Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


mercoledì 23 gennaio 2013

Nel cerchio vibrante del sogno

Vi presento ora "Il sogno è più lungo della vita", raccolta poetica di versi di Isa Malagoni, sempre pubblicata sul sito www.ilmiolibro.it.
----

Il poeta è un animale-narciso, spesso follemente innamorato di sé in tutti i sensi: del suo aspetto fisico, se è avvenente (senza alcuna differenza tra uomo donna) e, soprattutto, della capacità di trasporre in versi un sentire che, a suo modo di vedere, è sempre di alto calibro. Il poeta si bea nel suo egocentrismo, e questa alta considerazione di sé traspare moltissimo dalle poesie, in cui la parola “io” campeggia, bene in vista o camuffata tra i versi nei modi più svariati. Nelle poesie di Isa Malagoni non c’è niente di tutto questo: l’autrice è affascinata, sì, ma non dal suo ego, bensì da uno spirito immerso in una realtà più vasta e intangibile, che nutre e da cui è nutrita. Sembra evidente che, al di là delle sue capacità espressive, derivate anche da un’estrema sensibilità personale, Isa abbia intuito, o meglio ancora visto, e veda, che cosa ci sia al di là del confine che separa questo mondo da una realtà invisibile e immateriale. Isa considera lo stato del sogno più lungo della vita, come se ormai misurasse l’esistenza umana servendosi di un metro da sarto che ha smesso di essere quello terreno, per tramutarsi in quello celeste. 


"The Lady of Shallott" di John Atkinson Grimshaw - Private Collection

C’è dunque qualcosa che va oltre la nostra stessa percezione, dice Isa, prosegue e ci sopravvive, ci immerge nell’eternità. Qualcosa che è bene cogliere con lo strumento della poesia, ma non descrivere puntigliosamente, pena il suo svanire come il profumo di un fiore, o il brillare del raggio in una stanza. Tutta la scrittura di quest’autrice è intrisa nel profondo di una dolcezza luminosa, eppure questa delicatezza è ben lungi dall’essere svenevole. I versi sono sommessi eppure vibranti, occupati in un incessante dialogo con il divino da cui non vogliono e non possono distogliersi. 

Le immagini sono semplici e vere, e fra esse ne trascrivo solo alcune, imbarazzata nella scelta: tra i vetri dell’anima respiro, dice del sogno, come se usasse l’immagine evangelica della lampada da esporre o quella, più cara alla nostra infanzia, delle ombre cinesi nella lanterna. E diventa impossibile commentare, a meno di non rovinarne l’armonia: dirigo il vento divino / tra le finestre accecate / domo cavalli fuggiaschi. La fretta restringe i pori, dice in un altro, bellissimo verso, unendo il movimento fisico ad una percezione sensoriale. Non c’è dunque alcun intento didascalico nel suo modo di fare poesia, che darebbe ai suoi versi un tono sentenzioso abbassandone l’impatto; solo ci rammenta di lasciarci bagnare il corpo / nell’acqua variopinta / l’anima nella meraviglia

Il sogno diventa così "presenza e persona" nata insieme noi, e al nostro fianco: fra le mani una verga d’oro a dischiuderci le porte di un Tempo ormai divenuto eterno.


Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Il tempio della luce" di Daniela Piazza