Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


martedì 4 febbraio 2014

Chi è la donna lumaca? La storia di una donna, tra tante

La scrittrice Marguerite Yourcenar nel suo discorso di elezione all’Académie Française del 22 gennaio 1981 – prima donna ad esservi ammessa – ricordava come, in quel momento, il suo io incerto e fluttuante della cui consistenza dubitava lei per prima, fosse circondato, accompagnato “da un esercito invisibile di donne che avrebbero dovuto, forse, ricevere al mio posto questa onorificenza, al punto che sono tentata di cancellare me stessa per lasciar passare avanti le loro ombre.” Le parole generose e commosse di questa grande scrittrice nel rendere onore ai miliardi di donne che, nei secoli, sono trasmigrate su questa terra vivendo nell'ombra delle loro famiglie d’origine e di quella acquisita, sotto il peso della fatica e spesso dell'umiliazione, mi sono tornate alla memoria nell'accingermi a recensire il bel romanzo intimo di Rosaria Iodice, La donna lumaca.

La copertina del romanzo,
edito da Lupo editore
Innanzitutto, il titolo: perché la lumaca? Che cosa ci fa venire in mente questo curioso animale? La lumaca non è solo l’emblema della lentezza e, a suo modo, della perseveranza, ma anche della ricerca di protezione in un guscio, un’abitazione, una corazza. Si sposta reggendo sulle spalle la casa in cui si annida, ritraendosi al minimo tocco, alla più piccola minaccia. Il guscio costituisce però anche una maschera con cui ci si presenta al mondo e si nasconde la vera identità, composta da aspirazioni, desideri inconfessabili, impulsi che vanno magari controcorrente rispetto alla morale del tempo. “La casa non è molto accogliente, ma è sempre meglio che dormire all'addiaccio,” è la prima frase che pronuncia la protagonista, e ha a che fare, guarda caso, con il luogo che la sta ospitando. Si tratta di Angela, una clochard ricoverata in un ospizio, e che ha fornito un nome falso per non essere rintracciata: ancora una volta, è sottolineata la voluta cancellazione del nome, di conseguenza del volto, in una sorta di suicidio sociale.

Attraverso il racconto della sua esistenza e, insieme, di un periodo storico che parte dal 1937, sfocia nella Guerra Mondiale e arriva fino ai giorni nostri, impareremo a conoscere questa donna, insieme comune e particolare, racchiusa in un guscio così forte che ha finito con l'imprigionarla in una vita di supino asservimento al gradimento e alle aspettative altrui, esattamente come le donne menzionate da Yourcenar. Dapprima, il tentativo di compiacere la famiglia, e un fidanzato che si rivelerà un farabutto della peggior specie. Poi, il fuoco di fiamma dell’appartenenza ad un collettivo di femministe, che non riuscirà però a intaccare del tutto il guscio e a frantumarlo davvero per liberarla. Quindi, l’incontro con l’amore più forte e grande della sua vita, ma – ahimè – contrario ai dettami della morale e della religione, cui Angela ancora una 
Donna seduta con bambino (Maternità)
di Amedeo Modigliani (1919)
volta rinuncia. Sopra e attorno ai personaggi del libro, molti delle quali sono vittime (compresi gli uomini), campeggia un dio Moloch che racchiude i suoi devoti in una gabbia rigidissima: la società dell’epoca, quella dei giorni nostri, che va spesso a braccetto con una religione intesa come dogma e costrizione; e le conseguenti, fortissime gabbie mentali che noi per primi, specie in occidente, costruiamo.

Il peggior censore della protagonista è, infatti, la protagonista stessa, che spesso anticipa le aspettative del prossimo e vi si conforma per il quieto vivere. Tutti noi lo abbiamo sperimentato, quando la nostra debolezza o la nostra pigrizia ci hanno fatto preferire un “sì”, il compimento del nostro “dovere” o un silenzio acquiescente ad una ribellione motivata. Non stupiamoci troppo del tipo di esistenza condotta da Angela, perché è molto simile a quella di tante nostre nonne, zie e mamme, del tutto uguale a quella di altre donne poverissime dei giorni nostri, picchiate e umiliate in altri angoli della terra. Ma il dio sociale e religioso è insaziabile: pretende sempre nuove vittime e nuovi sacrifici, e Angela lo imparerà a sue spese nel corso di un’intera esistenza, fino a mettere a repentaglio il bene più prezioso che ha. Sarà troppo tardi, per lei, per uscire dal suo guscio e cominciare a vivere veramente per se stessa, e dar retta alla sua voce interiore? 

Rosaria Iodice usa la prima persona per una migliore identificazione del lettore con la protagonista, in modo che il suo senso di alienazione diventi anche il nostro; ma non solo, in modo da farci sentire Angela come una sorella. Il suo stile narrativo è pulito e scorrevole, il romanzo si legge d’un fiato come bere un bicchier d’acqua rigenerante nonostante l'indubbia tristezza della storia. Non fatevi ingannare però dall'apparente semplicità della sua prosa. Molto spesso la semplicità nasconde profondità, e questo direi che è il caso dell’autrice de La donna lumaca.

---

Rosaria Iodice, 47 anni, napoletana, vive a Bari dal 2000. Il romanzo è stato presentato in Villa Ghirlanda a Cinisello Balsamo a cura della Libreria Gulliver, nello scorso mese di novembre 2013, in occasione del convegno "Donna, moglie, madre, e poi? Non rinunciamo all'amore." 

Il link della casa editrice al romanzo è il seguente:
http://www.lupoeditore.it/lupo/catalogo/pgxso-product-details/prx-183.html
Share:

4 commenti:

  1. Bellissima recensione che, come tutte le tue recensioni, illustra chiaramente la trama e mette in evidenza i temi e gli spunti di riflessione offerti da questo libro, che appare di grande interesse e spessore. Il tema delle gabbie sociali e mentali in cui rinchiudiamo la nostra esistenza è largamente coinvolgente e persistente. Purtroppo.

    RispondiElimina
  2. Grazie, Stella, per il tuo commento. Hai ragione, spesso siamo noi stesse a ritrarci, proprio come la protagonista del libro. Pensare di rinunciare alle proprie aspirazioni è il primo, grande errore. C'è ancora molto da fare, su diversi fronti, e romanzi come questo aiutano.

    RispondiElimina
  3. Ancora una volta una recensione illuminante per un libro molto promettente. Lo leggerò senz'altro. Grazie Cristina (tu che della lumaca non hai proprio nulla!)

    RispondiElimina
  4. Il tema del disagio al femminile è quanto mai attuale e ha varie sfaccettature. Non è solo, appunto, il tristemente noto femminicidio che è la conseguenza estrema, ma implica tutta una serie di atteggiamenti che spesso scaturiscono per primi dalle donne.

    Nadia, ahah, dicendo che non sono una lumaca ti riferisci alla mia velocità o all'essere fuori dal guscio?

    RispondiElimina

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Racconti di pioggia e di luna" di Ueda Akinari