Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


venerdì 15 febbraio 2013

Il Gatto e la Volpe, in editoria e nell'arte

Ho appena letto l'articolo di presentazione sul sito di Fabbrica Borroni delle motivazioni con cui è stato intrapreso il progetto Spirito Italiano per la presentazione di giovani artisti in Italia, che vi invito a leggere per intero se ancora non l'avete fatto (http://www.fabbricaborroni.it/spirito-italiano.html). Vorrei ora prender spunto dall'articolo per fare un collegamento tra la situazione in cui versa lo stato degli artisti e quello degli scrittori in Italia.

Cito il giornalista per avviare il dibattito: "Il sistema dell'arte italiano sta morendo soffocato dalla situazione in cui si è messo da parecchi anni: gelido, elitario, una cupola mafiosa composta da due o tre riviste, quattro gallerie, poche decine di collezionisti “guidati”." Chi lavora da tanti anni nell'ambito editoriale, come me, sebbene in un settore di nicchia come le lingue nella scolastica, ma che è un appassionato lettore e scrittore, non può che riconoscere in questa descrizione le stesse modalità che governano il mondo della pubblicazione in narrativa. Poche case editrici ormai dominano il panorama, dopo acquisizioni selvagge andate avanti per anni, dove i pesci grandi hanno mangiato i piccoli e che hanno dato come risultato l'emersione di pochi gruppi editoriali, spesso collegati a poteri politici.



A sinistra: "Cenerentola e la Fata" - Illustrazione di Millicent Sowerby 1915 - Dall'undicesima edizione dell'Encyclopaedia Britannica (1911). Siamo sicuri che la fata voglia davvero aiutare Cenerentola?

Continuo sui punti salienti: "I giovani artisti sono trattati come servi o schiavetti, non vengono pagati, le loro opere si perdono misteriosamente nei meandri delle gallerie, ricevono false promesse per mostre che non si faranno mai, o se si faranno dovranno pagare catalogo, inaugurazione, tutto." Anche qui, sono gli stessi comportamenti opachi che dominano il mondo editoriale, dove a livelli nazional-popolari vengono allestiti falsi concorsi che sono come specchietti per le allodole, e che hanno il solo scopo di poter attingere denaro a chi intende partecipare nella speranza di avere qualche visibilità. Lo stesso avviene quando strane case editrici fanno leva sulla vanità degli autori promettendo la pubblicazione dell'opera dietro "modici" contributi. Con il risultato che l'opera viene sì stampata, ma giace inutilizzata nei magazzini, e senza una distribuzione efficace non potrà mai sperare di essere letta e apprezzata.

Dice il giornalista: "Questi non sono galleristi, sono affittacamere senza vergogna o nella migliore delle ipotesi mercanti travestiti. Così tanti giovani artisti sono scoraggiati, inerti, non sanno come reagire e quasi sempre non possono reagire, stanno ancora ad aspettare che questi squallidi personaggi si degnino di prenderli in considerazione. E vivono nella paura di ribellarsi a questo stato di cose, temendo di essere esclusi per sempre dai giri che contano." Accade la stessa cosa per i giovani scrittori (e anche meno giovani, non ne faccio una questione di età: siamo tutti nella stessa barca, sebbene i giovani siano più esposti), che, come nella favola di Pinocchio, vengono raggirati dal Gatto e dalla Volpe di turno, i quali promettono che dalle loro opere scaturiranno gli zecchini d'oro del Campo dei Miracoli. E molti autori, vuoi per inesperienza vuoi anche per vanità - non siamo affatto immuni da peccati - si fanno abbindolare da  false promesse, e cominciano a pagare. Sono gli stessi meccanismi psicologici che governano le televendite, i consulti da sedicenti maghi, le visite da ciarlatani che ti promettono miracoli salutistici e via discorrendo.

Il Gatto e la Volpe cercano di abbindolare Pinocchio
"Tutto questo deve finire perché è un sistema marcio, una palude insopportabile, un affronto a chi vive per l'arte sperando anche solo di essere preso in considerazione. L'arte deve diventare accessibile a tutti, non può essere più ostaggio di una squallida minoranza che difende i suoi privilegi."

Carissimi, leggendo queste parole, non vi vengono forse in mente gli ultimi scandali legati ai premi letterari di "alto" (chiamiamolo così) livello? E a nessuno è mai balenata l'idea che queste case editrici, ormai in crisi irreversibile per via della crisi economica e l'incalzare della rivoluzione nel digitale, si mettano d'accordo e si spartiscano il territorio, cioè decidano quale autore deve vincere, e quale no? E ai lettori non viene il dubbio che le classifiche commerciali dei libri più venduti possano essere fasulle, e che quindi abbiano lo scopo di spingere all'acquisto dei libri nelle prime posizioni in classifica, solo perché "così fan tutti" e si fa "bella figura" regalando il romanzo dell'autore in auge?

"Per fortuna esiste, e oggi vive malamente, una moltitudine di artisti, curatori, giovani e veri galleristi in pectore, possibili nuovi collezionisti, sinceri appassionati d'arte che non possono, non debbono e non vogliono entrare in questo sistema, e perciò o si adattano rinunciando ai loro ideali e alla loro voglia di costruire qualcosa di nuovo, o continuano a lottare e a progettare ma rimanendo per ora ai margini del sistema. L'arte è diventata inaccessibile se non per pochi eletti, che discutono fra loro e purtroppo decidono ancora oggi il destino degli artisti, in base a considerazioni che di artistico hanno poco o nulla..." È un dato di fatto che un editore sia anche imprenditore, che debba ricavare un profitto dalla vendita delle opere in catalogo; altrimenti sarebbe solo un benefattore a tempo perso. Ma deve essere un editore intelligente, e non rispondere solo a logiche di puro mercato, cavalcando le mode e stampando libri scritti (cosa di cui dubito) da calciatori, comici, veline, o dai personaggi del momento, solo per vendere qualche migliaio di copie in più. Si tratta di un meccanismo da cui può ricavare i "pochi, maledetti e subito"; ma che alla lunga si rivela fallimentare e alimenta un meccanismo tortuoso e malato.

"Ma non dobbiamo disperare, soprattutto non dobbiamo rassegnarci: dopo il lusso, il fashion, l’apparire piuttosto che l’essere, dopo la lenta agonia di questi “valori”, la cultura in tutte le sue forme sarà il faro principale per tutti, non solo per i giovani. In questa prospettiva ciascuno di noi dovrà svolgere al meglio la sua parte, operando perché tutti gli obiettivi vengano raggiunti nel loro insieme, e stando certi che i risultati anche economici saranno sorprendenti." Io spero davvero che la chiusa dell'articolo offra un buon auspicio anche per il mondo editoriale, e sottolineo in particolare il punto dove si dice che ognuno dovrà fare la sua parte. Anche noi, nel nostro piccolo, possiamo farlo tramite un comportamento onesto e intelligente: da autore, da editore (anche in rete!), da acquirente e lettore. In una parola, possiamo fare vera cultura, tutti insieme. 
Share:

1 commento:

  1. Hai detto praticamente tutto! Uno sfogo, una denuncia, una vera e propria dichiarazione d'attacco, che appoggio in pieno, condividendo ogni singola parola. Continuiamo a dare battagli agli editori speculatori, sperando che la nostra voce arrivi sempre più in alto. Al diavolo le classifiche, al diavolo le edizioni rilegate con sovracoperta costosissime, al diavolo gli editori che chiedono soldi, al diavolo i premi letterari fasulli. Sono solo ingranaggi di una macchina malata che va ristrutturata dalle sue fondamenta!

    RispondiElimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Belgravia" di Julian Fellowes