Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


sabato 30 novembre 2013

I Crudeli - Gli Oscuri Gemelli si ritrovano 11.

Il principe Aldebaran e la sua sposa percorsero il ponte levatoio del Castello-Fortezza a notte fonda, accompagnati da un frastuono di zoccoli ed un rotolare di cerchioni, e inseguiti dalle prime gocce di pioggia che, alle loro spalle, punteggiavano le acque ormai livide e minacciose del fiume, ed entrarono nel castello. Mentre il ponte si rialzava con un gran scorrere di catene, e possenti grate di ferro si abbassavano con altrettanto tremendo fragore, la principessa girò lo sguardo tutt'attorno: lo posò sulle mura alte e massicce, bucate da finestrelle grigliate, dietro cui s’intravvedevano bianchi volti come balenii nella notte, e sugli spalti merlati, formicolanti di guardie armate. Un’alta figura oscurò, per un attimo, la luce d’una torcia che le fiammeggiava accanto. Era quella dello sposo. “Vieni, mia signora,” le disse Aldebaran, tendendole la mano guantata, “il re è stato avvisato del nostro arrivo e ci attende con impazienza.” Insieme varcarono una porta, e salirono un ampio giro di scale larghe e bassissime, lordate qua e là da sterco di cavallo e a malapena illuminate da torce infilate ad anelli alle pareti, fino ad arrivare ad una porta di legno massiccio crivellata da pesanti borchie.

Il principe aperse la porta, e un latrato assordante risuonò nella stanza: cinque enormi molossi, col collo chiuso da un collare irto di punte di ferro, e i denti acuminati protesi ad azzannarli, si lanciarono contro gli sposi abbaiando ferocemente... per fermare la loro corsa davanti ad Aldebaran, scodinzolando e uggiolando di gioia e abbassandosi sul pavimento. Lyra, che aveva sobbalzato di spavento all'inattesa accoglienza, si aggrappò allo sposo quando quelle fiere le si accostarono, annusandole le vesti e mostrando i denti. “A cuccia,” intimò il principe e gli animali, con gran sollievo della fanciulla, si allontanarono brontolando in un angolo della stanza.

In quel mentre, il pavimento di pietra risuonò d’un passo pesante. Un giovane tarchiato, e assai trasandato d’aspetto, comparve sulla soglia d’una seconda porta, e là s’arrestò.
Alboino re dei Longobardi
"Aldebaran, fratello mio!" esclamò, enfatico, allargando le braccia. Avanzò verso il principe e gli diede un forte abbraccio, abbraccio che fu ricambiato con la consueta calma. “E questa è Lyra degli Innocenti,” constatò Fomalhaut, ponendosi le mani sui fianchi e volgendosi, a gambe divaricate, verso la fanciulla. “Sei davvero bella come dicono,” commentò, sorridendo ritorto, dopo averla squadrata da cima a fondo . “Benvenuta nella tua nuova famiglia,” aggiunse, e la giovane si inchinò reverentemente, come si fa davanti ad un sovrano. Fece per aprir bocca e dire qualcosa, quando: “Ed ora, tutti a tavola! La cena è pronta,” intimò egli, con un tono che mostrava quanto fosse poco avvezzo a ricevere ospiti. Senza dar loro il tempo di cambiarsi e sistemarsi, li precedette verso la sala da pranzo.

***

“Anche i denti di Fomalhaut sono aguzzi come quelli dei suoi molossi,” pensò Lyra, osservando il re mentre mangiava. “Ed il naso è umido e sensibile come quello d’un cane,” aggiunse, sempre mentalmente, sentendo montare dentro di sè un crescente ribrezzo. Accanto a quei denti aguzzi, che strappavano la carne dall'osso, e la masticavano con forza, per poi lacerarne nuovi brandelli fino a spolparlo del tutto, erano le dita tozze, dalle unghie nere, che giravano e rigiravano il cosciotto d’agnello. Al mignolo della mano sinistra, Fomalhaut portava un anello d’oro con il simbolo del regno inciso, di squisita fattura, ma sia il prezioso metallo sia la bellezza della lavorazione erano velati dall'olio che vi colava sopra. Pure il mento del re dei Crudeli era ornato d’una barba rada, assai più chiara di quella di Aldebaran, ch'era quasi corvino, e malcurata, e l’olio
I Tetrarchi - Venezia, p.za S. Marco
foto di Giovanni dall'Orto, 2007
license Creative Commons
dell’intingolo s’aggiungeva alla sporcizia in cui egli la teneva. Nei Quattro Regni dicevano, infatti, che Fomalhaut assomigliasse al padre, e Aldebaran alla madre. Di quando in quando, egli lanciava ai suoi molossi, acciambellati accanto alla fiamma del camino, gli ossi semispolpati, ed i cani rizzavano, pronti, la testa, li prendevano al volo, per poi contenderseli ringhiando.

Davanti a lei era seduta la regina Denebola – sposa del re, e perciò sua cognata – la quale mangiava chiusa in un silenzio indifferente. La donna aveva accolto gli sposi senza pronunciare alcuna parola di benvenuto, e s’era lasciata baciare da Lyra senza opporsi, ma senza nemmeno mostrare gioia o curiosità. Aveva capelli del colore e della consistenza della stoppa, un incarnato pallido, a tratti smorto, e l’occhio spento. Nelle mani che sbucavano dalle ampie maniche del vestito, e toglievano pezzi di carne dall'osso, pigramente, pareva non circolasse alcun sangue. L’unico segno della sua regalità era una semplice coroncina d’oro che le cingeva la fronte, da cui pendeva un gioiello a forma di fiore, e quell'ornamento prezioso era come un diadema posto sulla testa d’un uccello spelacchiato.

“Denebola è gravida,” annunciò Fomalhaut in tono trionfale, pulendosi la bocca col dorso della mano. La regina non sollevò, nemmeno allora, lo sguardo dal suo cosciotto, ma a Lyra sembrò di notare un lieve rossore spandersi sulle guance pallide. “Vi faccio i miei auguri,” disse Aldebaran con pacatezza, levando il boccale. Fomalhaut si sdraiò sullo scranno quant'era lungo, levò a sua volta il boccale colmo di vino all'indirizzo della cognata e, con la bocca piena, disse: “Propongo un brindisi al prossimo concepimento, cioè al tuo, Lyra.” Invece d’esser lieta dell’auspicio, la giovane sposa si sentì urtata dal tono di eccessiva familiarità con cui era stato pronunciato. “Sarà un maschio, lo sento,” chiosò il re, e strizzò l’occhio in direzione del suo gemello.
Share:

0 commenti:

Posta un commento

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Racconti di pioggia e di luna" di Ueda Akinari