Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


venerdì 7 giugno 2013

La danza dello spirito, nei versi di Isa Malagoni

Oggi vi propongo un post comprendente gli ultimi commenti su tre raccolte poetiche di Isa Malagoni, pubblicate su ilmiolibro.it.

La danza dell'anima

Il titolo si riferisce al movimento di una fiammella donata da un’amica morente, in un battesimo di luce / fiamma vaporosa / esplosione / anima che vibra / si unisce / s’inchina / si divide in varie forme eleganti e richiama il dibattersi  dello spirito quando tenta di liberarsi dai lacci dei corpi materici, per ascendere al piano che gli appartiene. In questa raccolta di versi Isa non ha paura di usare parole importanti, e semplici al tempo stesso – come ‘fiori’ e ‘stelle’ – che per questo motivo recuperano il loro significato originario e simbolico e ci accompagnano a visioni di una realtà dove tutto è luce. Più l’anima è pura, più velocemente vibra e più acquisisce in potenza. Nell'Altrove essa continua a creare, in accordo con la sua vibrazione intrinseca, e a perseguire il suo compito. Ritornati alla loro Fonte originaria, coloro che ci hanno lasciato continuano a vivere, nell'attesa, come dice Isa, di passare stagioni in domicili diversi, in un volo infinito e senza confini.


Il pulcino di luce

Secondo Fakhr al-Din ‘Iraqi, autore musulmano e mistico sufi del 1289, un ordine divino spinse tutte le creature alla danza estatica. Esse  furono tratte dal sonno della non-esistenza grazie alla melodia celeste. L’Amato visitò l’amante, cioè l’anima dell’uomo, invadendolo d’amore. “Poi lo spirito precipitò nella danza e nel movimento” e ancora oggi l’intero universo danza. Ho citato questo autore così indietro nel tempo, ed appartenente ad una cultura apparentemente lontana dalla nostra, per riagganciarmi a un elemento molto presente in questa raccolta poetica di Isa Malagoni, e in altre che ho avuto la gioia di leggere: la danza mistica. Come efficacemente esprimono i versi di un essere fatto di pura luce: “Mi sei accanto / io ballo / tu danzi / non c’è sosta / solo immenso / il bello invisibile / il soffio che non ha pausa”. In questa corrente bidirezionale di estatici scambi, l’anima diventa “un pulcino di luce / sulle labbra di Dio.” Qualcosa di piccolo e soffice, e nello stesso tempo grande e misteriosamente bello.

http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=760476


L'eternità dell'attimo

Già nel titolo “L’eternità dell’attimo” è contenuto il paradosso insito in questa raccolta di poesie, che convergono in realtà su un’unica esperienza mistica che l’autrice ha inteso esprimere. Come nell'ultimo e XXXIII canto del Paradiso di Dante, nella famosa preghiera di san Bernardo alla Vergine, che viene definita “Vergine Madre, figlia del tuo figlio, / umile e alta più che creatura”, in una sequenza di opposti, così l’attimo di Isa viene amplificato nell'eternità della visione che unisce l’infinito al finito. La grazia ricevuta genera non solo la meraviglia, ma una continua tracimazione tra i cinque sensi: una mescolanza comunque armoniosa che produce versi come: “era tuo quel volto / che sprigionava stelle / nei miei occhi incantati / quell'affresco di cera lucente / sbocciato in un momento / e all'istante dissolto.” L’autrice non offre spiegazioni erudite e, in questa sede, inutili, non rivolta l’esperienza come un guanto; la accoglie e la porge anche a noi, credenti e non credenti, come farebbe con un fiore mistico. Sta a noi accettarlo o meno. Grazie, Isa.

Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Tre croci" di Federigo Tozzi