Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


sabato 1 giugno 2013

Una Storia Fiorentina - 14ma puntata

San Domenico, Beato Angelico (dettaglio del Cristo Deriso) -
Cappella del convento domenicano di San Marco,
Firenze
Il ritorno

“È il 1497. Nella città dove la grande cupola appare e scompare fra nuvole che paiono d’incenso, dove il fiume scorre, pallido, sotto i ponti, e dove le taverne, prive di canzoni e di giochi, sono diventate austere come conventi, una luna mistica campeggia in un cielo notturno.

Tuttavia, nella solenne profondità di San Marco, i frati domenicani – d’un bianco lunare il loro saio, d’un nero notturno il loro scapolare – siedono nel coro col cappuccio alzato e attendono, immobili, l’alba che sta per sorgere. L’oscurità che, dal pavimento e sotto le volte, si è addensata fino a rendere la chiesa simile ad una grotta, si va già dissolvendo; sull'altare le candele, che hanno bucato le tenebre con accecante splendore, ardono fiocamente nei loro laghi di cera.

Ma solo quando le stelle, dietro le vetrate, iniziano a tramontare, nel silenzio s’ode nascere un canto: pare sorgere dalle fondamenta della chiesa stessa, con timbro monocorde, mentre nella vetrata dell'altar maggiore va nascendo un chiarore colmo d’una palpitazione lieve, volta a far trascolorare il cielo notturno… Il canto subisce un arresto, si spegne… per risorgere subito, pieno e possente; ed il chiarore della vetrata si fa distinto, eppure sosta ancora, indeciso se manifestarsi appieno o dividere la sua presenza con la notte. Il canto allora fluttua nell'aria, si disperde… infine s’alza, sale, sale nella certezza dell’alba ormai prossima; e, goccia d’acqua in una polla limpidissima, s’apre in argentei cerchi ai piedi del trono di Dio.

In quell'istante, il primo raggio di sole cade dalla vetrata, accende l’aria bruna della notte.
Le vetrate compagne s’illuminano e, ripetendo e moltiplicando il prodigio, investono la chiesa d’uno sfolgorio abbagliante e gioioso.

Come chiamati da quei magici tocchi di luce, anche i volti misteriosi dei frati, fino a pochi istanti prima nascosti dall'ombra del cappuccio, s’illuminano, ed il volto di frate Filippo - colui che un tempo fu Guido - appare, con gli occhi chiusi in preghiera, nell'intensità della nuova fiamma che lo arde.

* * *

Dal giardino sale il profumo della magnolia fiorita: accesi dal crepuscolo morente, i fiori riverberano di un’ultima, sanguinosa bellezza, prima di divenire preda dell’oscurità.

Nella sala da pranzo, Bianca guarda, muta, il crepuscolo calare, e con la mano accarezza i capelli di suo figlio, che dorme con la testa appoggiata in grembo.

Quella mattina ella si era recata in San Lorenzo, per pregare in memoria del marito. Le finestre della chiesa, riflettendo il sole ormai sorto, proiettavano sottili, incrociati fasci di luce all'interno, simile al sartiame di una nave mistica. Lo stesso edificio pareva navigare su correnti invisibili, mosso dall'alitare di un vento misterioso che, a tratti, lo faceva ondeggiare. Al passaggio di Bianca, fumiganti candele avevano rabbrividito davanti ad effigi di santi, poco più in là un raggio di sole si era dissolto e ricomposto.


San Domenico e Santa Caterina,
pannello dipinto, 14mo secolo
Università di Cambridge, Facoltà d'Inglese
http://www.english.cam.ac.uk/medieval/zoom.php?id=137
Ella si era arrestata: investito e trasfigurato da quel raggio di sole, davanti a lei era fermo un giovane domenicano. Bianca non l’aveva riconosciuto finché i suoi occhi scuri non avevano incontrato quelli chiari, gelidi, del frate, ed una subitanea trafittura aveva attraversato il suo cuore. Poi, quel dolore acuto s’era fatto greve, ed era sprofondato in lei come un sasso nelle acque ferme di uno stagno. Le acque d’un antico moto dell’anima erano salito e traboccate, e s’erano frante contro la figura immobile del frate, scisse dalle tinte opposte del saio e dello scapolare.

Il domenicano aveva distolto per primo lo sguardo e, senza proferir parola, aveva ripreso il suo incedere lungo le cappelle, apparendo e sparendo fra i raggi incrociati di luce, figura accecante quando il bianco del suo saio entrava nella danza del pulviscolo dorato, oscura quando il nero dello scapolare s’accompagnava all'ombra. Il rumore dei suoi passi s’era perso in lontananza, dissolto nello svaporare d’un silenzio assoluto.

Bianca ora è sola, col fanciullo addormentato, ad ascoltare la brezza nascere e morire fra gli alberi del giardino, mentre la sua anima, contro un cielo incendiato, percorre vertiginosamente nove anni di silenzio.
Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Tre croci" di Federigo Tozzi