Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


sabato 4 maggio 2013

Una Storia Fiorentina - 10ma puntata

“L’estate si annuncia caldissima, gravida di raccolti opulenti. Una specie di sazia immobilità rende pigre le voci degli uccelli, lento lo scorrere del’acqua nella fontana. Le figlie del cielo sostano lungamente, prima che un soffio di vento le sospinga ancora nel loro eterno sfarsi e vagare. Nel giardino, all'ombra del grande albero, le ragazze ricamano o compongono ghirlande di fiori. Una di loro legge ad alta voce versi d’un poema:


La ninfa non si cura dello amante; 

la bella ninfa che di sasso ha il core,
anzi di ferro, anzi l’ha di diamante:
ella fugge da me…


La lettrice tace ed alza lo sguardo, temendo di leggere sul viso della sua padrona una straccia di stanchezza, ma la giovane donna le fa cenno di continuare. Bianca giace sofferente, indebolita dalla gestazione e dalla sua immobilità forzata. I medici le hanno pronosticato una gravidanza difficile e Bernardo, che alla notizia del suo stato è impazzito di gioia, le ha subito imposto un riposo simile ad una segregazione.

"Madonna del Parto" di Antonio Veneziano -
Montefiesole, tardo 1300
Tuttavia, nell'aria satura di calore, percorsa dai versi crudeli, Bianca non pensa all'uomo tradito, ma all'altro… all'altro che ella ha allontanato da sé per sempre. Guido è là, nelle vie assolate di Firenze, astro impazzito nel fuoco della sua ira e della sua passione, ed uno spasimo interiore di tenerezza la riporta, malgrado tutto, verso di lui. Ella sa, però, che nella mente dell’uomo – come i lontani bagliori d’estate accesi nell'enorme specchio oscuro del cielo – guizza la follia. Con la mano posata sul ventre, Bianca ascolta un movimento ch'è la sicurezza di una vita. In quella sonnolenta oscurità, dorme il figlio d’una mente solcata dai lampi, ed ella prega perché non riceva dal padre quel dono grande ed amaro.

 * * *

In una notte senza pioggia, dopo un travaglio infinito, Bianca respinge il suo fardello di carne, mordendosi le labbra a sangue per non gridare. È un lungo attimo, e poi nasce suo figlio. Suo figlio… ella ode il suo primo pianto raggiungerla attraverso le nebbie dell’incoscienza e del dolore… L’ombra della levatrice si muove al suo fianco, mani la sorreggono, l’acqua gocciola in una bacinella, ella avverte il tepore dei panni caldi e il sentore forte di un cordiale… ed infine vede suo figlio, postole tra le braccia: una peluria bionda sulla piccola testa, gli occhi, ancora acquosi, ma azzurri, la bocca fine, con una piega di sdegno: è Guido, che le appartiene per sempre.

"L'adorazione dei Magi" di Leonardo da Vinci 1481-1482
Galleria degli Uffizi, Firenze
http://www.polomuseale.firenze.it/musei/?m=uffizi
Share:

0 commenti:

Posta un commento

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono editor e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

IL MIO ULTIMO LAVORO
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Medicus" di Noah Gordon

Gli ultimi award

Il Franken-meme di Nocturnia