Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


venerdì 24 ottobre 2014

XXVII - Undici risposte sulla scrittura – Liebster Award 2014... seguito

Avevo una luna grande come
il Duomo di Milano...
Nel controllare le regole per il conferimento del Liebster Award 2014, mi sono accorta che avrei dovuto raccontare anche qualcosa di me. Anche se pervasa dall'imbarazzo, provvedo con una specie di seguito... consapevole che, in generale, è bello svelare qualcosa di privato, e non parlare sempre per teoremi.

Siccome non amo inserire fotografie della mia persona, ne inserirò una di me medesima all'età di un anno circa, in una serie di scatti. Ero stata portata dal fotografo per eseguire delle foto di rito. Negli anni '60, si usava acconciare i capelli delle bambine con un ciuffetto in cima alla testa, ornato da un fiocco e io non facevo eccezione alla regola. Da questo dettaglio si intuisce al volo la mia ormai veneranda età.

Per quanto riguarda le domande, mi servo invece del mini-questionario di Proust, adattandolo un po' alle mie esigenze. Ecco qua:

1. Il tratto principale del tuo carattere? 
La sgobbosità. Lavoro sempre e, non contenta, mi creo altre occasioni di lavoro come la calamita che attira il ferro. Anche l'indipendenza, però, intesa a tutto campo: in nome dell'indipendenza ho compiuto scelte ben precise, che non ho mai rimpianto.

2. La qualità che preferisci in un uomo?
La luna cresce...
La generosità. Non potrei mai vivere con un uomo tirchio, perché ho spesso constatato che avere il braccino corto equivale a tirchieria affettiva. Mio marito, infatti, è generosissimo.

3. E in una donna? 
La sincerità. Detesto le persone che mi parlano alle spalle, specie le donne. Sparlare è un'occasione di amicizia mancata, e di solidarietà.

4. Il tuo principale difetto?
Il perfezionismo. In me convivono due nature, una di stampo austro-ungarico – che mi ha valso il soprannome di Sergente McMuffin 2.0 in famiglia – e un’altra più creativa e anarcoide. Con il tempo hanno imparato a vivere nello stesso condominio, ma non è stato facile.

5. L'ultima volta che hai pianto? 
Nel 2008, per motivi che qui non posso rivelare... mi dispiace per il questionario.

6. Il giorno più felice della tua vita?
Tutte le volte che scrivo per me stessa, quindi piuttosto spesso per fortuna. Sono molto felice anche quando viaggio, però. In generale, sto molto meglio ora di quando avevo vent’anni.

7. E il più infelice?
I giorni dell’(allora) scuola media, dove mi sentivo Calimero pulcino nero in mezzo a moltissime pulcine fascinose. Se dovessi proprio menzionarne uno in particolare, il giorno della morte di mio padre vent'anni fa. Avevamo appena iniziato a conoscerci meglio, e fu un duro colpo.

8. Se dovessi cambiare qualcosa nel fisico? 
Ritornerei al peso ideale che avevo quando avevo trent’anni, pre diagnosi ipotiroidismo.
Un sorriso finale... è stato nominato
il mio personaggio preferito.

9. Quando hai iniziato a scrivere? 
All'età di otto o nove anni. Era un racconto western, perché all'epoca vedevo un sacco di film di cowboy con mio padre. Aveva come protagonista un cowboy soprannominato Nerocorvo che, ovviamente, faceva una brutta fine.

10. Un racconto in circa 140 caratteri? 
La bambina inciampò e cadde attraverso il vetro della porta-finestra. Si trovò seduta in un’aureola di vetri acuminati come pugnali. Senza un graffio. 
(episodio realmente accaduto all’età di un anno, quindi all'epoca delle fotografie del post).

11. Il tuo motto? 
'Niente è come appare' ('Nihil est sicut apparet') che è divenuto il motto di uno dei personaggi del mio romanzo “La Colomba e i Leoni” (Geoffroy de Saint-Omer).

Share:

10 commenti:

  1. Il ciuffetto in testa lo avevo anch'io! E' un piacere conoscerti meglio (disse lei, che alla nomination si stava bellamente sottraendo...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero che imperversavano i ciuffetti in testa, e per i maschietti i capelli con la classica "banana"!
      Per quanto riguarda il vestiario, gli abiti a nido d'ape e le scarpe con gli occhietti. Sai, Grazia, di solito racconto poco di me perché ho sempre l'impressione che non interessi a nessuno... invece è vero il contrario. :-) Quindi aspetto le tue rivelazioni, da vera nominata.

      Elimina
  2. Ma che belle foto!
    Commento OT
    Ma i nati in quest'era digitale, arrivati a una certa età avranno le foto di quand'erano bimbi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fotografo era stato particolarmente bravo, alla fine era riuscito a farmi sorridere.

      Penso che i nati in quest'era digitale avranno le loro foto, forse il problema è che saranno fin troppe. Ho constatato che la facilità dello scatto con la macchina digitale spesso produce scatti meno mediati, a volte tutti uguali.

      Elimina
  3. Ciao. Eri una bella bambina.Gli occhioni dolci sono rimasti e si specchiano in q.no che conosciamo. Hai tre scatti: il primo attento e rilassato, oserei dire composto, il secondo parrebbe "ma che mi stanno raccontando..", ti vedo perplessa per sfociare nel terzo scatto "ah si, questa è bella! Divertente!" Infatti c'è un sorriso. Cristina sei grande come sempre. Un grosso bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' bello rivedersi nelle vecchie foto, e come si è cambiati pur rimanendo se stessi.Poi il bianco e nero ha un fascino impagabile... Grazie per il tuo commento!

      Elimina
  4. Ma che bella bambina! Dolcissima! E lo sguardo è sempre lo stesso...E' vero: il bianco e nero ammalia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stella, grazie per essere passata.
      Che tipo di bambina eri, tu? Scommetto che eri un po' timida, ma curiosa... :-) Ad ogni modo bellissima come sei ora.

      Elimina
  5. Che bambina carina! Avevi un bel piglio intelligente e l'aria riflessiva. Non ti ho mai vista di persona, ma scommetto che nulla è cambiato nell'espressione :)
    Grazie per aver condiviso i punti personali, così conosciamo qualcosa in più di te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, all'epoca si usava rimpinzare i bambini affinché fossero belli tondi... dopo la guerra, i nostri genitori si premuravano affinché avessimo tutto il necessario, e anche di più.
      Grazie a te di essere passata a commentare! :-)

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Il tempio della luce" di Daniela Piazza