra civile all'epoca dei putsch tedeschi contro il regime bolscevico, intorno al 1919-21. Non me lo ricordo benissimo, ma è una storia vera ed è ambientata in parte in un castello. La cosa più interessante che però mi ricordo è l'interazione tra i tre protagonisti (due ragazzi e una ragazza), dei rapporti contorti tra loro, e il margine di ambiguità che corre nella storia e si mantiene fino alla fine.

      Elimina
  3. 14 titoli in comune e la certezza che... noi siamo quello che leggiamo.
    Incredibile quanto si riesca a comprendere di una persona da quello che legge. Bella questa cosa. :-)
    Grazie per la menzione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Luz. Scorrendo il tuo elenco, ero quasi sicura che molti dei titoli coincidevano. A me gli elenchi piacciono molto, a patto che non siano fini a se stessi. Una volta avevamo provato a stendere un elenco dei "che cosa mi piace", "che cosa non mi piace" in famiglia, e sapessi che cosa non era venuto fuori!

      Elimina
  4. Lista interessante e corposa. Se non ho preso un abbaglio e se la memoria non mi inganna abbiamo 14 titoli in comune ^_^
    Credo che stilerò il mio elenco, prima o poi. Un forte abbraccio,
    Marilù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio anche a te. Sì, la lista è corposa. Infatti i "cicli", come quello dei pirati della Malesia, o il ciclo di Aubrey e Maturin, sono composti da almeno sei libri ciascuno.

      Se vuoi preparare anche tu un elenco e mandarmelo, posso ospitarti sul blog con un post tutto tuo! :-)

      Elimina
  5. Se ho contato bene io ne ho letti 11, compresa "La notte oscura" di San Giovanni della Croce di cui ho letto l'opera completa. Le opere di San Giovanni della Croce, insieme a quelle di Santa Teresa d'Avila, sono state anche, guarda caso, una delle letture di Henry Miller successive alla preparazione della sua lista. Del resto Miller era un mistico radicale :)

    Grazie per la partecipazione al meme ^_^ Posso aggiungerti all'elenco dei partecipanti nel post apposito?
    Che sarebbe questo: http://ivanolandi.blogspot.it/2015/09/il-meme-sullautobiobibliografia-post-di.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul serio Henry Miller era un mistico radicale? Lo conosco pochissimo, avevo letto solamente "Tropico del Cancro" che mi era piaciuto. Come al solito le persone sono miniere di sorprese, e gli scrittori non fanno eccezione.

      Di Santa Teresa d'Avila avevo letto solo alcuni estratti dei suoi pensieri, mi ero ripromessa di approfondire. "La notte oscura" di San Giovanni della Croce è stata una folgorazione: lo avevo letto in inglese, ma alcuni passaggi non ero sicura di averli capiti bene, così ho preso la versione italiana e me lo sono riletto da cima a fondo.

      Certamente che puoi aggiungermi nell'elenco, ne sarei lusingata. Io ti metterò nel mio blogroll qui accanto, così ogni tanto darò un'occhiata alle novità del tuo blog. Purtroppo non sono molto assidua come commentatrice, causa tempo tiranno.

      Elimina
    2. Ti aggiungo subito anch'io al mio blogroll, anche se per me vale lo stesso discorso del tempo, visto che seguo già molti (troppi?) blog. E cerco di commentare il più possibile.

      Se vuoi farti un'idea di Miller, quando posso mi diverto a realizzare delle immagini con le citazioni che annoto dai libri che leggo. Poi le pubblico in una bacheca apposita su Pinterest. La maggior parte delle citazioni sono dai suoi libri. Per ora sono poche ma ho intenzione di prepararne altre.
      La bacheca è questa: https://it.pinterest.com/YvesLandi/favourite-quotes-from-books-italian-language/

      Elimina
    3. Allora sei davvero un esperto di Miller! Grazie mille delle dritte, darò senz'altro un'occhiata alle citazioni, mi piacciono molto tanto è vero che sul blog di Grazia stamane ho risposto alla sua citazione... con una citazione. A presto.

      Elimina
  6. Visto che un pochino ormai ti conosco posso dire che questa lista ti rispecchia molto... ma sono rimasta anche sorpresa da alcuni titoli, come quelli di P.K. Dick, che non immaginavo :)
    Abbiamo molti classici in comune, anche se non tutti sono entrati nel mio elenco soprattutto per questioni di spazio!
    "Via dalla pazza folla" è uno di quei libri che ogni tanto mi propongo di leggere, ma non lo faccio mai... prima o poi verrà anche il suo momento :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Maria Teresa, gli elenchi sono davvero rivelatori... un po' mi vergognavo nell'inserire certi romanzi, poi mi sono detta che anche quelli facevano parte di me.

      Philip K. Dick è entrato di prepotenza nel mio immaginario anni fa, ne ho segnati solo alcuni, ma ho letto praticamente tutto di lui (tranne la trilogia di Valis). Lui scrive un tipo di fantascienza che è nelle mie corde.

      "Via dalla pazza folla" è proprio da consigliare: è il romanzo più gioioso e meno cupo di T. Hardy, con una figura di donna imprenditrice e indipendente davvero straordinaria per l'epoca.

      Elimina
  7. Cristina, complimenti come sempre. Non credo che sarei mai riuscita a stilare una classifica con i 100 titoli più importanti della mia vita, come non credo che sarei in grado di redigere una lista dei 100 brani musicali più importanti e così via. Ad ogni modo, a prescindere dal loro posizionamento, sono più di 60 i titoli della tua "hit" che ho letto e che ritengo mi abbiano segnata. A questi aggiungerei una lunga serie di romanzi distopici: da I viaggi di Gulliver, di Swift; passando a Il sole nudo, di Asimov, o Farenheit 451, di Bradbury o La fattoria degli animali e 1984 di Orwell, fino a L'arancia meccanica di Burgess. Poi inserirei sicuramente i romanzi dell'orrore e i romanzi gotici della mia adolescenza, prediligendo autori come Poe, Bram Stoker e Howard Phillips Lovercraft, così come quei romanzi nei quali traspariva l'insofferenza per i luoghi comuni e per le regole sociali, quindi parlando di autori si va da Kafka, a Scnitzler (Il doppio sogno), ai testi teatrali di Ibsen, per arrivare alla letteratura sudamericana, non solo con Marquez, ma anche Manuel Scorza, Jorge Amado e via dicendo... mi fermo, che è meglio :D ciaoooo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Clementina, grazie del tuo commento! :-) In effetti la lista è talmente lunga che ingiustamente bisogna tener fuori alcuni autori, ma solo per poco, come in una gara in cui si vince o si perde per decimi di secondo. Il tuo commento mi ha riportato alla memoria autori come Schnitzler di cui ho letto parecchio, oppure Ibsen con i suoi testi teatrali. Attraversavo dei periodi in cui leggevo solo un autore, ad esempio, come se volessi arrivare in fondo.

      A parte Poe, invece, e il classico "Dracula", devo dire che la letteratura horror non è nelle mie corde. Conosco pochissimo anche i sudamericani, a parte Marquez che ho citato e Mario Vargas Llosa. Alla prossima, allora!

      Elimina
  8. Ciao, ne abbiamo in comune 19 e tanti ne ho notati fra quelli che mi sono ripromesso di leggere, quindi l'elenco dei comuni è destinato ad aumentare :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno, Andrea, e benvenuto nel blog! :-) Sì, come diceva Jules Renard: "Quando penso a tutti i libri che mi restano da leggere, ho la certezza d'essere ancora felice."

      Elimina
    2. Grazie per il benvenuto e, sì, sapere di poter trovare ancora qualcosa di migliore di quello che ho già letto è una bella sensazione :-)

      Elimina
    3. .. anche se ti dirò, Andrea, ultimamente trovo uno scadimento nella qualità, sempre secondo i miei gusti. Sarà che ho letto moltissimo e ho tanti termini di paragone. Però ci sono sempre i classici che ci vengono in aiuto.

      Elimina
    4. Eh, infatti proprio di quelli parlavo: ho appena iniziato Cuore di Tenebra e ho quasi l lacrime agli occhi dalla bellezza. Mi verrebbe da sottolineare ogni singola parola!

      Elimina
    5. E' stupendo... a me era molto piaciuto anche "Tifone"... ti sembra di essere proprio in mezzo alla furia degli elementi e sul Pacifico, incredibile!

      Elimina
    6. Invece ho aspettato tanto a leggere questo proprio perché Tifone non m'aveva colpito per nulla. Forse l'ho letto in un momento sbagliato, boh! Fatto sta che se oggi uno sconosciuto spiasse i volumi che mi porto appresso (Cuore di Tenebra, l'ultimo Dylan Dog e il catalogo IKEA) non so che cosa penserebbe di me :-D

      Elimina
    7. Si tratta di un bel terzetto, e il catalogo IKEA è comunque utilissimo! ;-)

      Elimina
    8. Sì ma non mi è andata bene: due articoli dovevo acquistare, il primo era esaurito, l'altro era rimasto solo di un colore brutto e l'ho lascito là. :-P

      Elimina

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Racconti di pioggia e di luna" di Ueda Akinari