Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


sabato 19 ottobre 2013

I Crudeli - Un banchetto d'onore, e doni troppo preziosi 4.

Quella sera, nella Sala dei Banchetti dal soffitto a volta di botte, due file di stendardi bianchi col simbolo del regno degli Innocenti (una mano che impugnava una spada, in verticale, e, sulla punta della spada, una corona) caddero orizzontalmente sopra le lunghe tavolate unite a ferro di cavallo. Sotto quegli stendardi, la principessa e le sue compagne avevano deposto, fra un coperto e l’altro, i fiori della primavera, riuniti in mazzi, intrecciati in ghirlande o accostati in belle composizioni. Poi avevano acceso centinaia di candele, ed occhi luminosi s’erano aperti sui tavoli, sui davanzali, sulle mensole: ciglia di fuoco avevano tremato alle correnti d’aria, e lacrime di cera erano corse lungo i corpi cilindrici.

Fuori, il cielo, geloso di tanta bellezza, aveva spalancato ogni finestra, persino la più lontana, e s’era colmato di stelle, piccole e grandi, luminose e fioche, come nella notte in cui, venticinque anni prima, insieme al suo gemello, era nato Aldebaran dei Crudeli. Emozionata, Lyra aveva posto l’ultima ghirlanda di fiori a cavallo dello scranno che avrebbe dovuto accogliere l’ospite inatteso – poiché le avevano riferito il motivo della visita di Aldebaran – e tutto era stato pronto per il banchetto e l’incontro fra i due giovani. Poi era ritornata nelle sue stanze, a farsi pettinare e vestire per l’occasione, in modo che rifulgesse come il più bello dei fiori.

Ora, sedeva accanto a lui, osando a malapena volgere la testa, intimidita dalla sua vicinanza e dal suo silenzio, e forse anche un poco delusa: seduto accanto a Lyra, Aldebaran aveva fatto scarso onore alle portate, ascoltato appena le spiritosaggini dei giullari, prestato distrattamente orecchio alle musiche di liuti e pifferi, e applaudito senza calore l’abilità dei giocolieri. Durante tutto il banchetto, inoltre, egli non aveva rivolto una sola parola alla principessa, immerso, o almeno così pareva, in pensieri distanti.

Bottega del Maestro di Folpard van Amerongen (opp. Miniatore fiammingo), Banchetto a corte con suonatori e servitori,
1446-1449 circa. Torino, Palazzo Madama - Museo Civico d'Arte Antica.

“Sei stata tu, mia signora, a disporre i fiori che ornano il banchetto di questa sera,” le disse egli d’un tratto, senza guardarla. La principessa trasalì, ed egli aggiunse con un sorriso, volgendosi a lei: “Non aver paura. Ho una discreta pratica nella magia ed ho percepito, grazie ad essa, nella seta di questi fiori, un palpito segreto: il dolce tocco delle tue mani.” A quelle parole, Lyra avvertì una vibrazione, quasi fosse stata ella stessa un fiore toccato da dita sapientissime: Aldebaran aveva una voce profonda – ora morbida come il velluto, ora ferma come una lama di spada, ora sussurrante come una brezza – di cui si serviva con l’arte d’un incantatore. Osò appena incontrare gli strani, chiarissimi occhi di Aldebaran, e il loro riflesso di madreperla; ed egli sorrise di nuovo. Il sorriso attenuò la severità del suo volto e il mistero delle sue pupille, al che ella ricambiò il sorriso e si preparò a rispondergli. 

Pochi istanti dopo, i due giovani conversavano fittamente, sotto l’occhio astioso e incupito di Mira.

***

Chioccia con pulcini, oreficeria longobarda
Museo del Duomo di Monza
Su  invito di Aldebaran, il giorno seguente Lyra entrò in una delle sale del castello, scortata dalle sue ancelle. La sala era ricolma dei doni ch’egli le aveva portato – rotoli di stoffe, antichi volumi, scrigni tempestati di pietre preziose – e, non appena ebbe varcata la soglia della stanza, la principessa si fermò, spalancando gli occhi quasi fosse spaventata da tutti quegli oggetti. V’era una chioccia d’oro con i pulcini che beccavano il grano; un paio di orecchini lunghissimi, composti da pietre dure, posati su un cuscino; un incunabolo con la copertina d’avorio, intagliata di figure. 
Girò attorno lo sguardo, incerta, fino a quando fu attratta da uno scrigno d’oro ornato di pietre dure, tutte incastonate una vicina all'altra; si avvicinò, lo prese, l’aperse e fece di nuovo tanto d’occhi: in esso splendeva un diadema di rubini e diamanti, così fulgido che avrebbe potuto rompere la tenebra più fitta.

Presunto ritratto di Lucrezia Borgia
nella 
Disputa di Santa Caterina del Pinturicchio
(Sala dei Santi, Appartamento Borgia).
In  quel mentre, un’ombra velò la luce della sala, un raggio, dalla finestra, fece scintillare il color viola di un’ametista e Lyra, sollevando il volto, vide Aldebaran, comparso come per incanto vicino a lei. Silenzioso, egli le si accostò, e la sua mano, ornata della pietra viola incastonata in un anello, tolse il diadema dallo scrigno, lo sollevò e glielo pose tra i capelli in un gesto quasi solenne, come un sovrano che intenda incoronare la sua regina. Poi, prese uno specchio rotondo, affinché potesse rimirarsi, glielo mise fra le mani, e lei vide le pietre bianche e rosse del diadema scintillare fra i suoi riccioli castani. Nella sua mente, paragonò lo splendore fragrante dei fiori, di cui le donne degli Innocenti s’adornavano, alla smagliante durezza di quelle gemme. “Un popolo tanto abile nel fabbricare la Bellezza non può essere del tutto crudele,” sussurrò Aldebaran, riferendosi al nome con cui erano noti – e temuti – gli abitanti del Quarto Regno. Lyra annuì, dimenticando che alcuni di quei metalli servivano anche a fabbricare spade, mazze, picche, scudi e lance da guerra.

Colta da un presentimento, la giovane girò lo sguardo: era sola. Al sopraggiungere di Aldebaran, le sue ancelle, contravvenendo agli ordini della regina di non lasciar mai la principessa, s’erano dileguate, come fa un branco di topi che, alla vista d’un gatto, abbandona il compagno più debole o ammalato.

“Permetti che ti faccia vedere altri capolavori della nostra oreficeria,” le disse egli, volgendo il palmo della mano all'insù, in un gesto d’invito irresistibile. La principessa pose la mano candida in quella bruna del principe, e si lasciò docilmente condurre verso altre meraviglie: la malia stava lavorando in lei, implacabile.
Share:

0 commenti:

Posta un commento

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Maigret e le donne fatali" di Georges Simenon