Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


mercoledì 9 ottobre 2013

Il male sottotraccia nella Milano degli anni '60

Niente panico non è solamente il titolo del bel romanzo giallo di Clementina Daniela Sanguanini, ma anche il motto delle sorelle gemelle monozigoti Laura e Stella, protagoniste della storia: una sorta di pillola programmatica su come affrontare le vicissitudini della vita, per loro ancora colma di promesse nonostante siano state già duramente colpite negli affetti. La storia è ambientata nella Milano degli anni '60, gli anni della gioventù per molti di noi, e che spesso si colorano di una tinta retrò colma di nostalgia. Nelle vicende narrate ritroviamo non solo i primi fermenti politici e sindacali, le conquiste civili di una società in piena trasformazione, ma anche il ritratto di una città che tira la volata del boom economico post-bellico dove fabbriche e uffici lavorano a pieno regime. Compaiono già i riti prossimi venturi della "Milano da bere": aperitivi e pranzi in bar e locali alla moda, sedute dall'analista, passatempi di lusso e vela sui laghi, professionisti corrotti e prostitute d'alto bordo, musica e balli di nuovo ritmo e concezione, denaro da spendere senza pensieri.

The Menaced Assassin di René Magritte (1927)
The Museum of Modern Art - New York
http://www.moma.org/
In questo mondo scintillante e ottimista, però, si avverte la percezione di una corrosione sottile e diffusa, come fosse una lebbra sotto l'epidermide, che affiora di quando in quando tramite un gesto, un'occhiata, una frase, uno stile di vita: la cosiddetta nota stonata. Il mondo sta perdendo l'impulso ideale, sta già diventando pienamente mercantile, in una società dove tutto si vende e si compra più che mai; tutto sta già scivolando verso il vuoto e l'omologazione. Da questo male, diffuso e simile alla ruggine, scaturisce la soppressione della vittima: come sempre, in questi casi, l'anello debole della catena sociale, quello ingannato a causa della sua ingenuità, sfruttato, venduto e comprato.

Tuttavia, il romanzo non è solo una storia di impronta gialla o poliziesca di tutto rispetto, ma soprattutto un romanzo di relazioni, fittamente intessute e attentamente orchestrate. Una sorta di ragnatela dove i personaggi sono posti ai nodi dell'intreccio, in modo che tutti siano collegati tra loro e, quando uno di loro muove un filo, lo si senta ad un altro capo. E, per quella rete di relazioni, a delitto avvenuto, la ragnatela scuote i suoi fili, la vibrazione si comunica ad altri nodi e mette in allarme altri protagonisti. La storia può dunque partire e condurci per mano lungo una serie di capitoli brevi o brevissimi, introdotti da stralci di testi musicali che ne rispecchiano il contenuto. A livello narrativo, da segnalare l'ottimo equilibrio tra la parte descrittiva, sciolta, pulita, mai pesante, e i dialoghi che fanno da contrappunto, pronunciati da personaggi veri più del vero. Niente Panico è un romanzo che si legge d'un fiato, godibilissimo sotto molti punti di vista!

--

Per questa recensione, poi, ho potuto coinvolgere anche l'autrice, proponendole di rispondere ad alcune domande sotto forma di intervista scritta. Ecco a voi quanto Clementina mi ha raccontato di sé e del suo romanzo.

Come hai avuto l'idea della storia, e quanto tempo fa? L’idea di scrivere un romanzo è nata l’aprile scorso, nel momento in cui mi sono ritrovata ad non avere più un posto di lavoro fisso e stavo reinventandomi come free lance. Era un momento di grande trambusto soprattutto interiore, e in quella circostanza mi sono chiesta perché, visto che una delle mie competenze era ed è quella di stendere lunghi report di analisi dei risultati di indagini demoscopiche, non decidessi di scrivere per semplice piacere. 
Tra i tanti temi che mi “frullavano” per la testa c’era prima di tutto quello della costruzione dell’identità. Del resto, la mia stessa identità veniva messa in discussione! Dovevo, però, trovare un modo di affrontare l’argomento, assai complesso, in modo insolito e abbordabile, ma anche il meno possibile banale e pesante… insomma, una bella scommessa!

Che cosa ti attira degli anni '60?
Fin dal principio, pensai di ambientare la storia negli anni della mia infanzia a Milano, la città dove sono nata e in cui ho vissuto per quarant'anni. Poi l’insight arrivò dalla lettura di un articolo su un settimanale di divulgazione scientifica che parlava del processo di riconoscimento attuato attraverso il DNA. Per correttezza verso chi non ha letto il romanzo, non posso svelare di più, tuttavia mi sento di dire che lo snodo della narrazione prende il via proprio da questo particolare. Quindi le parole chiave per la stesura di questo manoscritto erano: identità, crisi, rischio, opportunità, Milano, anni Sessanta.

Cominciai a documentarmi in modo approfondito su ogni tipo di avvenimento legato a quegli anni di grandissimo fermento: le lotte del movimento operaio, quelle del femminismo, la nascita del terrorismo, lo sbarco sulla Luna, nuovi valori, stili di vita e musica da Oltreoceano e da Oltralpe. Il mio obiettivo era trasferire al lettore anche il “sapore”, l’atmosfera di quegli anni, così rispolverai dalla memoria tutti i ricordi legati alla mia città, ma anche alla musica che ascoltavo in casa e con la quale sono cresciuta. Tutto ciò che racconto nel libro, al di là della storia poliziesca, è frutto in qualche modo anche di questi ricordi. La detective story è, invece, un espediente narrativo che ho utilizzato per accendere in me e in un potenziale pubblico mille riflessioni sulla costruzione dell’identità dell’individuo, per parlare delle maschere umane e via dicendo.
 Qual è il tuo rapporto con la Milano di allora e di oggi? 
Considero Milano la “mia” città, la amo tantissimo! È il luogo dove sono nata e dove ho vissuto fino a pochi anni fa. Da sempre, proprio per la sua capacità di magnetizzare ondate di immigrati, così come per la presenza dei suoi navigli, l’ho sempre vissuta come un grande porto da cui partire per esplorare nuovi mondi e dove poi ritornare. Un tempo, Milano era veramente capace di restituire la sensazione di respirare una cultura in fermento, con innumerevoli eventi costruiti ad hoc, nuovi edifici che trasformavano lo skyline metropolitano, mille occasioni d’incontro e confronto sui temi più disparati, artistici, letterari, … ma sempre contrassegnati da un’elevata qualità dell’offerta. Oggi, ormai da diversi anni, si è un po’spenta e anche il carattere dei milanesi ha assunto toni freddi, distanziati e distanzianti. Dal mio punto di vista, oggi Milano soffre molto. Usando una metafora, mi verrebbe da dire che si è passati da un registro accuditivo e di stampo materno, quasi oblativo, ad uno più normativo, rigido e di stampo paterno che, però ha sbilanciato ogni tipo di equilibrio. Tuttavia, confido in una sua ripresa!
La città che sale di Umberto Boccioni (1910), olio su tela
Museum of Modern Art, New York
http://www.moma.org/
 Che cosa è cambiato nella società in meglio e in peggio? 
A costo di apparire patetica e forse antipatica, un rischio terribile, direi che si sono affievoliti gli impeti più solidaristici e si è smorzato molto anche lo slancio pionieristico che contraddistingueva questa città. Ecco, bisogna dire che, da un certo punto di vista si sono visti dei sensibili miglioramenti: mi riferisco al superamento di quel clima di terrorismo che era arrivato al culmine negli anni Settanta disseminando il panico attraverso stragi e attività sovversive. Tuttavia la voglia di sperimentazione - nell’arte, nell’urbanistica, nell’architettura, nella cultura in generale - è, via, via, entrata in una fase di letargo. A Milano, più che altrove in Italia, c'è stata un’adesione ad un orientamento di pensiero che predilige l’individualismo sopra ogni cosa e ha prodotto un cinismo diffuso, così come l’incapacità di auto analizzarsi per poter crescere e progredire. In questo senso credo che la maggior parte della responsabilità ricada sui soggetti della mia generazione, quelli che oggi orbitano intorno ai quaranta e cinquant’anni.
Ciononostante, a Milano, soprattutto grazie alle nuove generazioni e alle donne, queste ultime in modo trasversale, si colgono dei segnali che vanno nella direzione opposta e si avverte un forte desiderio di rimettersi in gioco e, perché no, anche in discussione. Va detto che la società di allora era in procinto di entrare in una nuova epoca, l’eccitazione era palpabile a tutti i livelli e, nonostante i risvolti dolorosi, le speranze erano vive; oggi siamo di nuovo in crisi, ma nessuno è in grado di comprendere appieno quali pieghe prenderanno gli eventi e verso quale direzione andrà la nostra società. Tutto è molto più complesso soprattutto a causa della globalizzazione, così che le aspettative e i desiderati sembrano più nebulosi, ma anche più ovattati.
Come sono nati i personaggi, soprattutto le due gemelle?
Devo confessare che il mio sogno da bambina era diventare giornalista, anzi, per dirla tutta, sognavo di essere una cronista che girava a cavalcioni di una grande moto, rigorosamente senza casco e con le mie treccine oscillanti al vento! Fa ridere anche solo raccontarlo! Comunque, una delle gemelle, Stella, è nata da quest’idea. Mi serviva, però trovare un personaggio che risultasse complementare a Stella, quindi ho pensato di inventare una gemella che mi avrebbe permesso di sottolineare differenze e similitudini. L’obiettivo era, almeno in parte, di dare respiro al concetto di dualismo, oltre che di evidenziare le potenzialità del libero arbitrio.
A tutto questo aggiungo che la creazione di queste due protagoniste ha anche a che vedere con le mie riflessioni sul rapporto, non sempre lineare e nemmeno sempre eccellente, tra fratelli, ma sottolineo che non si tratta affatto di un romanzo autobiografico. Rispetto alla loro origine ebreo tedesca, per esempio, mi sono ispirata ad un’anziana coppia senza figli, miei vicini di casa di quei tempi ,che mi sono sempre rimasti nel cuore. Per il personaggio di Rebekka, la zia delle gemelle, invece, mi sono ispirata ad una carissima amica ed ex collega. Diciamo che ciascun personaggio del mio romanzo nasce dalla suggestione indotta da alcuni tratti personologici di soggetti con i quali sono in qualche modo entrata in contatto nell’arco della mia vita. 
Con questo romanzo sei anche arrivata in finale ad un concorso... raccontaci qualcosa di questa esperienza. 
Consigliata da un caro amico, avevo deciso di iscrivere Niente Panico ad un concorso dedicato ai “gialli”, per la precisione il concorso “Gran Giallo di Castel Brando”. Per una serie di circostanze, mi dimenticai completamente dell'avvenuta iscrizione, finché un giorno, con enorme sorpresa, mi ritrovai una email con la quale mi si avvisava che rientravo tra i finalisti e mi si invitava a partecipare alla serata di premiazione in un magnifico castello in Valdobbiadene. Proprio durante l’evento appresi, non solo di essere l’unica autrice donna ad essere insignita di un premio, con il quarto posto in classifica, ma addirittura che i vincitori che mi avevano preceduta fossero autori alla loro seconda, terza, quarta, esperienza, tutti rigorosamente con una casa editrice alle spalle! Beh, a me quel quarto posto è piaciuto un sacco!
----
La presente recensione costituisce l'anteprima di una pubblicazione in uscita.
Share:

5 commenti:

  1. Carissima Cristina, non puoi capire quanto ti sia grata per questa tua splendida recensione, mi sento onoratissima! Ti ringrazio dal profondo del cuore perché, dalle tue parole, così come dalla selezione delle due immagini che hai affiancato al testo (scelta che mi lusinga da impazzire!), L’Assassino Minacciato di René Magritte e La Città che Sale di Umberto Boccioni, hai colto in pieno la connotazione del romanzo, oltre che le tonalità e densità delle sensazioni che desideravo trasmettere.
    Il senso dell’umanità, così come dell’inarrestabile avanzata del progresso, attraversano tutta la narrazione, rivelando quanto i protagonisti, inclusi quelli più negativi, siano persone, anche se in modi e forme diverse, vittime di loro stesse e di questo mondo incancrenito, che ciecamente tenta di guidarli verso l'annientamento.
    Come colui che si pone di fronte a L’Assassino Minacciato, il lettore di Niente Panico potrà avvertire un senso di straniamento nel proseguo della trama, che lo metterà in condizione di dover superare l’apparenza per appropriarsi dell’essenza e, forse, non riuscirà nemmeno a reprimere un moto di compassione, non certo di giustificazione, verso la figura dell’assassino. Tuttavia, quel senso di straniamento viene bilanciato da un gioco di collegamenti tra i diversi attori del romanzo, che tu acutamente definisci “una sorta di ragnatela dove i personaggi sono posti ai nodi dell'intreccio, in modo che tutti siano collegati tra loro e, quando uno di loro muove un filo, lo si senta ad un altro capo.” E, proprio attraverso quella rete di relazioni, sempre approfittando delle tue parole, “a delitto avvenuto, la ragnatela scuote i suoi fili, la vibrazione si comunica ad altri nodi e mette in allarme altri protagonisti.”
    In concomitanza a tutto ciò, come avviene osservando La Città che Sale, chi legge il romanzo sperimenterà la sensazione di un turbinoso dinamismo, quello, appunto, che caratterizzò gli anni ’60 e che si evince, sia dagli squarci della Milano in mutamento, che dalle citazioni delle canzoni create e diffuse in quella particolare epoca.
    In conclusione, invito tutti a leggere il romanzo!
    Cristina, non ti ringrazierò mai abbastanza per le tue impagabili bravura, generosità e squisita sensibilità!
    Vorrei aggiungere solo un’informazione freschissima anche per me: Niente Panico sta per uscire in una nuova versione (avrà una copertina diversa, ancora più bella e risulterà perfezionato nella forma e nei contenuti) nella collana editoriale “Dedicato a…” di MonteCovello Editore, diventando disponibile in tutte le librerie, così come al sito www.montecovello.com , a partire dalla fine di questo mese di Ottobre.
    Un abbraccio affettuosissimo,
    Clementina Daniela

    RispondiElimina
  2. Ciao Clementina,

    sono contenta di aver colto il senso del romanzo, mi ha dato proprio la sensazione di una griglia in movimento, o ragnatela, specie quando si avvia verso il gran finale. Ti invito e ti auguro di scrivere ancora, mi è piaciuto il tuo modo di scrivere, fresco, pulito e adattissimo alla storia che volevi narrare.
    Mi auguro di averti anche tra i Membri del mio blog, e spero di vederti presto come sai... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. commossa, ringrazio e confermo la mia presenza sempre! :) <3

      Elimina
  3. Complimenti a Cristina che ci ha regalato ancora una delle sue squisite recensioni. E' sempre un immenso piacere leggere le tue sensibili e acute analisi dei testi. E complimenti vivissimi a Clementina Daniela S. per il suo affascinante romanzo. lo sto leggendo... Ieri notte ho dovuto a malincuore, causa bruciore agli occhi, interrompere la lettura e non vedo l'ora di riprenderla. La ricreazione dell'atmosfera di quegli anni, con relativa colonna sonora, è fantastica! Brava, brava davvero! E congratulazioni vivissime per l'imminente pubblicazione con la casa editrice :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Stella, mi unisco ai tuoi complimenti a Cristina, alla sua indiscussa bravura e ancor più rara sensibilità e mi sciolgo, letteralmente, in brodo di giuggiole nell'apprendere che stai leggendo il libro con piacere. Grazie di cuore a tutte e due!

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Tre croci" di Federigo Tozzi