Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


sabato 9 maggio 2015

Bernabò e Gian Galeazzo: una lotta viscontea all'ultimo sangue

La copertina del romanzo,
edito dalla casa editrice Meravigli
La Vipera e il Diavolo di Luigi Barnaba Frigoli è uno dei migliori romanzi storici che mi sia capitato di leggere da qualche anno a questa parte, e costituisce un'autentica chicca per chi ama il genere. Onore al merito dell'autore, dunque, per aver saputo scrivere una storia dove realtà e fantasia sono perfettamente calibrate, i personaggi risultano complementari, e anzi necessari l'uno all'altro, lo stile adottato è impeccabile e senza sbavature.

Innanzitutto, ecco la quarta di copertina: Milano, seconda metà del Trecento. Un solo trono, due pretendenti: Gian Galeazzo, ambizioso, scaltro e risoluto rampollo della famiglia Visconti, e Bernabò, suo zio, il terribile e spietato ammazzapreti, fustigatore del popolo. Pronti a tutto per conquistare il potere, indiscusso e totale. Una rivalità destinata a diventare scontro senza esclusione di colpi, tra congiure e intrighi, esecuzioni e duelli, incantesimi e tradimenti, invidia e sangue, amore e odio. Trame oscure scandite da antiche leggende e intessute nell'ombra da Tasso, aromatario in fuga dai fantasmi del suo passato, e da Libista, cuoca prestata alla stregoneria per saziare la sua sete di vendetta. La resa dei conti, tra Vipera e Diavolo, non tarderà ad arrivare. E sarà per la vita o per la morte. In palio, oltre allo scettro, la gloria imperitura. Oppure l'eterna dannazione.

Siamo in un periodo storico dove sul vasto territorio del Milanese regnano due esponenti della luciferina famiglia Visconti: Bernabò, signore della parte orientale di Milano e dei territori che si estendono fino ai confini della Repubblica di Venezia, e Gian Galeazzo, che governa la parte occidentale di Milano e gli altri territori occidentali, inclusa Pavia dove ama risiedere, ereditati dal padre. Esattamente come nella spartizione di territori e potere delle famiglie malavitose, così si presentano a noi i due Visconti. I due protagonisti dello scontro non potrebbero essere più diversi, come a voler paragonare un animale a sangue caldo (Bernabò) e uno a sangue freddo (Gian Galeazzo).


Monumento funebre di Bernabò Visconti, opera di Bonino da Campione
(1363) - Al Castello Sforzesco di Milano - Foto di Giovanni Dall'Orto
Entrambi intelligenti, ma diversissimi a partire dal carattere, come testimoniano anche le cronache dell'epoca. Tanto il primo è crudele, duro, irruento, mangiapreti, donnaiolo, intemperante e stracolmo di figli, legittimi o illegittimi, tanto il secondo è pio, o fintamente pio, amante della lettura, cerebrale, astuto, freddo e calcolatore, e con una discendenza così misera che, a più riprese, la sua linea rischierà di essere messa in second'ordine o persino andare ad estinguersi. Bernabò ha infatti avuto numerosi figli sia dalla moglie legittima, la superba Beatrice Regina della Scala, sua prima alleata nell'espansione territoriale verso est, sia dalle numerose relazioni adulterine, e ha assicurato a tutti posizioni di prestigio, distribuendo territori e nominando spesso i maschi capitani di ventura, o stipulando per le figlie matrimoni di prestigio accompagnati da cospicue doti.

È un osso duro da tutti i punti di vista, e non a caso è stato soprannominato "il diavolo", sia dall'autore nel romanzo sia in alcuni episodi dell'epoca che lo vedono protagonista. L'autore difatti inserisce nella narrazione inserti desunti da novelle e leggende del Trecento e Cinquecento sulla figura di questo signore milanese, e che gli offrono l'escamotage per raccordare la narrazione.Celebri nei resoconti, ad esempio, sono i cinquemila cani che Bernabò teneva come gran cacciatore, e che però, non potendo mantenere di persona, distribuiva tra i suoi sudditi che dovevano crescerli ben pasciuti ma non troppo, pena punizioni severissime. Nel palazzo milanese di Bernabò ce n'erano talmente tanti che la sua abitazione era stata soprannominata la Ca' di Can. Un'altra celebre testimonianza è l'incontro di Bernabò accanto al fiume Lambro con i due delegati papali, incaricati di portargli la bolla di scomunica, e che, davanti alla scelta tra finire nel fiume Lambro, probabilmente annegati, o mangiare il foglio ("la foglia" del noto detto), preferirono inghiottire i cartigli, con sigilli, cordicelle e tutto.

Gian Galeazzo Visconti,
ritratto attribuito ad Ambrogio De Predis
Dopo un periodo di lutto dovuto alla morte della prima moglie francese, che lo ha sprofondato in un'inazione molto pericolosa e lo ha portato a rinchiudersi nel suo castello di Pavia per dedicarsi a letture e caccia con il falco, Gian Galeazzo decide infine di passare all'azione. Tuttavia, il Conte di Virtù sa che scontrarsi direttamente con il potente zio ne farebbe un perdente in partenza. Comincia dunque a scavare per gradi il terreno sotto i piedi di Bernabò, Sarà un lavoro lungo e paziente, il suo, che richiederà molti anni, i consigli di una cerchia di fidati funzionari, e la tessitura di una serie di alleanze per ricevere un avvallo europeo al suo operato ed evitare problemi di successione quando sarà il momento di agire. E, come insegna la legge dell'evoluzione naturale, colui che è destinato a sopravvivere non è il più forte in termini di forza fisica, ma colui che meglio si adatta all'ambiente.

Ad attorniare i due protagonisti, tratteggiati in maniera straordinaria per psicologia, coloro che li spalleggiano e che riattizzano la corsa al potere, e all'estromissione e abbattimento del nemico, o vogliono vendicarsi per i torti subiti. Leggiamo così della moglie di Bernabò, Beatrice Regina della Scala, amata dal marito al punto da imporre ai suoi sudditi un anno di lutto stretto, e quindi il vestire di nero, dopo la sua morte, e della madre di Gian Galeazzo, l'ambiziosa Bianca di Savoia.

Ma c'è anche l'agire esplicito o, più spesso, nascosto dei personaggi cosiddetti minori, capitani di ventura, cavalieri, mugnai, streghe, alchimisti, aromatari, frati e inquisitori, vescovi, mercanti e truffatori, ladri e prostitute, astrologi, che ci restituiscono un quadro vivacissimo e crudo dell'epoca. Era un'epoca dove la vita contava poco o nulla, e si era sottoposti alle angherie e alla crudeltà del potente di turno. Tuttavia essa ha contribuito a rendere straordinaria Milano e il territorio milanese con castelli, fortificazioni, cinte murarie, e opere ingegneristiche come l'innovativo ponte di Trezzo sull'Adda.
Share:

11 commenti:

  1. Mi hai stregato con questo post. Quello che descrivi è un periodo che conosco molto poco, cosa che adesso mi sembra un peccato capitale. Leggerò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Antonella. Ci ho lavorato parecchio perché il romanzo merita. Era da moltissimo tempo che non mi entusiasmavo così per un romanzo storico!

      Elimina
  2. Fai veramente venir voglia di leggere tutti i romanzi che recensisci! Ci vorrebbe la libreria infinita.
    Bravissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento, Isabel! Come puoi immaginare, sono una specie di macchina da lettura, ma recensisco solo quelli che mi convincono fino in fondo. Questo romanzo è davvero appassionante, e sta prendendo piede con il passaparola. A parte l'indubbia bravura dell'autore, la sua fortuna è che è anche molto legato al territorio lombardo.

      Elimina
  3. Mi ha fatto piacere sapere qualcosa di più di questo libro, visto che me ne avevi parlato. Chissà se una allergica alla storia come me riuscirebbe a immergersi nella storia... tu cosa ne pensi? (Domandina da niente! Sei autorizzata a non rispondermi. ;) )

    RispondiElimina
  4. Eh, ma è giusto come hai scritto: c'è la Storia e la storia, e spesso si confondono!

    Questo romanzo è stato giudicato da un collega, altro scrittore di romanzi storici, come una chicca per intenditori, soprattutto a causa degli inserti della novellistica sul personaggio di Bernabò. Non so. Il dato di fatto è che la casa editrice è alla quarta ristampa grazie al passaparola dei lettori, e vorrà pur dire qualcosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e la lista si allunga... :)

      Elimina
    2. ;-) A proposito, dove tieni i libri da leggere, se posso chiedere? Anche tu hai un armadietto come il mio, che vive di vita propria?

      Elimina
    3. Ho tre scaffalature, dove i libri ancora da leggere di solito stanno in orizzontale sopra gli altri ad altezza cuore, in evidenza. Ogni tanto finisce che riordino e li inserisco tra gli altri, dicendomi "tanto me li ricordo". A quel punto sono perduti al mondo, fino a quando gli astri non me li fanno ripescare. Quindi il tuo armadietto è un'ottima idea, come anche uno scaffale dedicato.

      Elimina
    4. Ci sono frasi foriere di pericoli. "Tanto me li ricordo" è una. Un'altra è quando ti dicono sul lavoro: "noi siamo una grande famiglia", e la fregatura arriva... stile Visconti!

      Elimina

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Racconti di pioggia e di luna" di Ueda Akinari